Deposit
LUGANO 
31.07.2020 - 10:530

«Quante società "bucalettere" sono state trovate a Lugano?»

Il Gruppo Ps chiede al Municipio come avviene il controllo sulle attività economiche nel territorio cittadino

LUGANO  - Enti giuridici di facciata creati per celare attività illecite come il riciclaggio. Sono le società bucalettere su cui pone l’attenzione un’interrogazione del consigliere comunale di Lugano, Edoardo Cappelletti, a nome del Gruppo Ps. Un tema strettamente legato alla presenza della criminalità organizzata in Ticino (e in Svizzera) e alla relativa, recente, stima di almeno 20 cellule mafiose per un totale di 400 affiliati presenti nella Confederazione.

Gli interrogativi di Cappelletti si concentrato sul territorio cittadino e sull’importanza dei Comuni nel contrastare gli abusi nell’ambito delle società bucalettere. «È possibile sapere - chiede il consigliere comunale - quanti abusi sono stati accertati a Lugano?». Tra gli strumenti a disposizione nella lotta contro le società bucalettere Cappelletti attira l’attenzione sul ‘’Registro delle attività economiche’’ allestito dai Comuni, con lo scopo di controllare le attività economiche esercitate nel territorio comunale, accertando in particolare i dati relativi alle società presenti. 

 

Le domande rivolte al Municipio:

1. Come viene svolto il controllo sulle attività economiche nel territorio comunale? Il Comune si è dotato di un’apposita prassi per vigilare sulla regolarità delle società appena installate? Quali verifiche particolari vengono esperite e con quale frequenza allo scopo?

2. Come viene organizzato l’Ufficio Controllo Abitanti - Attività Economiche? Come e in quali ambiti collabora con gli altri servizi comunali e soprattutto con le autorità cantonali, ai fini della lotta contro le società bucalettere?

3. Quante sono le società iscritte al registro di commercio e le nuove richieste d’iscrizione che vengono mediamente presentate durante l’anno nel Comune? Reputa che le risorse destinate al controllo sulle attività economiche permettano d’assolvere in maniera ottimale i compiti di vigilanza che incombono al servizio?

4. E’ possibile sapere quanti abusi sono stati accertati negli ultimi anni in relazione al fenomeno delle società bucalettere a Lugano? A quanto ammontano le segnalazioni inoltrate dai servizi comunali alle  autorità competenti in caso di sospetto d’illecito o irregolarità nel medesimo periodo?

5. Le autorità comunali hanno già riscontrato problemi legati all’irreperibilità di determinate società? Di quanti casi si tratta e come si procede di regola in tale evenienza? Si può risalire a quanto corrispondono gli ammanchi fiscali causati da questo genere di situazione per il Comune?

6. Quali direttive, raccomandazioni o comunicazioni sono giunte al Municipio da parte delle autorità cantonali, per quanto attiene alla lotta contro le società bucalettere? In quale misura si è inteso dare seguito alle indicazioni contenute nelle medesime?

7. Quale ruolo intende svolgere il Comune in seno alla piattaforma di dialogo Cantone-Comuni per favorire la ricerca di soluzioni condivise al problema delle società bucalettere? Quale indirizzo sta perseguendo e con quali risultati il gruppo di lavoro sopramenzionato?

8. Come giudica la dimensione e la gravità del fenomeno delle società bucalettere nel territorio comunale? Quali altri margini di manovra intravede a livello cittadino per affrontarlo?

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-05 10:17:16 | 91.208.130.86