Keystone
Foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
Lavorare da casa? «Si lavora di più»
Lo sostiene uno studio americano, secondo il quale in media si lavora 48,5 minuti in più rispetto che in ufficio
FRANCIA
3 ore
Campeggio in fiamme a Marsiglia, 2'700 sfollati
Ora il rogo è sotto controllo. Sul posto sono intervenuti ben 1'800 vigili del fuoco
STATI UNITI
3 ore
New York Times: il web supera la carta
Non era mai successo: i profitti dell'edizione digitale superano quelli della versione cartacea
STATI UNITI
4 ore
Il verdetto del “mago delle previsioni”: «Joe Biden sarà il prossimo presidente»
Parola di Allan Lichtman, che dal 1984 ha azzeccato tutti i vincitori delle presidenziali americane
LIBANO
5 ore
Da "Svizzera del Medio Oriente" a "Nuovo Afghanistan"
Dopo i fasti degli anni '70, il Libano è diventato un Stato al collasso.
FOTO
LIBANO
6 ore
L'avviso sei mesi fa: «Potrebbe esplodere tutto»
Le indagini sul disastro avvenuto nella capitale libanese indicano per ora la negligenza quale causa principale
NORVEGIA
6 ore
Una nave da crociera bloccata in Norvegia per il coronavirus
Quarantena per più di 200 persone fra passeggeri ed equipaggio, la nave ferma nel porto di Bodoe
ITALIA
7 ore
Ripescato nel lago di Como il cadavere di un consulente finanziario
Ritrovamento fortuito sul fondale di Varenna della salma di un uomo scomparso due mesi fa
IRAN
7 ore
L'Iran risarcirà le vittime del volo PS 752 abbattuto dall'esercito
Tutte le 176 persone a bordo erano morte, Teheran: «Un errore umano»
GERMANIA
8 ore
Una stretta agli spot del "junk food"
I Verdi tedeschi chiedono una limitazione delle pubblicità: dovrebbero essere ammesse solo alla sera
GERMANIA
8 ore
In volo con le ossa del marito in valigia
La donna è stata fermata lunedì all'aeroporto di Monaco. Il trasporto però era in regola
REGNO UNITO
9 ore
«Non solo razzista, l'avversione verso i cinesi è pericolosa»
Per Horton, di fronte al Covid-19 dovremmo «migliorare la comprensione tra i popoli»: «Scienziati cinesi responsabili».
BRASILE
22.08.2019 - 18:350
Aggiornamento : 18:52

Incendi in Amazzonia: il governo cerca un'azienda di monitoraggio satellitare

Il bando, però, delinea una società i cui dati sono già stati impiegati per minimizzare l'emergenza. Bolsonaro: «Ong principali sospettate»

BRASILIA - L'Istituto brasiliano per l'ambiente (Ibama) ha lanciato un concorso per ingaggiare un'azienda privata che si occupi del monitoraggio della deforestazione in Amazzonia, dopo le polemiche sui dati diffusi dall'Istituto nazionale delle ricerche spaziali (Inpe), che hanno portato all'allontanamento del suo direttore, Ricardo Galvão.

Secondo i termini dell'offerta, le aziende interessate hanno otto giorni per formalizzare una proposta di «servizi di monitoraggio continuo, con uso di immagini quotidiane attraverso rilevamento satellitare» che permetta di «generare allerte quotidiane», che devono successivamente essere indagate dagli ispettori dell'Ibama.

I media brasiliani segnalano che i requisiti tecnici richiesti per il servizio («immagini con una risoluzione spaziale uguale o minore ai 3,0 metri» con «una risoluzione radiometrica uguale o minore ai 12 bit») coincidono esattamente con la qualità delle immagini offerte dalla Planet, una compagnia statunitense i cui dati sono stati usati dal ministro per l'Ambiente, Ricardo Salles, per criticare le cifre sulla deforestazione che sono state presentate dall'Inpe, in base ad immagini del cosiddetto sistema Deter, che hanno una risoluzione spaziale di circa 64 metri.

Bolsonaro insiste con le insinuazioni sulle ong - Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha intanto ammesso oggi che i proprietari agricoli potrebbero essere responsabili dell'ondata di incendi forestali nel Paese - con un aumento dell'82% da gennaio al 18 agosto scorso, rispetto allo stesso periodo del 2018 - ma è tornato a dire che «i sospetti principali» gravano sulle ong ambientaliste, anche se non esistono prove che dimostrino la loro colpevolezza.

Interrogato dai cronisti sulle sue insinuazioni riguardo alle ong - definite «irresponsabili» e «assurde» da dirigenti ambientalisti - e la possibilità che siano i proprietari rurali che appiccano i roghi, Bolsonaro ha detto che «certo, possono essere stati i 'fazendeiros', tutti sono sospettati», ma ha aggiunto subito che «i sospetti principali puntano verso le ong».

«Certo che non ho le prove di questo, Dio mio!», ha aggiunto con tono irritato, spiegando che «non è che uno lo lascia per iscritto: 'adesso vado ad appiccare un incendio lì'. Quello che si mette a bruciare, se non lo prendi in flagranza di reato e poi cerchi chi lo ha mandato a fare questo, non sai chi è».

Bolsonaro si è lamentato del modo in cui i media hanno diffuso le sue dichiarazioni, sostenendo che lui non è affatto a favore degli incendi forestali. Polemizzando con i cronisti, ha chiesto loro: «Volete che dica che sono stati gli indigeni, così domani scrivete che ho dato la colpa a loro? Volete che dia la colpa ai marziani?». Poi ha insistito con la sua tesi polemica: «Secondo me, il più forte indizio che punta verso quella gente è che le ong hanno perso il seno dal quale si allattavano, è molto semplice».

Il fumo degli incendi visibile dallo spazio - Il fumo prodotto dagli incendi che stanno devastando l'Amazzonia in questi giorni può essere visto persino dallo spazio: a catturarne le immagini (v. gallery), il 20 e 21 agosto, sono stati il satellite Sentinel 3, del programma europeo Copernicus dell'Agenzia spaziale europea (Esa), e quello della Nasa, Suomi National Polar-orbiting Partnership.

La foto di Suomi Npp mostra il fumo e gli incendi che si estendono per diversi stati brasiliani, tra cui quelli di Amazonas, Mato Grosso, e Rondonia.

«Non è inusuale vedere incendi in Brasile in questo momento dell'anno - scrive la Nasa sul suo sito - per via delle alte temperature e della poca umidità. Il tempo ci dirà se quest'anno si è segnato un nuovo record o si è entro i normali limiti».


 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Nmemo 11 mesi fa su tio
Gli smaniosi ragazzi nostrani del sedicente “Coordinamento cantonale Sciopero per il Clima”, non sono corsi a dar man forte laddove c’è un vero bisogno di un pronto intervento?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-06 01:19:56 | 91.208.130.85