keystone-sda.ch (Xie Huanchi)
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
3 min
L'impeachment di Trump davanti al Senato già questa settimana?
Lo vorrebbe la speaker Nancy Pelosi, secondo una fonte interna sentita dalla CNN
REGNO UNITO
48 min
Coronavirus: l'immunità dopo l'infezione dura «almeno sei mesi»
Lo sostiene uno studio pubblicato su Nature. Anche con anticorpi in calo il sistema immunitario "ricorda" il virus.
ITALIA
1 ora
A Milano entra in vigore il divieto di fumo nei parchi e alle fermate dei mezzi pubblici
Il Covid non c'entra. La misura è intesa a preservare la qualità dell'aria. Interessate anche le strutture sportive.
NORVEGIA
1 ora
Una valutazione extra prima di vaccinare pazienti fragili
Le autorità norvegesi e Pfizer indagano su 23 casi di anziani morti che avevano ricevuto il vaccino
MONDO
2 ore
La Cina e l'Oms «avrebbero potuto agire più rapidamente»
Gli osservatori indipendenti hanno parlato di «epidemia in gran parte nascosta» nella prima fase
STATI UNITI
2 ore
Il giorno dell'insediamento Trump lascerà la Casa Bianca all'alba
Avrebbe confidato di non voler partire da Washington da ex presidente.
MONDO
2 ore
Al WEF virtuale ci sarà anche Xi Jinping
Il presidente cinese sarà uno dei protagonisti di questo meeting digitale
RUSSIA
3 ore
30 giorni di arresto per Navalny: «Scendete in piazza!»
L'udienza è avvenuta all'interno della stazione numero 2 del dipartimento del ministero dell'Interno russo a Khimki
EUROPA
3 ore
In vetta agli aeroporti europei c'è Istanbul
Lo scalo londinese di Heathrow è stato fortemente penalizzato dalla pandemia
CINA
10.03.2020 - 21:190

Xi visita Wuhan ed esulta: «L'epidemia è sotto controllo»

Cinquanta giorni dopo, il presidente cinese visita il primo focolaio della malattia che sta infettando il globo.

La megalopoli è stata posta in rigidissima quarantena il 23 gennaio: «Così ho arginato il contagio a livello nazionale e ho guarito il Paese»

PECHINO - Cinquanta giorni dopo l'inizio dell'incubo, il presidente cinese Xi Jinping ha visitato per la prima volta Wuhan, epicentro dell'epidemia del coronavirus, ostentando soddisfazione per essere riuscito ad arginare il contagio a livello nazionale e a 'guarire' il Paese.

Xi ha visitato in mattinata l'Huoshenshan, uno dei due ospedali militari costruiti in 10 giorni e dedicati alla cura dei pazienti colpiti dal virus. Un breve video postato dal Quotidiano del Popolo ha mostrato il presidente con la mascherina mentre parla con i pazienti in collegamento video, si rivolge al personale medico e colloquia (da lontano) con le persone chiuse in isolamento nei palazzi, avendo militari e altri accompagnatori a distanza.

Alle prese con il virus già da dicembre, Wuhan è in stato di rigidissima quarantena dal 23 gennaio, quando con una mossa senza precedenti Pechino ha imposto il blocco totale di tutta la provincia dell'Hubei: una misura draconiana per 60 milioni di persone ma necessaria per correggere i primi fallimenti sul contenimento dell'epidemia.

«La diffusione del coronavirus è stata sostanzialmente contenuta nella provincia dell'Hubei e nel suo capoluogo Wuhan», ha commentato Xi nel resoconto fornito dall'agenzia Xinhua, promettendo poi «una battaglia risoluta per la vittoria totale nella guerra contro il coronavirus».

La visita del presidente è maturata dopo un costante calo dei contagi - appena 19 nuovi casi quelli comunicati oggi (17 nell'Hubei), ai minimi dal 18 gennaio - e nel giorno della chiusura di tutti e 16 gli ospedali da campo d'emergenza. Ora sarà possibile un allentamento delle restrizioni per consentire alle persone in buona salute, con un meccanismo di controllo continuo e di codici assegnati, di spostarsi all'interno della provincia e favorire la ripresa delle attività produttive.

Xi è il leader cinese più potente dal 'Grande timoniere' Mao Zedong, ma nella crisi ha tenuto per diverse settimane un profilo basso, inviando a fine gennaio il premier Li Keqiang nell'Hubei a capo dell'apposita task force contro l'epidemia.

Ma con il miglioramento della situazione, ecco che il presidente si è ripreso il suo ruolo: i media cinesi hanno citato un suo discorso del 3 febbraio nel quale si segnalava che «aveva dato continuamente istruzioni verbali e scritte» dall'inizio di gennaio e ordinato personalmente la quarantena nell'Hubei e a Wuhan, secondo il testo pubblicato da Qiushi, la principale rivista del Partito comunista. Ma i suoi predecessori, da Jiang Zemin a Hu Jintao, avevano visitato entro una settimana le aree colpite da crisi e disastri: cosa peraltro non sfuggita ai social media.

Nelle ultime settimane, dopo l'irritazione per la morte del medico-eroe Li Wenliang (il primo a intuire la polmonite anomala che ricordava la Sars, venendo redarguito dalla polizia), la controffensiva mediatica ha risollevato la figura di Xi nella gestione della crisi, fino a quando lo scorso fine settimana la tv statale Cctv ha chiarito che il presidente «è al comando della situazione e ha mostrato grande lungimiranza e perspicacia», grazie al suo «eroico coraggio».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-18 18:49:01 | 91.208.130.87