tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
18 min
Tiziano Veronelli è il nuovo Segretario generale del Gran Consiglio
CANTONE
22 min
«Quanto costano i rifugiati ai Comuni ticinesi?»
LUGANO
39 min
È nato il Forum delle Associazioni Ticinesi
LUGANO
1 ora
Affoltern am Albis in visita sul Ceresio
ITALIA / AIROLO
1 ora
Il più grande profiterole al mondo non è più ticinese
BELLINZONA
1 ora
Con il Villaggio dei Pompieri si chiudono i festeggiamenti dei 190 anni
TAVERNE / RIVERA
1 ora
Veicolo in avaria sull’A2, bloccata la corsia di destra
CANTONE
1 ora
Anche gli asilanti sono detenuti
LUGANO
2 ore
Veicolo in omaggio per i pompieri. Ed è subito Tetris Challenge
LUGANO
3 ore
Endorfine Festival da tutto esaurito
CANTONE
3 ore
La frontiera resterà senza droni
DOSSIER
3 ore
Allarme clima: 12 luoghi che rischiano di scomparire
BELLINZONA
3 ore
La Fontana della Foca si tinge di arancione (per una buona causa)
CANTONE
4 ore
La SUPSI riparte con 5’320 studenti
TENERO-CONTRA
4 ore
Il viaggio svizzero della fiamma olimpica parte da Tenero
CANTONE
19.05.2019 - 15:130

«Zali e i semafori largamente sconfessati»

Il PPD si dice soddisfatto per il solido "no" all’installazione dei semafori sul Piano di Magadino

BELLINZONA - Il PPD, promotore del Referendum sul credito di 3.3 milioni di Franchi, è soddisfatto per il solido NO della popolazione ticinese all’installazione dei semafori sul Piano di Magadino.

«Si tratta - scrive il Partito Popolare Democratico - di un messaggio chiaro all’indirizzo del Dipartimento del territorio, dei funzionari e dei politici: non è il caso di fare esperimenti, a maggior ragione in un territorio che già vive una situazione delicata. Servono semmai certezze. Quelle certezze che la popolazione, soprattutto quella toccata dal progetto dei
semafori, conoscendo bene la realtà locale hanno sempre avuto».

Il NO secco per il PPD non è dunque una sorpresa. «Il parere dei cittadini andava tenuto in considerazione prima così da evitare un progetto inutile e un risultato imbarazzante. Tutto ciò deve essere da lezione per il futuro».

Il PPD auspica che i tempi della realizzazione del collegamento veloce A2-A13 vengano accelerati «con decisione» e che venga sostenuta «con convinzione» l’apertura della galleria ferroviaria del Ceneri. «Oltre a queste importanti misure - conclude - è bene che il Cantone si attivi immediatamente per favorire e potenziare il trasporto pubblico in particolar modo nella regione che va dal Locarnese al Bellinzonese».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-16 15:30:56 | 91.208.130.86