archivio
CANTONE/ITALIA
08.06.2021 - 16:360

Estorsione e truffa, nuova condanna per Proto

Questa la sentenza che fa seguito al raggiro ai danni di una 36enne svedese.

Secondo il tribunale di Brescia il re delle fake news dovrà scontare 6 anni e 8 mesi.

BRESCIA - Sei anni e otto mesi per estorsione, truffa e riciclaggio. Questa la pena decisa dal tribunale di Brescia per il re delle fake news Alessandro Proto.

Il sedicente affarista milanese, già con precedenti penali per truffa e violazioni finanziarie, in questo caso è stato giudicato per aver raggirato una 36enne svedese (le avrebbe spillato 542mila euro in cambio di lauti guadagni).

L'uomo, che per lungo tempo ha abitato a Lugano (fino a quando nel 2017 la Segreteria di Stato della migrazione ha emesso ne suoi confronti un divieto d’entrata in Svizzera fino al 2022) aveva patteggiato a 4 anni per aver sottratto 130'000 euro a una malata di cancro.

Ma Proto non è noto solo per i suoi raggiri. Si è fatto conoscere alla stampa internazionale anche per gli innumerevoli comunicati stampa nei quali millantava presunti affari immobiliari con vip hollywoodiani e tentativi di scalate ad imprese di spicco.

Per quest'ultimo motivo, nel 2013, era finito sotto indagine e poi arrestato in Italia per il reato di "manipolazione del mercato e ostacolo alle attività degli Organi di vigilanza".

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-13 17:22:36 | 91.208.130.86