keystone-sda.ch (FABIO FRUSTACI)
Il ministro della giustizia italiano Alfonso Bonafede.
GERMANIA/ITALIA
02.07.2020 - 21:380

Rogo della Thyssen Krupp: uno dei manager in carcere

La condanna a 5 anni sarà da scontare in semilibertà, la madre di una vittima: «È finita, ma è finita male»

ESSEN/TORINO - Uno dei due manager del colosso siderurgico tedesco Thyssen Krupp condannati per l'incidente nell'impianto di Torino del 2007 (che provocò la morte di sette operai) oggi si è presentato in carcere in Germania per scontare la sua pena. Lo ha reso noto Radio Colonia, che ha avuto la notizia dalla procura generale di Essen.

L'emittente tedesca spiega comunque di non sapere se il manager entrato in carcere sia Harald Espenhahn, ex amministratore delegato dello stabilimento piemontese, o Gerald Priegnitz, ex dirigente finanziario.

Entrambi, si ricorda, devono scontare una pena di 5 anni per omicidio colposo. Ed anche per il secondo manager potrebbe essere solo questioni di giorni. Dipende, spiega l'emittente, dai termini indicati dal tribunale per la presentazione in carcere. Per entrambi, si aggiunge, la pena verrà scontata in regime di semilibertà e di giorno continueranno a lavorare per la Thyssen

«Purtroppo è finita ma è finita male. Non c'è più niente di cui gioire in questa storia», spiega all'Ansa Rosina Platì, mamma di una delle vittime.

I parenti degli operai morti a seguito del rogo riferiscono di essere rimasti in contatto costante con il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, che negli scorsi giorni ha incontrato l'ambasciatore tedesco proprio su questo argomento. 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-08 20:47:31 | 91.208.130.86