Cerca e trova immobili

GUERRA IN UCRAINA«Un'indagine internazionale sull'aereo caduto»

25.01.24 - 07:26
Il presidente Zelensky vuole che sia fatta chiarezza sull'abbattimento del velivolo che ha provocato la morte di 65 prigionieri ucraini.
keystone-sda.ch (Oleg Petrasyuk)
Fonte ats ans
«Un'indagine internazionale sull'aereo caduto»
Il presidente Zelensky vuole che sia fatta chiarezza sull'abbattimento del velivolo che ha provocato la morte di 65 prigionieri ucraini.

KIEV - Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, chiede un'indagine internazionale sull'aereo abbattuto in Russia con 65 prigionieri ucraini a bordo.

«È ovvio che i russi giocano con la vita dei prigionieri ucraini, con i sentimenti dei loro parenti e con le emozioni della nostra società», ha detto nel suo messaggio serale su Telegram.

«È necessario stabilire tutti i fatti chiari», ha aggiunto spiegando che i servizi ucraini «stanno indagando tutte le circostanze» dell'accaduto e di aver incaricato il suo ministro degli Esteri «di informare i partner sui dati disponibili all'Ucraina».

Dopo il (presunto) abbattimento dell'aereo Ucraina e Russia si sono accusate a vicenda. Nella giornata di ieri il ministro degli Esteri russo Seghei Lavrov aveva chiesto una riunione urgente del Consiglio di Sicurezza dell'ONU. Richiesta urgente che non è però stata accolta dal congresso, che tratterà la vicenda solo nella giornata odierna.

Mosca ribatte: «Inchiesta internazionale, ma sui crimini di Kiev» - Le accuse di Zelensky sono state rispedite al mittente da Mosca che ha ribattuto al presidente ucraino tramite il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. «Un'inchiesta internazionale sulle azioni criminali del regime di Kiev, sicuramente ce n'è bisogno». Secondo Peskov citato dall'agenzia Interfax, l'abbattimento dell'aereo russo è stato «un atto mostruoso che non può essere compreso». A questo punto, secondo il portavoce, «nessuno può dire» se gli scambi di prigionieri tra russi e ucraini continueranno. «Il fatto che gli ucraini abbiano ucciso i loro prigionieri, i loro cittadini, che dovevano essere a casa letteralmente in un giorno - conclude - è ovviamente un atto mostruoso e nessuno può dire quale impatto ciò avrà sulle prospettive di continuare questo processo», 

Ciò che è successo ...

Un aereo militare russo II-76 è precipitato nella regione di Belgorod, al confine con l'Ucraina, causando la morte di tutti a bordo. Non è ancora chiara la causa dell'incidente, ma sia la Russia che l'Ucraina sostengono che l'aereo sia stato abbattuto. Secondo i canali Telegram russi, a bordo dell'aereo c'erano 65 prigionieri di guerra ucraini, sei membri dell'equipaggio e tre accompagnatori. Questi prigionieri dovevano essere liberati come parte di uno scambio più ampio che coinvolgeva 193 prigionieri ucraini e russi. Il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov, ha chiesto una riunione urgente del Consiglio di Sicurezza dell'ONU per discutere l'incidente.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

HenryChinaski 2 mesi fa su tio
Questo pagliaccio e i suoi sostenitori giornalai filo ukronazi sono sempre più patetici.

Frankino 2 mesi fa su tio
zelensky ..pien da ball

carlo56 2 mesi fa su tio
ci manca anche questo… forse non abbiamo capito che questa è la guerra, un modus dove tutto è ammesso al di là di accordi internazionali, etica o retorica. per questo le guerre non andrebbero mai avviate, e se subite andrebbe subito cercato un modo d’uscirne anche cedendo qualcosa: meglio un po’ più poveri che completamente poveri e distrutti.

Gino 2 mesi fa su tio
Risposta a carlo56
È giusto, la Russia dovrebbe capire che è meglio cedere qualcosa.

PanDan 2 mesi fa su tio
il "nanetto" ha rotto, vi siete cercati il confronto,ora c'è!

centauro 2 mesi fa su tio
Risposta a PanDan
Vero, il nanetto di Mosca è da anni che rompe le scatole dentro e fuori il suo paese!
NOTIZIE PIÙ LETTE