Archivio Depositphotos
AUSTRIA
11.08.2019 - 20:320
Aggiornamento : 21:48

«I voli brevi non ci piacciono»

Mentre Swiss mette in discussione il collegamento Lugano-Zurigo, anche in Austria diverse rotte a cortissimo raggio sono a rischio

VIENNA - Prima o poi dovrà succedere: le tratte aeree a cortissimo raggio saranno sostituite da collegamenti ferroviari veloci. E mentre da noi Swiss mette in discussione il volo Lugano-Zurigo, anche in Austria sono a rischio diverse destinazioni nazionali di Austrian Airlines (compagnia interamente nelle mani di Lufthansa, così come Swiss). Lo ha di recente confermato il CEO Alexis von Hoensbroech in un’intervista rilasciata a ORF.

Le rotte attualmente sotto la lente della compagnia austriaca sono Vienna-Salisburgo, Vienna-Klagenfurt e Vienna-Graz. Quest’ultima è, per distanza, paragonabile alla nostra Lugano-Zurigo: si tratta di circa 145 chilometri (tra Agno e Kloten ce ne sono soltanto venti in più).

«I voli brevi non ci piacciono» ha detto von Hoensbroech, spiegando che la compagnia li interrompe volentieri se sono disponibili alternative valide. E dietro alle riflessioni di Austrian vi sarebbe la questione climatica. Anche se il CEO la relativizza: il traffico aereo sarebbe infatti responsabile, a livello mondiale, del 2,7% delle emissioni di CO2. «Rinunciando completamente a volare, non si salva il clima» ha affermato von Hoensbroech, sottolineando che una centrale a carbone genererebbe quindici volte più CO2 di tutta la Austrian Airlines.

Commenti
 
sedelin 3 mesi fa su tio
OTTIMO! LA GENTE DEVE RE-IMPARARE AD ANDARE IN TRENO PER PERCORRERE TRATTI BREVI.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-18 16:10:25 | 91.208.130.89