Cerca e trova immobili

LUGANOUno Sportello d'aiuto che funziona (e piace)

21.06.24 - 09:10
Nel 2023 le richieste maggiori sono arrivate da madri sole con figli a carico e individui con un passato migratorio
Associazione Amélie
Da sinistra Ihsan Alpen, Marco Imperadore, Fatih Aksoy
Da sinistra Ihsan Alpen, Marco Imperadore, Fatih Aksoy
Fonte Associazione Amélie
Uno Sportello d'aiuto che funziona (e piace)
Nel 2023 le richieste maggiori sono arrivate da madri sole con figli a carico e individui con un passato migratorio

LUGANO - Nel 2023 lo Sportello d’aiuto proposto dall’Associazione Amélie a Pregassona è sempre rimasta al fianco della popolazione bisognosa. Sono infatti sempre più numerose le persone che si rivolgono a questo servizio di consulenza completamente gratuito e rispettoso della privacy.

«Offriamo un sostegno in pratiche amministrative e burocratiche» spiega la responsabile del servizio Céline Keles. «Ci occupiamo delle richieste di rinnovo di vari permessi, la compilazione di formulari per valutare il diritto a determinate prestazioni sociali, la redazione di lettere formali per le istituzioni cantonali e altre attività come l’attivazione della tessera del Tavolino Magico».

«Inoltre, continua la responsabile, nel 2023 siamo stati contattati anche per questioni che richiedevano competenze specifiche, e in questi casi abbiamo provveduto a indirizzare le persone verso servizi competenti come ad esempio l'Associazione Svizzera Inquilini».

L’anno scorso le persone che hanno usufruito dello Sportello d’aiuto sono state principalmente madri sole con figli a carico e individui con un passato migratorio, di nazionalità prevalentemente svizzera, irachena, siriana, eritrea a pachistana. Il sostegno e l’accompagnamento sono stati generalmente di breve durata e, a dipendenza della richiesta, ci sono stati più incontri con la stessa persona.

Per il 2024, l'obiettivo è di consolidare e ampliare le attività dello Sportello d’aiuto, garantendo un punto di riferimento informale ma competente per tutte le persone interessate. Si mira inoltre ad aumentare l'autonomia dei singoli nella gestione delle pratiche amministrative quotidiane e a continuare a offrire informazioni e orientamento sui servizi del territorio.

L'Associazione Amélie si impegna perciò a promuovere sempre più attivamente lo Sportello tra gli altri suoi progetti, al fine di renderlo accessibile a un numero ancora maggiore di persone. Esso è già noto al SAS-Servizio accompagnamento sociale di Lugano, che lo consiglia alle persone con esigenze specifiche.

Marco Imperadore e Ihsan Alpen, rispettivamente presidente e vicepresidente dell’Associazione Amélie, «tengono a ringraziare tutti coloro che hanno contribuito fin qui al successo dello Sportello d’aiuto e invitano chiunque ne abbia bisogno a usufruire di questo prezioso servizio in futuro».

Per fissare un appuntamento per una consulenza presso il Centro Amélie in Via Ceresio 43 a Pregassona, è possibile contattare il numero 076 213 08 98, dalle 10:00 alle 17:00.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE