AFP
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
Italia
21 min
Si spengono i riflettori sul piccolo Eitan. Dopo 84 giorni è tornato a casa
La famiglia: «Ora ha bisogno di serenità e tranquillità per affrontare un percorso di recupero delicato»
Regno Unito
3 ore
Avevano torturato un bimbo fino alla morte, condannati
Arthur Labinjo-Hughes aveva solo sei anni. Il padre con la fidanzata gli hanno fatto subire «crudeli abusi»
GERMANIA
5 ore
Il picco delle terapie intensive è previsto per Natale
«Non si può perdere tempo, non bisogna perdere neppure un giorno» secondo il presidente del Robert Koch Institut
ITALIA
6 ore
Sottrae 500mila euro dai libretti postali: indagata
Il maltolto sarebbe stato speso nel gioco d'azzardo
SUDAFRICA
7 ore
La quarta ondata si muove più velocemente delle precedenti
L'incidenza dei ricoveri dei bambini sotto i cinque anni di età è inferiore solamente a quella degli over 60
AUSTRIA
9 ore
Il nome di Nehammer come nuovo cancelliere
L'attuale ministro dell'Interno sarà anche il nuovo segretario del partito
STATI UNITI
9 ore
Nove colpi di pistola ad un disabile, licenziato un agente di polizia
Il 61enne in sedia a rotelle brandiva un coltello, e si stava recando in un centro commerciale
Francia
11 ore
Si candida come presidente: YouTube lo oscura e i media lo denunciano
Il saggista di estrema destra ha violato i diritti di autore e d'immagine. In totale potrebbe dover pagare 400'000 euro
MONDO
12 ore
«Omicron aveva già fatto il giro del mondo»
La virologa dell'università di Berna Hodcroft: «Le restrizioni servono solo a prendere tempo»
STATI UNITI
13 ore
Alec Baldwin ha armato manualmente la pistola
Nell'intervista con Abc News ha spiegato come è partito il colpo che ha ucciso Halyna Hutchins
GERMANIA
13 ore
«Grazie, Angela»
«Vi ringrazio tutti dal profondo del cuore», ha detto l'esperta politica durante la cerimonia di fine mandato
STATI UNITI
13 ore
Lo shutdown è evitato
Il governo Usa ha fondi per finanziare le sue attività fino al 18 febbraio
REGNO UNITO
25.10.2021 - 18:350
Aggiornamento : 26.10.2021 - 12:18

Facebook: la testimonianza di Frances Haugen al Parlamento britannico

Dopo il suo esposto negli Stati Uniti, l'ex dipendente ha oggi raggiunto anche i legislatori britannici

Intanto stanno venendo a galla i "Facebook Papers", sulla base dei documenti rilasciati dalla Haugen al Congresso USA

LONDRA - Facebook ha esperienza nell'affrontare crisi e attacchi, ma quello attuale è probabilmente il periodo più buio della storia del social network di Mark Zuckerberg e sono in molti, in particolare tra i dipendenti, a sperare che qualcosa possa cambiare.

Venerdì, diversi media statunitensi hanno iniziato a pubblicare una serie di storie - collettivamente chiamate "The Facebook Papers" - basate su centinaia di documenti interni della società che sono stati consegnati al Congresso statunitense dai legali di Frances Haugen, la talpa di Facebook. Tra questi, la CNN, il Wall Street Journal e il New York Times.

Utilizzato per «coordinare discordia e violenza», per «trafficare esseri umani», e «senza una moderazione efficace» dei contenuti, le accuse nei confronti della creatura di Zuckerberg si sprecano, e toccano diverse parti del suo business: in particolare la lotta contro l'odio e la disinformazione e la protezione degli utenti più giovani. Nel frattempo, l'azienda sembra perdere rapidamente la fiducia, e non solo tra alcuni dei suoi utenti, ma anche internamente.

«A cosa serve la commissione di vigilanza?»
Dopo aver parlato davanti al Congresso USA, oggi Haugen ha testimoniato di fronte al Parlamento britannico, ribadendo che l'azienda, di fronte alla scelta tra sicurezza e profitti, «continua a scegliere i profitti». Per l'ex dipendente, poi, Facebook ha «un enorme punto debole» quando si tratta di far arrivare i problemi su per la catena di comando, fino ai dirigenti.

Inoltre, «se Facebook può semplicemente ingannare l'Oversight Board - che è quello che ha fatto - non so quale sia lo scopo di tale commissione» ha denunciato. L'Oversight Board, lo ricordiamo, è una sorta di Corte Suprema per Facebook, composta da esperti esterni in settori come la libertà d'espressione e i diritti umani.

In aggiunta, la whistleblower ha detto che non c'è «nessuna volontà ai vertici» di Facebook di affrontare questi problemi. In seguito ha aggiunto che una delle sue principali preoccupazioni riguarda le altre lingue in cui è usata la piattaforma: «Facebook dice cose come "supportiamo 50 lingue", quando in realtà la maggior parte di queste lingue ricevono una piccola frazione dei sistemi di sicurezza che l'inglese riceve». 

Facebook cambierà?
Insomma, non c'è una fine in vista per i problemi di Facebook, il cui CEO Mark Zuckerberg ha sempre negato le accuse, e sta ora pianificando di cambiare nome alla piattaforma. Una mossa che, secondo la CNN, potrebbe essere solo «una mano di vernice» che «non risolverà i problemi di fondo delineati nei documenti».

Ciò che è chiaro è che i riflettori sono puntati sul gigante tecnologico, per capire se lo scandalo attuale, probabilmente il più grande di sempre, possa far cambiare qualcosa: Facebook modificherà le sue politiche in risposta alle rivelazioni degli attuali ed ex-dipendenti e sarà più trasparente, o continuerà con gli affari come al solito, sotto un nuovo nome? Qualcosa in più, forse, la si scoprirà giovedì.

D'altronde, Haugen ha dichiarato anche che «se Facebook può affrontare i problemi che sono emersi, tra 10 anni sarà un'azienda più redditizia e di successo».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Peter Parker 1 mese fa su tio
Quindi in pratica si vuole che FB applichi una censura piu invasiva? Ovviamente deve essere censurato tutto cio' che e' illegale, immorale e quant altro. Ma per le differenti visioni politiche, le critiche verso un governo....chi decide cio' che deve essere bloccato o censurato? Le leggi del governo stesso? Andiamo bene.
Mattiatr 1 mese fa su tio
@Peter Parker Io sono contro alla censura, perché i criteri sono personali. Basti pensare a ciò che è immorale, tempo addietro era immorale parlare esplicitamente di sesso, oggi è nel programma scolastico (per fortuna). Sono dell'idea che le azioni varie portate avanti da UE, States, ecc. vadino totalmente verso la direzione sbagliata. Bisognerebbe lottare contro la censura, non regolamentarla, perché altrimenti si rischia che pure la libertà stessa di espressione venga in futuro messa in discussione.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-03 21:21:20 | 91.208.130.85