Rescue Media
SIGIRINO
23.03.2018 - 18:580

Mortale a Sigirino, scemata imputabilità per l'autore

È stata consegnata in procura la perizia psichiatrica sul 36enne che lo scorso mese di novembre aveva investito e ucciso un coetaneo sotto gli influssi dell'alcol

SIGIRINO - È stata consegnata negli scorsi giorni in procura, la perizia psichiatrica ordinata per far luce sulle condizioni dell'uomo italiano di 36 anni che lo scorso mese di novembre aveva investito e ucciso un coetaneo del Luganese sotto gli influssi dell'alcol sull'A2 all'altezza di Sigirino.

Come anticipato dalla Rsi, il perito ha ravvisato una scemata imputabilità, di grado leggero-medio. Insomma il problema di natura psichica, unito ad un tasso alcolemico elevato (sopra il 2 per mille) avrebbe parzialmente compromesso le capacità dell'uomo. 

Ma non è l'unica conclusione che è fuoriuscita dal rapporto dell'esperto. Per il 36enne esiste infatti esiste un pericolo di recidiva. In pratica se l'uomo bevesse e si mettesse ancora al volante, le conseguenze potrebbero essere ancora «imprevedibili». 

Nei confronti del 36enne - ricordiamo - il procuratore pubblico aveva formulato il reato di omicidio intenzionale (in via subordinata omicidio colposo), ordinando il carcere preventivo. Per aver accettato, guidando in quelle condizioni di poter uccidere qualcuno.

 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-12 18:32:39 | 91.208.130.85