Immobili
Veicoli
AFP
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
40 min
Un enorme rogo minaccia l'iconica Highway 1
L'incendio ha già mandato in fumo 600 ettari di vegetazione e costretto le autorità a evacuare una vasta area.
ITALIA
1 ora
Pulmino di turisti cade in un torrente, morto l'autista
L'incidente è avvenuto in Val d'Aosta, vicino all'abitato di Champoluc. Salvi i quattro passeggeri.
ITALIA
2 ore
Berlusconi fa un passo indietro e rinuncia alla candidatura
Il leader di Forza Italia non sarà il nuovo presidente della Repubblica.
TONGA
2 ore
La priorità immediata a Tonga? L'acqua potabile
Ripristinato oggi, anche se in modo limitato, l'accesso al contante per acquistare i generi di prima necessità
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
Mortalità tra i non vaccinati: 52,9 ogni 100mila (tra i vaccinati è di 1,6)
Il personale sanitario ha il dovere di proteggersi, secondo il vice capo del programma di vaccinazione britannico.
UCRAINA
7 ore
Gli aiuti di Usa e Germania all'Ucraina
Berlino si è però rifiutata d'inviare armi a Kiev: «Non sarebbe utile al momento»
GERMANIA
8 ore
È ufficiale, Friedrich Merz è il nuovo leader della Cdu
Il nuovo eletto ha trionfato con il 94% dei voti del partito.
INDIA
10 ore
Incendio a Mumbai, almeno sette morti e 17 feriti
Le fiamme sono divampate al 18esimo piano, sono intervenuti 13 camion dei pompieri
STATI UNITI
10 ore
"No mask" mostra il sedere a una hostess: rischia 20 anni di carcere
Il passeggero di un volo Dublino-New York di Delta andrà a processo
FOTO
GIAPPONE
11 ore
Terremoto di magnitudo 6,6, almeno 10 feriti
La scossa è avvenuta a una profondità di 45 km ed ha interessato le prefetture di Miyazaki e Oita sull'isola di Kyushu
MONDO
11 ore
Priorità per il 2022: «Sconfiggere la pandemia e rivedere le regole della finanza mondiale»
Sono due dei cinque obiettivi illustrati dal Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres
STATI UNITI
13 ore
Un poliziotto ucciso e un altro ferito ad Harlem
Gli investigatori parlano di una vera e propria imboscata
REGNO UNITO
25.10.2021 - 18:350
Aggiornamento : 26.10.2021 - 12:18

Facebook: la testimonianza di Frances Haugen al Parlamento britannico

Dopo il suo esposto negli Stati Uniti, l'ex dipendente ha oggi raggiunto anche i legislatori britannici

Intanto stanno venendo a galla i "Facebook Papers", sulla base dei documenti rilasciati dalla Haugen al Congresso USA

LONDRA - Facebook ha esperienza nell'affrontare crisi e attacchi, ma quello attuale è probabilmente il periodo più buio della storia del social network di Mark Zuckerberg e sono in molti, in particolare tra i dipendenti, a sperare che qualcosa possa cambiare.

Venerdì, diversi media statunitensi hanno iniziato a pubblicare una serie di storie - collettivamente chiamate "The Facebook Papers" - basate su centinaia di documenti interni della società che sono stati consegnati al Congresso statunitense dai legali di Frances Haugen, la talpa di Facebook. Tra questi, la CNN, il Wall Street Journal e il New York Times.

Utilizzato per «coordinare discordia e violenza», per «trafficare esseri umani», e «senza una moderazione efficace» dei contenuti, le accuse nei confronti della creatura di Zuckerberg si sprecano, e toccano diverse parti del suo business: in particolare la lotta contro l'odio e la disinformazione e la protezione degli utenti più giovani. Nel frattempo, l'azienda sembra perdere rapidamente la fiducia, e non solo tra alcuni dei suoi utenti, ma anche internamente.

«A cosa serve la commissione di vigilanza?»
Dopo aver parlato davanti al Congresso USA, oggi Haugen ha testimoniato di fronte al Parlamento britannico, ribadendo che l'azienda, di fronte alla scelta tra sicurezza e profitti, «continua a scegliere i profitti». Per l'ex dipendente, poi, Facebook ha «un enorme punto debole» quando si tratta di far arrivare i problemi su per la catena di comando, fino ai dirigenti.

Inoltre, «se Facebook può semplicemente ingannare l'Oversight Board - che è quello che ha fatto - non so quale sia lo scopo di tale commissione» ha denunciato. L'Oversight Board, lo ricordiamo, è una sorta di Corte Suprema per Facebook, composta da esperti esterni in settori come la libertà d'espressione e i diritti umani.

In aggiunta, la whistleblower ha detto che non c'è «nessuna volontà ai vertici» di Facebook di affrontare questi problemi. In seguito ha aggiunto che una delle sue principali preoccupazioni riguarda le altre lingue in cui è usata la piattaforma: «Facebook dice cose come "supportiamo 50 lingue", quando in realtà la maggior parte di queste lingue ricevono una piccola frazione dei sistemi di sicurezza che l'inglese riceve». 

Facebook cambierà?
Insomma, non c'è una fine in vista per i problemi di Facebook, il cui CEO Mark Zuckerberg ha sempre negato le accuse, e sta ora pianificando di cambiare nome alla piattaforma. Una mossa che, secondo la CNN, potrebbe essere solo «una mano di vernice» che «non risolverà i problemi di fondo delineati nei documenti».

Ciò che è chiaro è che i riflettori sono puntati sul gigante tecnologico, per capire se lo scandalo attuale, probabilmente il più grande di sempre, possa far cambiare qualcosa: Facebook modificherà le sue politiche in risposta alle rivelazioni degli attuali ed ex-dipendenti e sarà più trasparente, o continuerà con gli affari come al solito, sotto un nuovo nome? Qualcosa in più, forse, la si scoprirà giovedì.

D'altronde, Haugen ha dichiarato anche che «se Facebook può affrontare i problemi che sono emersi, tra 10 anni sarà un'azienda più redditizia e di successo».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Peter Parker 2 mesi fa su tio
Quindi in pratica si vuole che FB applichi una censura piu invasiva? Ovviamente deve essere censurato tutto cio' che e' illegale, immorale e quant altro. Ma per le differenti visioni politiche, le critiche verso un governo....chi decide cio' che deve essere bloccato o censurato? Le leggi del governo stesso? Andiamo bene.
Mattiatr 2 mesi fa su tio
@Peter Parker Io sono contro alla censura, perché i criteri sono personali. Basti pensare a ciò che è immorale, tempo addietro era immorale parlare esplicitamente di sesso, oggi è nel programma scolastico (per fortuna). Sono dell'idea che le azioni varie portate avanti da UE, States, ecc. vadino totalmente verso la direzione sbagliata. Bisognerebbe lottare contro la censura, non regolamentarla, perché altrimenti si rischia che pure la libertà stessa di espressione venga in futuro messa in discussione.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-22 21:33:40 | 91.208.130.87