Cerca e trova immobili

BELLINZONAEcco come sarà il futuro ospedale di Bellinzona

23.02.24 - 17:36
"Il profumo dei tigli" ha vinto il concorso per la progettazione dell'opera dell'EOC che sorgerà nel comparto della Saleggina.
EOC
Fonte EOC
Ecco come sarà il futuro ospedale di Bellinzona
"Il profumo dei tigli" ha vinto il concorso per la progettazione dell'opera dell'EOC che sorgerà nel comparto della Saleggina.

BELLINZONA - Il Consiglio di Amministrazione dell’Ente ospedaliero cantonale (EOC) ha designato all'unanimità il progetto vincitore del concorso per la progettazione per l’Ospedale Regionale del Sopraceneri, che sorgerà nel comparto Saleggina di Bellinzona.

La scelta della giuria è caduta sul progetto “Il profumo dei tigli”, presentato dal consorzio guidato da Michele Arnaboldi Architetti Sagl di Minusio e dalla Gaggini Studio d’architettura di Lugano.

A convincere maggiormente il Cda è stata l'idea di un ospedale «certamente orientato al benessere dei pazienti e dei collaboratori», ma che sa anche «inserirsi nel territorio con un impatto minimo sull’ambiente e con una forte sostenibilità economica e sociale».

L'Iter - Per quanto riguarda l’iter dei lavori alla Saleggina, la tabella di marcia procede come da programma. Il piano prevede ora la pianificazione del comparto con l’adempimento degli obblighi autorizzativi previsti dalla legge. Seguirà infine l’avvio del cantiere. In precedenza il progetto - approvato dal Gran Consiglio nel 2020 - era stato rallentato dai ricorsi dell'Unione Contadini Ticinesi e di un privato cittadino. Entrambi erano stati respinti sia dal TRAM, sia dal Tribunale federale.

Progeti esposti dal 4 al 15 marzo - Tutti i progetti che hanno partecipato al concorso saranno esposti al pubblico da lunedì 4 a venerdì 15 marzo presso gli spazi del Mercato coperto di Giubiasco dove lunedì 4 marzo alle ore 18:00 l’elaborato vincente verrà presentato dai progettisti al pubblico presente. Seguirà un rinfresco offerto ai partecipanti.

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

vulpus 1 mese fa su tio
Finalmente un progetto concreto su cui ragionare. La scelta delle diverse sedi degli ospedali non è da oggi, per cui non si ritorni a parlare di un unico ospedale al Ceneri. Del resto le difficoltà viarie del nostro cantone non sono sicuramente di auspicio per soluzioni centralizzate. Al S.Giovanni ancora si stà rabberciando e costruendo, per arrivare al momento del nuovo nosocomio. Sarebbe auspicabile una accelerazione della costruzione, onde evitare di dover iniettare ulteriori risorse in quello che verrà dismesso.

IlBiologo 1 mese fa su tio
Prezioso terreno che viene rubato all'agricoltura, invece di pensare a insediare il nuovo ospedale nella zona delle ex-officine FFS, mille volte più idoneo e senza cementificare inutilmente zone verdi.

vulpus 1 mese fa su tio
Risposta a IlBiologo
Di agricultura in zona c'è solo tanto fieno da tagliare. E nonostante la costruzione di verde ne rimane a iosa. Nel terreno ex officine si vuol fare di tutto e di più. Le solite assurdità politiche . Ci ritroveremo con la nostra città snaturata da faraoniche realizzazioni che invaderanno in altezza e superficie, tutta l'area.

occhiodiairolo 1 mese fa su tio
Ricordiamoci che se lo stand di tiro del ceneri non verrà fatto, quello di Bellinzona non potrà essere spostato e... Addio profumo di tigli!!!!!

Voilà 1 mese fa su tio
Risposta a occhiodiairolo
L'inizio dei lavori per il nuovo stand di tiro è previsto per il 2027, ma a quanto sembra il S. Giovanni tra 10/12 anni sarà a fin di vita... L'ospedale è prioritario, se necessario per i tiratori una soluzione provvisoria la troveranno.

Brasil63 1 mese fa su tio
Fate venire i cinesi che lo costruiscono in 2 mesi e al 50esimo del costo....

Nina 1 mese fa su tio
Bello ! c'è molto verde attorno

Ala 1 mese fa su tio
Solo in Ticino di può spendere più di un miliardo per costruire due ospedali a dieci minuti di treno uno dall'altro. Una vergogna che la dice lunga sulla lungimiranza dei nostri politici da rione....... 🤑

cle72 1 mese fa su tio
Risposta a Ala
In questo momento San Giovanni è pieno, i pazienti devono essere spostati a Acquarossa, poiché anche Faido è pieno. Prima di scrivere scemenze simili, si informi. Facile sparare a zero, senza sapere la realtà. A Lugano si portano solo se nel sopraceneri non c'è posto da nessuna parte.

Dapat 1 mese fa su tio
Risposta a Ala
È vero! I politici mancano di lungimiranza, come oltre 30 anni fa. Se già anni fa si fosse pianificato ed attuato l’ospedale unico al Ceneri, oggi avremmo un’unico centro “di eccellenza “, magari anche universitario, per lo meno parauniversitario, con tutto ciò che ne consegue. Gli ospedali periferici si sarebbero potuti trasformare in unità riabilitative ( che attualmente scarseggiano..) e posti lungodegenza. Invece vogliamo l’ospedale sotto casa, comodo… intanto si investe in lavori di ingrandimento, ristrutturazione… Tutto va bene ma poi non lamentiamoci che i costi della salute lievitano.

Voilà 1 mese fa su tio
Risposta a Ala
In un'ottica di razionalizzazione e di miglioramento della qualità, stanno centralizzando le specializzazioni. I posti letto servono.

cle72 1 mese fa su tio
Risposta a Dapat
I costi per ristrutturazioni o nuove costruzioni, non influiscono sui costi della cassa malati. Non scrivere fesserie.

Ala 1 mese fa su tio
Risposta a Dapat
esatto, il Ceneri era la soluzione meno onerosa e più funzionale ma alcuni politici hanno voluto difendere il proprio lato del monte....

Voilà 1 mese fa su tio
Risposta a Dapat
Già, per evitare i regionalismi tipici dei ticinesi, avremmo potuto portare al Ceneri l'ospedale, lo stand di tiro, la magistratura, il governo e quant'altro, sarebbe diventata la cittadella dei servizi. Poi il Ceneri è ben servito dai mezzi pubblici!

Dapat 1 mese fa su tio
Risposta a cle72
Bravo!… hai capito il discorso… 🤦🏻‍♂️. Ciaone

Ala 1 mese fa su tio
Risposta a cle72
Per quanto conoscenza della realtà ospedaliera potrei stupirla....... Un progetto come quello mostrato nell'articolo non può risolvere a breve termine il problema dell'occupazione. Del resto sia Faido che Acquarossa non trattano casi acuti e il spostamento dei pazienti fa parte delle strategie dell'ente da oltre 20 anni. La scemenza sta nel non conoscere il contesto e non tenere conto del fatto cha anche il civico andrà rifatto a "breve" in un altro luogo. Inoltre, per buona pace sua, sappia che i posti letto sono limitati "per legge" e un nuovo ospedale non disporrà di più letti ma solo una migliore logistica. Peace and love

Nmemo 1 mese fa su tio
Per chi non ha la dimestichezza di vedere chiaro quello che le immagini rappresentano: quella specie di stradone sulla sinistra è la linea Alptransit che attraversa i quartieri residenziali di Bellinzona, poiché la la circonvallazione sta nelle nefaste inadempienze dei municipi della regione. Per contro non si vede quale spazio, oltre l'ampia golena fluviale, sarà destinato all'accesso al nuovo comparto. La realtà è sempre diversa di quello che si vende!Nmemo Per chi non ha la dimestichezza di vedere chiaro quello che le immagini rappresentano: quella specie di stradone sulla sinistra è la linea Alptransit che attraversa i quartieri residenziali di Bellinzona, poiché la la circonvallazione sta nelle nefaste inadempienze dei municipi della regione. Per contro non si vede quale spazio, oltre l'ampia golena fluviale, sarà destinato all'accesso al nuovo comparto. La realtà è sempre diversa di quello che si vende!

Nmemo 1 mese fa su tio
Nmemo Il Municipio, non ha fatto i compiti pianificando il piano viario che dovrà collegare lo svincolo autostradale al nuovo comparto di urbanizzazione vincolata (un collegamento che serve anche al centro di comando della polizia cantonale). Di regola prima si pianifica, si realizzano le infrastrutture necessarie, poi si progettano gli insediamenti. Come sempre il municipio “vive alla giornata” rincorrendo gli eventi e infine pasticciando.

John Wayne 1 mese fa su tio
Risposta a Nmemo
Invece di reclamare per tutto, basterebbe candidarsi e non fare l'allenatore al bar "io lo sapevo".

Nmemo 1 mese fa su tio
Risposta a John Wayne
Galoppino, quando avrai dedicato la quantità di lavoro di servizio alla comunità potrai solo convenire che quella calsse politica è incapace a risolvere i problemi nell'interesse della comunità. Ma un galoppino non puo fare altro che simili commenti.
NOTIZIE PIÙ LETTE