Imago
CANADA
09.06.2021 - 19:340

Un gender reveal party causa un altro incendio boschivo

Le fiamme sono state spente piuttosto celermente, ma le autorità avvertono: «Attenzione a come festeggiate»

FORT MCMURRAY - «La nascita di un bambino è qualcosa da celebrare, ma fate attenzione a come lo fate! Un recente incendio è stato causato da un bersaglio esplosivo durante un gender reveal party».

È quanto ha dovuto twittare l'ente contro gli incendi boschivi della provincia canadese di Alberta, in seguito ad un altro incidente dovuto ad una festa volta a rivelare il genere di un figlio. L'ultimo episodio riguarda due futuri neogenitori di Fort McMurray, che hanno provocato un incendio nei boschi per festeggiare il sesso del bambino in arrivo.

Sebbene i pompieri siano riusciti a spegnere le fiamme, quasi mezzo ettaro di foresta è stato distrutto dal rogo.

Non è neppure un caso isolato: si tratta del terzo incendio causato da un bersaglio esplosivo - un disco, che viene spesso caricato con della polvere colorata, che esplode quando colpito - in Alberta durante questa stagione degli incendi (iniziata a maggio, ndr), ha detto Travis Fairweather, un ufficiale dell'Alberta Wildfire, all'emittente CBC.

«Soprattutto in condizioni di siccità, quell'esplosione può provocare scintille, che a loro volta possono innescare un incendio». Per questo, «dal 2017, l'uso di bersagli esplosivi all'interno dell'area forestale locale è proibito senza il permesso scritto di un ufficiale».

È qualcosa che poi, può costare caro: a coloro che vengono ritenuti responsabili di un incendio boschivo potrebbe, oltre alla multa di 600 dollari, essere affibbiato l'intero costo dell'operazione dei pompieri per spegnere il fuoco. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-13 17:32:29 | 91.208.130.85