Immobili
Veicoli

GERMANIACoronavirus, in Germania «non ci sarà un lockdown per i vaccinati»

31.08.21 - 19:25
Jens Spahn ha ribadito, e difeso, le decisioni del Governo tedesco
Keystone
Coronavirus, in Germania «non ci sarà un lockdown per i vaccinati»
Jens Spahn ha ribadito, e difeso, le decisioni del Governo tedesco
Si viaggia verso una maggiore libertà? «Non finché non aumenta il tasso di vaccinati» ha detto il Ministro della Salute

BERLINO - Per coloro che sono stati vaccinati, in Germania, non ci sarà un nuovo lockdown: niente misure di coprifuoco o divieti di contatto.

Lo ha confermato il Ministro della Sanità tedesco, Jens Spahn, durante la trasmissione televisiva "Hart aber Fair" dell'emittente WDR, dove ha discusso riguardo ai test rapidi e alla situazione Covid in generale, rispondendo alle critiche di alcuni oppositori.

Gratuità dei test? «Tempismo pessimo»
A partire dall'11 ottobre, in Germania, i test rapidi non saranno più gratuiti. Una decisione che, secondo il Segretario Generale del Partito Liberale Democratico (FDP), Volker Wissing, arriva «nel peggior momento possibile».

Un coro a cui si è unita anche la leader del partito di sinistra (Die Linke) Janine Wissler, che ha dichiarato che questa è l'ora per «testare il più possibile», in particolare visto l'aumento dei casi con l'arrivo dell'autunno, «per avere una migliore visione d'insieme della situazione pandemica».

Spahn ha però difeso la decisione, spiegando che dev'essere la vaccinazione il modo con cui garantire la sicurezza della popolazione durante la pandemia. Oltre a ciò, i test sono molto costosi per i contribuenti: «Perché gli altri dovrebbero pagare per qualcuno che avrebbe potuto farsi vaccinare, invece che testare?».

Obbligo vaccinale? «No»
Sulla possibilità che anche in Germania venga istituito un obbligo vaccinale, Spahn ha ribadito che non se ne parla, confermando che è imperativo prestare attenzione alle «tensioni esistenti» nel Paese, in modo che non diventino vere e proprie divisioni. E un mandato del genere andrebbe proprio in questa direzione.

Anche i membri dell'opposizione, ovvero Wissing e Wissler, si sono espressi contro la vaccinazione obbligatoria, parlando di affidamento sulla «responsabilità» della gente, e aggiungendo che nessuno dovrebbe «essere costretto».

I datori di lavoro dovrebbero poter informarsi sullo stato di vaccinazione dei loro dipendenti? Secondo Spahn, «sì», è uno scenario ipotizzabile.

«Tasso ancora troppo basso»
La Germania mira al ritorno alla normalità? Una tale eventualità sarebbe possibile solo con un tasso di vaccinazione «significativamente» più alto, ha detto il Ministro della salute. Un aumento del tasso di vaccinati di «almeno il dieci per cento» è ancora necessario «per poter dirigersi con passo sicuro verso libertà maggiori». 

Tuttavia, c'è un punto cruciale: nessun vaccino è ancora stato ancora approvato per i bambini sotto i 12 anni, e il numero di casi sta salendo: l'incidenza nel gruppo di età da 5 a 14 anni nel Land Nord Reno-Westfalia è salito a oltre 500 dopo le vacanze estive.

Al momento, l'insegnamento in presenza ha una certa priorità, secondo Spahn: «I mesi senza asilo e scuola sono stati troppo duri, tra l'altro anche con conseguenze per la salute dei bambini e dei giovani», ha detto, appellandosi ancora una volta ai non vaccinati: «Gli adulti possono proteggere gli under 12 vaccinandosi».

COMMENTI
 
Giuggiola83 1 anno fa su tio
ribadisco che secondo me i vaccinati, almeno per contenere i contagi, dovrebbero per certe cose venir tamponati... se sono liberi, mai controllati, tutti ammucchiati, mai in quarantena neanche se vivono con un contagiato.... potrebbero essere contagiosi e far propagare il virus. i non vaccinati invece sono sempre tamponati, limitati, in quarantena... quindi forse i non vaccinati rischiano si di finire in ospedale e i vaccinati no, ma secondo me dire che il virus gira solo a causa dei novax è errato.
emib53 1 anno fa su tio
Purtroppo molti vaccinati credono di poter abbandonare già ora le buone abitudini di distanza e igiene perché si credono immuni. Anche se il rischio di venir contagiati è basso e la carica virale resta bassa e dura poco tempo, è necessario continuare a fare attenzione. Se così ci si comportasse tutti, continuare a spendere così tanti soldi in tamponi per i vaccinati risulterebbe del tutto inutile, no? Per i non vaccinati, invece, trovo giusto che paghino di tasca propria i tamponi ora che c'è un'alternativa.
Giuggiola83 1 anno fa su tio
secondo loro quindi chiudendo in casa i non vaccinati e lasciando "liberi" i vaccinati il virus non girerebbe più?
Fkevin 1 anno fa su tio
Aspettiamo in inverno. Basta non fare tamponi poi tutto v bene 😄😄😄😄. Poi alcuni studi dicono che siamo tutti uguali riguardo la contaggiosità. Altri no. Mamma mia decidetevi. Il vaccinato diventa un Superman mentre il no vax? Il problema di tutti i mali. Vedrete, siamo noi i colpevoli dell'inverno e della "pandemia"
Aargauer 1 anno fa su tio
😘
Mattiatr 1 anno fa su tio
Amico mio, ognuno ha le proprie idee, però se inizi a prendere per il cul0 la gente è normale che nessuno si voglia confrontare con te.
Aargauer 1 anno fa su tio
Fattene una ragione..logorroico!
Fkevin 1 anno fa su tio
Io non voglio il confronto, Sicuramente da gente come te. Io vivo al contrario di voi che vivete nella paura 😄😄😄
emib53 1 anno fa su tio
Caso mai, al contrario della maggioranza di noi, vivi in un mondo parallelo dove la realtà non è importante, solo il se, come parecchi altri qui che insistono a raccontare le favole.
Mattiatr 1 anno fa su tio
Non sono vagamente preoccupato dalla situazione, le restrizioni mi rappresentano un fastidio più che una via per la salvezza. Il mio intento voleva esser quello di farti notare che se prendi per il cul0 la gente, essa non ti prende sul serio e ti tratta come un 1d1ota. Non riesco a capire se hai delle opinioni considerabili, con la quale ampliare il mio specchio di giudizio, proprio per il metodo che usi per esprimerti. (trattando gli altri come 1d10ti che seguono la massa, ...) Era giusto un'osservazione, se poi non cerchi né confronto, né conversazione, perché scrivi sul blog?
Fkevin 1 anno fa su tio
Quello lo credi tu e quattro dei tuoi di qui un altro mi ha risposto. Ma intanto dico solo questo: vedremo questo inverno. non vorrei dire; Ve l'avevo detto. Chi non condivido sono gli estremisti (provax e no-vax), quindi salto addosso a loro (come il mister emib53 che crede ancora nelle favole dei vaccini). Io ho parenti vaccinati e non mi interessa. Ma sentir dire certe baggionate che la "pandemia" non finirà per colpa dei no vax allora li mi fanno girare le scatole. Scrivo perché ho voglia di scrivere, piccole riflessioni che qualche indeciso spero si convinca. Non solo da me da altri che ne hanno le scatole piene di tutte le notizie che a voi piacciono
emib53 1 anno fa su tio
Le favole le racconti qui di continuo, diverso è credere a chi lavora seriamente in campo scientifico e pubblica i propri studi. Certo è più facile credere a tre ciarlatani in piazza a Bellinzona o a quelli che abbondano nei social. Io non credo ciecamente, ma osservo i dati che parlano chiaro, a saperli leggere.
NOTIZIE PIÙ LETTE