keystone-sda.ch (Stefani Reynolds / POOL)
STATI UNITI
11.08.2020 - 18:120

Trump pensa allo stop dei rientri anche per gli statunitensi

Anche i cittadini americani, che finora non erano toccati dalle restrizioni, rischiano di rimanere bloccati all'estero

WASHINGTON - La scure di Donald Trump si appresta ad abbattersi anche sugli americani e su coloro che risiedono legalmente negli Stati Uniti.

Dopo aver bloccato gli arrivi negli States da Europa e Cina per il coronavirus, l'amministrazione sta valutando di bloccare temporaneamente anche gli americani che rientrano a casa dall'estero se c'è il sospetto che possano essere stati contagiati.

Finora i cittadini statunitensi sono stati esentati da qualsiasi restrizione, ma il balzo dei casi negli Stati Uniti sta spingendo la Casa Bianca a rivedere le norme e fare ricorso all'autorità legale del Centers for Disease Control and Prevention per proteggere il paese, che consente di bloccare l'ingresso nel paese per i cittadini e i residenti legali se un funzionario dell'immigrazione «ha ragione di credere che l'individuo possa essere stato esposto e sia infettato da una malattia trasmissibile».

La bozza di provvedimento alla quale si lavora precisa comunque che ogni eventuale stop «deve includere appropriate tutele per assicurare che nessun diritto costituzionale sia violato».

Non precisata invece la durata dello stop: nel documento si parla infatti solo di «rare circostanze» per il divieto e di «durata limitata».

La stretta dovrebbe riguardare tutti i punti di ingresso nel paese, inclusi gli aeroporti, e in particolare il confine con il Messico, attraversato di frequente da cittadini americani e residenti legali. «Il Covid-19 ha messo sotto stress il sistema sanitario messicano spingendo i cittadini americani e i residenti legali a spostarsi dal Messico agli Stati Uniti per cercare assistenza», si legge nella bozza del provvedimento.

In ogni caso se Trump approvasse il provvedimento si tratterebbe di una ulteriore escalation nei suoi ripetuti tentativi di chiudere i confini di fronte a qualcosa che ritiene una minaccia usando la giustificazione del coronavirus per azioni che, in altri contesti, sarebbero considerate draconiane.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
ciapp 1 mese fa su tio
grande decisione ! tutti voti a tuo favore
Duca72 1 mese fa su tio
@ciapp Ma chissà’ Perché ? Non è solo un influenza enfatizzata dai media?
miba 1 mese fa su tio
Questa volta eccezionalmente una saggia decisione. Dal momento che gli USA hanno più testate nucleari che ospedali potrebbero invadere mezzo mondo ma nel caso di un affollamento di ospedali hanno una sanità che è peggio di un colabrodo
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-25 19:41:55 | 91.208.130.86