Cerca e trova immobili

COLOMBIAScontri e feriti alla prima partita a Bogotà, dopo le restrizioni

05.08.21 - 12:30
Dopo 16 mesi di chiusura i tifosi colombiani sono tornati allo stadio, ma l'epilogo è stato violento
AFP
Scontri e feriti alla prima partita a Bogotà, dopo le restrizioni
Dopo 16 mesi di chiusura i tifosi colombiani sono tornati allo stadio, ma l'epilogo è stato violento
Un episodio che ha spinto il sindaco a vietare nuovamente gli spettatori allo stadio: «Inaccettabile»

BOGOTÀ - Botte, scontri, lancio di oggetti e persino un'invasione di campo. Alla prima partita della massima serie colombiana che ha potuto riaccogliere il pubblico è subito scoppiato il caos.

È quanto è avvenuto ieri allo stadio El Campin, di Bogotà, dove il tanto atteso ritorno allo stadio - dopo 16 mesi di restrizioni e stadi vuoti - è coinciso con una rivolta tra i tifosi della squadra locale, il Santa Fe, e quelli dell'Atletico Nacional di Medellín, arrivati a sostenere il loro team in trasferta.

Il sindaco di Bogotà Claudia López, furente, ha subito condannato l'accaduto, reintroducendo subito il divieto d'ingresso per gli spettatori nello stadio a causa dei tafferugli. «In tanti sognano di tornare allo stadio e succede questo. È inaccettabile» ha twittato.

Diverse persone sono rimaste ferite, di cui una in modo grave, ha riportato la polizia colombiana, che ha riassunto l'accaduto. I disordini sono infatti iniziati poco prima della fine del primo tempo, quando i tifosi ospiti hanno invaso una zona in cui si trovavano i sostenitori locali. In seguito, tra scontri e lanci di sedie ed altri oggi è scoppiato il caos, inclusa un'invasione di campo.

Dopo oltre 50 minuti di ritardo, il match si è poi potuto concludere, con la compagine ospite che ha vinto 1-0. 

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE