Immobili
Veicoli

ITALIA«Immunità di gregge» o «endemia fino alla prossima variante»?

09.01.22 - 21:30
Omicron prosegue il suo sprint. Ma le previsioni su come finirà la corsa non sono unanimi
Reuters
«Immunità di gregge» o «endemia fino alla prossima variante»?
Omicron prosegue il suo sprint. Ma le previsioni su come finirà la corsa non sono unanimi

ROMA - C'è un aspetto di questa pandemia, in cui siamo immersi ormai da due anni, che non sembra aver subito grandi mutazioni: è la confusione. Inevitabile quando ci sono tante voci che parlano tutte insieme; e che diventa a tutti gli effetti una sorta di dedalo per i profani quando le voci in questione sono quelle degli esperti chiamati ad accendere una luce. È una situazione a cui si è assistito spesso nella vicina Italia e a cui l'avvento dell'insidiosa variante Omicron ha apportato, negli ultimi giorni, ulteriore ossigeno.

L'ultima "bagarre d'idee" a distanza si è consumata nel corso del fine settimana tra i le frequenze di "Rai1" e le colonne del quotidiano "La Stampa". Ai microfoni della prima rete nazionale italiana, il professor Matteo Bassetti, primario del San Martino di Genova, ha rievocato il concetto di immunità di gregge. Era la grande speranza durante la prima ondata, divenuta una sorta di chimera con l'emergere delle prime varianti e trasformatasi in seguito in una sorta di nebulosa. Secondo Bassetti, se l'andamento dei contagi dovesse proseguire sul ritmo attuale - l'Italia in queste ultime 72 ore viaggia su una media di circa 200mila nuovi casi al giorno - «verosimilmente nella prossima primavera noi oltre il 95% degli italiani che tra vaccinazioni e infezione naturale avrà raggiunto l'immunità».

Le previsioni di Bassetti si basano sullo scenario osservato nel Regno Unito che, a suo dire, «oggi si trova ad avere il 98% della popolazione che è in qualche modo protetta dal virus» e quindi «almeno dalle forme più gravi» della malattia. «Io penso - ha aggiunto - che con la primavera dovremmo iniziare a vedere quella luce che speriamo di vedere». Di carattere meno definitivo sono invece le parole dell'immunologo Guido Rasi. In un'intervista rilasciata oggi al foglio torinese, il consulente del commissario italiano all'emergenza Francesco Figliuolo ha voluto sottolineare come sia «difficile parlare di immunità di gregge».

Il motivo, spiega Rasi, resta ancorato all'eventualità che il coronavirus subisca in futuro nuove mutazioni capaci di dare vita a una nuova variante dalle proprietà preoccupanti. E nello scenario attuale? «Tra vaccinati e guariti andremo verso l'endemizzazione del virus fino alla prossima variante. Se Omicron rimanesse dominante la situazione si stabilizzerebbe, ma lo pensavamo anche per Delta». E quindi l'incertezza rimane, paradossalmente, l'unica grande certezza.

COMMENTI
 
Don Quijote 7 mesi fa su tio
Più che confusione c'è la presunzione di poter controllare qualcosa che segue imperterrita un decorso naturale da quando esiste l'uomo. I virus influenzali ci sono sempre, a volte leggeri e altre volte più aggressivi, comunque se ne vanno come sono arrivati e al momento non hanno superato mai i due anni. Il loro bersaglio principale sono le persone anziane e quelle compromesse da altre malattie, in questo caso soggetti in sovrappeso o con obesità sono ad altissimo rischio, anche se alcuni medici hanno la faccia tosta di definirli sani per sostenere che il covid uccide anche i 50enni in perfetta salute.
Thinks 7 mesi fa su tio
👍😉
lollo68 7 mesi fa su tio
La confusione l'hanno creata i media che riportano notizie che non corrispondono alla realtà. Quando leggo che il 90% dei ricoverati non è vaccinato, ma fra le conoscenze i positivi sono i vaccinati qualcosa non quadra visto che da mesi c'è il 2G (da quando i tamponi sono diventati a pagamento). È possibile che i pazienti sappiano che esistono le cure, ma non lo sanno i medici? L'atleta Schlumpf ha una miocardite dopo la terza dose. Come si fa ad imporre un siero sperimentale con questi effetti collaterali?
Fkevin 7 mesi fa su tio
iniziano con gli obblighi ecc.... Ma perfavoreeeeee.....ancora convinti che i colpevoli sono i non vaccinati ecc... Poi certo che ci saranno le varianti, ma se si smettesse di fare i tamponi e parlare diventa subito endemico. Invece continuate a formentare paure su paure. Bastaaaaaaa perché dopo due anni e dopo passa un anno di vaccinazioni ancora Ve la fate in mano
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO