keystone-sda.ch / STF (Francisco Seco)
UNIONE EUROPEA
30.04.2021 - 15:500

Covid, un farmaco per l'artrite per curare i pazienti gravi?

Olumiant sotto la lente dell'Ema. Un parere dell'agenzia è atteso per il mese di luglio

L'immunosoppressore potrebbe contribuire a «ridurre l'infiammazione e i danni ai tessuti associati alla forma grave di Covid-19».

AMSTERDAM - L'Agenzia europea per i medicinali (Ema) sta valutando la possibilità di estendere l'utilizzo di un farmaco immunosoppressore per l'artrite (Olumiant) ai pazienti ricoverati per Covid-19 che necessitano di ossigenoterapia supplementare. Lo ha reso noto sul proprio sito l'Agenzia italiana del farmaco (Aifa).

Il principio attivo di Olumiant, il baricitinib, arresta l'azione degli enzimi Janus chinasi che svolgono un ruolo importante nei processi immunitari che portano all'infiammazione. E questo potrebbe contribuire a «ridurre l'infiammazione e i danni ai tessuti associati alla forma grave di Covid-19», spiega l'Aifa.

In caso positivo, l'utilizzo di Olumiant - attualmente autorizzato per essere usato negli adulti affetti da artrite reumatoide o da forme medio-gravi di dermatite atopica - sarà esteso ai pazienti Covid a partire dai 10 anni di età.

Un parere entro il mese di luglio
L'esito della valutazione del comitato per i medicinali per uso umano dell'Ema è atteso - se non si renderanno necessari ulteriori approfondimenti - per il mese di luglio. Al termine della procedura di valutazione accelerata di tutta la documentazione, il parere del gruppo di esperti sarà trasmesso alla Commissione europea che avrà il compito di tradurlo in una decisione vincolante dal punto di vista giuridico e applicabile da parte di tutti gli Stati membri dell'Ue.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 4 mesi fa su tio
Ma se effettivamente ha già dato dei risultati positivi, come mai questo ente onnipotente ci impiega tutto questo tempo ad omologarlo? Se già applicato per altre malattie, non è sicuramente pericoloso. Sono proprio questi medicinali che mancano, e questi fanno i preziosi ad omologarli. Vi è da ben sperare che chi è al fronte abbia buon senso.
F/A-19 4 mesi fa su tio
@vulpus Da qui si capisce che malgrado ci sono delle possibilità concrete per ritornare alla normalità si fa di tutto per rimanere confinati in quanto ciò è quanto si è voluto sin dall’inizio.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-26 07:17:17 | 91.208.130.86