Immobili
Veicoli

CANTONEAffitti commerciali, per il Ps «urge una soluzione cantonale»

08.05.20 - 16:39
Dopo il nulla di fatto a Berna, i socialisti sollecitano il Governo sulla loro mozione
Tipress
Affitti commerciali, per il Ps «urge una soluzione cantonale»
Dopo il nulla di fatto a Berna, i socialisti sollecitano il Governo sulla loro mozione
La richiesta prevede che lo Stato versi ai proprietari una metà dell'affitto. Per l'altra metà si invita la Catef ad incoraggiare gli stessi proprietari a fare un passo a favore dei loro inquilini

BELLINZONA - La fumata nera dalle Camere federali che hanno discusso il problema degli affitti commerciali, rimandando però ogni conclusione alla sessione di giugno, ha spinto il Partito socialista a tornare alla carica. Sì, perché il Ps ricorda di aver «presentato in tal senso già un mese fa una mozione, ma da parte del Consiglio di Stato tutto tace».

In riferimento a Berna, il Ps parla di «una decisione incomprensibile di fronte alle enorme difficoltà che stanno vivendo i ristoranti, i negozi e altri spazi commerciali che hanno dovuto chiudere o ridimensionare la propria attività». 

Da qui l’urgenza, secondo i socialisti, di trovare una soluzione a livello cantonale. «Concretamente con la mozione si chiede che lo Stato corrisponda ai proprietari degli immobili la metà dell’onere dovuto per l’affitto, spese non incluse, e inviti la Camera ticinese dell’economia fondiaria a incoraggiare i proprietari degli immobili a fare un passo a favore di queste categorie di inquilini, rinunciando a loro volta al versamento della metà dell’affitto dovuto».

 

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO