Cerca e trova immobili

BELLINZONALa residenza sostenibile di IPCT: posata la prima trave

03.06.24 - 15:39
Si tratta di cinque nuovi appartamenti che saranno consegnati ad aprile del 2025
C.S.
Fonte Carlo Salvioni
La residenza sostenibile di IPCT: posata la prima trave
Si tratta di cinque nuovi appartamenti che saranno consegnati ad aprile del 2025

BELLINZONA - Si è tenuta oggi (3 giugno) la cerimonia di posa del primo elemento in legno del Parco ai Platani in Via Gerretta 3 a Bellinzona, un esempio di edificazione progettata a favore dell’ambiente e della sostenibilità.

È l’Istituto di previdenza del Cantone Ticino (Ipct) a promuovere «un nuovo edificio residenziale le cui caratteristiche rientrano nella strategia di sviluppo e sostenibilità del portafoglio immobiliare diretto». Elemento distintivo della nuova costruzione sono la struttura portante e la facciata in legno.

Alla cerimonia erano presenti il Presidente del Consiglio di Stato e Direttore del Dipartimento delle finanze e dell’economia (DFE) del Cantone Ticino Christian Vitta, il capodicastero opere pubbliche Henrik Bang del Comune di Bellinzona, il Vice-presidente del CdA dell’IPCT Claudio Moro, il Direttore dell’IPCT Daniele Rotanzi, il Responsabile del patrimonio immobiliare diretto Carlo Salvioni, l’Arch. Tommaso Fiorini (progettista Parco ai Platani), Aramis Andreazzi (coordinatore di progetto), le maestranze e gli specialisti.

«Il nuovo edificio locativo - si legge in una nota - si sviluppa su 5 piani abitabili sopraelevati dove ogni piano accoglie un unico appartamento di 5.5 locali e 160 m2 di superficie suddivisi in 4 stanze da letto, 3 bagni, un piccolo studio, soggiorno, cucina, un deposito cantina, e un guardaroba e lavanderia privata. Gli appartamenti sono tutti raggiungibili direttamente dall’autorimessa mediante ascensore o scala interna. Nell’autorimessa si prevedono circa 28 posti auto di cui 14 per la ricarica di auto elettriche».

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE