Cerca e trova immobili

SERRAVALLE«Appassionata di viaggi, aveva in mente da tempo di andare sull'Adula»

21.06.24 - 12:34
Colin Rowat è amico della donna scomparsa sulle montagne bleniesi. E si sta mobilitando per tenere viva la speranza di un lieto fine.
Ti-Press/ Polizia cantonale
«Appassionata di viaggi, aveva in mente da tempo di andare sull'Adula»
Colin Rowat è amico della donna scomparsa sulle montagne bleniesi. E si sta mobilitando per tenere viva la speranza di un lieto fine.

SERRAVALLE - Una donna appassionata di viaggi. Quasi ossessionata. Partita da Yamanashi, nei pressi di Tokyo (Giappone) per inseguire i suoi sogni. Così l'amico Colin Rowat descrive Chieu Vu Nguyen, la 38enne cittadina statunitense scomparsa domenica 16 giugno mentre dalla Val Malvaglia cercava di raggiungere l'Adula. «Vogliamo fare di tutto per ritrovarla», dice.

Arriva la mamma – Nel frattempo è arrivata in Ticino la madre della donna. «Il Ticino – spiega l'amico – non è una terra sconosciuta per Chieu. Lei è nata a Lugano. E sua zia vive a Gravesano. Chieu è tornata in Svizzera perché la considera casa sua e ne è profondamente affascinata».

Percorso delicato – Le condizioni di ascesa verso l'Adula in queste settimane sono piuttosto complicate. Già solo il terreno che porta verso la capanna di Quarnei è scivoloso. Mentre sull'Adula c'è ancora neve.

Il progetto – «Penso sia molto improbabile che Chieu abbia cambiato il suo itinerario all'ultimo momento – precisa l'amico –. Ha una lista di montagne che vuole scalare. E sta lavorando per raggiungere il suo obiettivo. L'Adula ce l'aveva in testa da un po' di tempo. Prima di lasciare il Giappone alcune settimane fa, ha comprato una piccozza e ha preso in prestito il mio zaino da arrampicata e i miei ramponi».

Gli appunti – Colin Rowat indica alcuni appunti che Chieu aveva lasciato in merito alla sua spedizione sull'Adula. Alcune frasi sono chiare, altre meno: "Finestra di 15 ore per salire a 2.000 metri/ se si usa il trasporto pubblico / posso avere un paio d'ore in più e risparmiare 300 metri se mi accompagna mia zia / potrei anche alloggiare in un rifugio".

La raccolta fondi – Nessuna segnalazione utile nel frattempo è giunta alla Polizia cantonale. Mentre i volontari del Soccorso alpino (CAS) hanno rallentato di molto le ricerche. Amici e parenti tuttavia non mollano. «Abbiamo creato un conto su GoFundMe – fa notare il nostro interlocutore –. Vogliamo raccogliere fondi che finanzino ulteriori ricerche. Ma intendiamo anche sostenere la madre e la zia di Chieu, che stanno lavorando con le autorità per ritrovarla. Ci stiamo mobilitando a livello internazionale attraverso la nostra comunità online».

L'evento – Nella giornata di domani, sabato, proprio in Val Malvaglia si terrà un importante evento sportivo-ricreativo dal nome "Sü e gü dra Val Malvaia". Diverse persone bazzicheranno la regione. Ci sarà una possibile svolta inattesa per le ricerche della scomparsa?


Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE