Deposit
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
INDIA
1 ora
Morto l'uomo con la famiglia più numerosa del mondo
Aveva una novantina di figli, una quarantina di mogli e una trentina di nipoti
MONDO
2 ore
La Cina pone «sfide sistemiche» che preoccupano la Nato
I Paesi dell'Alleanza richiamano Pechino a una maggiore trasparenza e al mantenimento degli impegni presi.
RUSSIA
3 ore
«Non abbiamo l'abitudine di assassinare le persone»
Vladimir Putin ha parlato a ruota libera in un'intervista, tra accuse, risposte ed ironia
UNIONE EUROPEA
4 ore
«È il simbolo di un'Europa aperta e restituirà libertà ai cittadini»
Le istituzioni Ue hanno firmato questa mattina il testo finale sul Certificato Covid europeo
STATI UNITI
5 ore
Covid, è in arrivo un nuovo vaccino
È di facile conservazione e le reazioni avverse sembrano essere meno frequenti e meno gravi
IRLANDA DEL NORD
6 ore
La premier nordirlandese si è dimessa
Arlene Foster non è più Primo Ministro dell'Irlanda del Nord
REGNO UNITO
7 ore
La variante Delta preoccupa e il Regno Unito ritarda il ritorno alla normalità
La decisione, già presa, verrà confermata oggi da Johnson. L'obiettivo è limitare al massimo una possibile terza ondata
FOTO
GIAPPONE / STATI UNITI
7 ore
Le ceneri di Tojo, un mistero durato oltre 70 anni
L'ex primo ministro giapponese fu condannato a morte per crimini di guerra e giustiziato nel 1948
IRAN
9 ore
Iran: uranio arricchito al 63%, «e andremo oltre»
Lo ha annunciato il Presidente iraniano Hassan Rohani
NUOVA ZELANDA
10 ore
Film sulla strage di Christchurch? «Non deve parlare di me»
Le parole della premier Jacinda Ardern, dopo il fiume di polemiche
CINA
11 ore
La Cina risponde al mondo: «Non politicizzate l'origine del virus»
Secondo Pechino, i politici di USA e altri Paesi «fanno accuse irragionevoli contro la Cina»
ITALIA
25.11.2020 - 17:130
Aggiornamento : 18:27

L'Italia e lo sci: «L'UE non può vietare proprio nulla»

In merito alle pressioni di Roma, la Commissione precisa: «Ogni Stato membro decide autonomamente».

L'assessore al lavoro della Lombardia Gallera: «Noi siamo attaccati alla Svizzera e all'Austria».

MILANO - «L'Unione europea non ha competenza per lo sci, non vuole e non può vietare nulla. I governi e i parlamenti nazionali e regionali decidono autonomamente cosa indicare in termini di politica sanitaria in merito allo sci». Lo afferma in una nota Martin Selmayr, rappresentante della Commissione europea a Vienna (Austria) ed ex segretario generale della Commissione presieduta da Jean-Claude Juncker.

«I 27 Stati membri dell'UE stanno lavorando insieme alle istituzioni dell'Unione per contenere la pandemia il più rapidamente possibile attraverso misure coordinate e per ridurre in modo decisivo il numero d'infezioni nell'attuale seconda ondata», sottolinea Selmayr. «Tuttavia - prosegue la nota - ogni Stato membro decide autonomamente il giusto equilibrio tra libertà e restrizioni necessarie per la politica sanitaria. Che si tratti di chiusure di ristoranti e di scuole oppure restrizioni allo sport o al turismo. Tutto questo, ai sensi del diritto dell'Ue, è responsabilità dei governi e dei parlamenti nazionali».

«Anche in passato la Commissione europea non ha imposto misure restrittive specifiche, come la chiusura di scuole e negozi - spiega ancora Selmayr. La Commissione europea si concentra piuttosto, tra le altre cose, sul fornire agli Stati membri il miglior supporto possibile nella lotta contro la pandemia, promuovendo il coordinamento e la cooperazione tra gli Stati membri a beneficio dei cittadini europei e garantendo l'accesso ai vaccini Covid-19».

«Noi siamo attaccati alla Svizzera e all'Austria» - Sugli impianti di sci «ci vorrebbero misure omogenee per tutta Europa», ha ribadito in giornata l'assessore regionale al lavoro e politiche sociali della Lombardia Giulio Gallera. «Noi siamo attaccati alla Svizzera e all'Austria, sarebbe assurdo prendere delle misure solo per le nostre montagne. Auspichiamo un coordinamento europeo quantomeno per quelle misure», ha aggiunto Gallera, a margine di una conferenza stampa in Regione.

L'esortazione dell'Italia a prendere misure concordate con i Paesi vicini ha fatto recentemente discutere anche in Svizzera. Fino a ieri, però, Berna non aveva avuto alcun contatto in proposito con Roma. L'azione del primo ministro italiano Giuseppe Conte, che ha sempre parlato di «coordinamento» con gli altri Paesi, restava limitata all'UE.

Per le regioni alpine italiane, «una perdita da 20 miliardi» - «Una perdita d'indotto pari a 20 miliardi di euro, una cifra vicina all'1% del prodotto interno lordo nazionale, questo il danno che la montagna legata all'industria dello sci sarà costretta a subire senza l'avvio della stagione invernale». È quanto sostengono gli assessori delle Regioni alpine italiane che, in una nuova reazione alle chiusure prospettate dal governo causa Covid-19, chiedono un incontro al ministro dell'Economia Roberto Gualtieri.

«Senza l'apporto della stagione invernale - spiegano in una nota congiunta - per la montagna è il disastro totale. Chiudere durante le festività natalizie significherebbe pregiudicare irrimediabilmente l'intera stagione, molti non aprirebbero nemmeno più».

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Don Quijote 6 mesi fa su tio
Solito fieno per le capre! Fino a ieri nessuno si scandalizzava per i soliti morti per influenza stagionale, oggi invece è diventato una moda abbaiare contro ... eppure, a conti fatti, i morti per CV19 nel 2020 non superano quelli del 2019 per influenza standard e sono inferiori al 2015. Se poi teniamo conto del fatto che la maggior parte dei morti per influenza degli anni scorsi era vaccinata, qualcuno racconta quello che gli conviene. Magia, nel 2020 sono diminuiti sensibilmente i morti per malattie cardiovascolari in concomitanza con l'età avanzata, certo, chi muore cadendo dal quinto piano, non puoi morire buttandosi sotto al treno.
seo56 6 mesi fa su tio
Sceneggiata...
Heinz 6 mesi fa su tio
@seo56 Sceneggiata? Somaro, non ti ricordi già più il villaggio austriaco della scorsa stagione che ha sparso infezioni in mezza Europa? E vieni qui a parlare di sceneggiata?
Heinz 6 mesi fa su tio
Ma un frontaliere che si ferma a prendere la cena al supermercato in Ticino fa saltare la pulce al naso al Gobbi, peró gli italiani ricchi che portano $$ vanno bene!

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-14 20:29:36 | 91.208.130.89