Keystone - foto d'archivio
CANTONE
17.05.2019 - 08:580
Aggiornamento : 09:52

5G e spauracchi: il PLR interroga il Governo

I liberali radicali vogliono capire come intenda il Consiglio di Stato rassicurare la popolazione

BELLINZONA - La Commissione federale delle comunicazioni ha recentemente attribuito agli operatori Swisscom, Salt e Sunrise le nuove frequenze di telefonia mobile 5G. Una tecnologia al passo con i tempi, che però genera paure e preoccupazioni in alcuni cittadini.

Ci sono cantoni dove la prima reazione è stata lo scetticismo: Vaud, Giura e Ginevra hanno deciso di congelare i dossier relativi alle antenne 5G. Prossimamente la questione sarà discussa anche dai parlamenti cantonali di Berna, San Gallo e Svitto. E in Ticino a chiedere una moratoria per le antenne 5G in è una mozione del PPD.

Una moratoria che per il PLR (che sostiene il progresso tecnologico) è illecita: «In base alla legge, in questo ambito la competenza legislativa globale è della Confederazione».

I liberali radicali, convinti che «la digitalizzazione sia impensabile senza un’efficiente infrastruttura di telefonia mobile», si rivolgono al Consiglio di Stato con un’interrogazione per capire quale sia la posizione del Governo nei confronti della tecnologia 5G e come intende muoversi per rassicurare la popolazione su presunti spauracchi.

Ecco le quattro domande dell’interrogazione, firmata da Fabio Käppeli per il gruppo PLR:

1. Condivide che la competenza legislativa globale è di responsabilità della Confederazione? Qual è quindi il margine di manovra del Canton Ticino?
2. Come intende muoversi per rassicurare la popolazione su presunti e quantomeno irrazionali spauracchi promossi sia internazionalmente che sul nostro territorio?
3. Come valuta il potenziale della tecnologia 5G, la tecnologia di telefonia mobile ad alta velocità? Dove si intravvedono potenziali campi d’applicazione della nuova tecnologia nel nostro Cantone?
4. Ritiene che la tecnologia 5G sia complementare alla posa della fibra ottica? Quali sono le risultanze dei lavori relativi al Piano strategico per la banda ultralarga in Ticino?

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 2 anni fa su tio
Avanti con la nuova tecnologia, se non vogliamo rimanere isolati ne abbiamo bisogno. Basta dar credito ai falsi allarmismi!!
Telma 2 anni fa su tio
Detto in altre parole: non occupiamocene noi perchè è di competenza della Confederazione. E visto che la Confederazione ha messo all'asta le frequenze è chiaro cosa ne pensa. Per i liberali radicali le preoccupazioni della popolazione sono perlomeno irrazionali. Quindi è chiaro anche la valutazione che ne danno i liberali radicali. Per loro è più importante che le automobili si guidino da sole, che il frigorifero comandi le uova piuttosto che valutare attentamente quali sono i rischi di questa nuova tecnologia. Nulla di nuovo. Gia decenni fa il gran consiglio ticinese aveva bocciato provvedimenti a tutela della salute e dell'ambiente inerenti alla Monteforno. La produzione e il guadagno erano prioritari sulla salute degli operai. Operai che si sono in seguito malati e deceduti di cancro. Ma poco importa. Importante era fare profitti piuttosto che tutelare la salute. Sconcertante che i liberali radicali siano rimasti fermi su questo atteggiamento.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-16 13:07:45 | 91.208.130.89