Cerca e trova immobili

BELLINZONAPiù industria fotovoltaica made in Ticino

12.10.23 - 08:45
Lo chiede al Governo una mozione del Gruppo parlamentare dei Verdi
Foto Deposit
Fonte Verdi del Ticino
Più industria fotovoltaica made in Ticino
Lo chiede al Governo una mozione del Gruppo parlamentare dei Verdi

BELLINZONA - Il Gruppo parlamentare dei Verdi ha depositato una mozione per chiedere al Governo di attivarsi affinché anche il Ticino faccia la sua parte nell'ambito della filiera fotovoltaica svizzera e europea. Come? «Valorizzando le importanti ricerche di punta e le eccellenze di istituti nel nostro paese come per esempio la SUPSI, le EPFL e il CSEM - si legge in una nota - in primo luogo favorendo l’insediamento di aziende in grado di produrre su suolo svizzero e ticinese gli impianti fotovoltaici ( o parte di essi), in secondo luogo favorendo l’acquisto di impianti fotovoltaici di produzione svizzera e/o europea da parte del settore pubblico e delle aziende elettriche in mani pubbliche del nostro paese (partendo dall’Azienda Elettrica Ticinese)».

L’obiettivo è che almeno il 40% degli impianti fotovoltaici, in Ticino e in Svizzera, siano di produzione svizzera e europea. «L’occasione non può essere sprecata - dicono dal Gruppo parlamentare - per realizzare la transizione energetica, la produzione di energia solare in Svizzera deve essere ampliata in modo massiccio. L'iniziativa solare lanciata dai Verdi Svizzeri guiderà questa espansione».

Nel settore dei pannelli solari, tuttavia, vi è una forte dipendenza da aziende estere in particolare cinesi, e in prospettiva anche da quelle americane o indiane. «La quota della Cina in tutte le fasi di produzione dei moduli solari (polisilicio, lingotti, wafer, celle e moduli) supera l'80%. La produzione in Europa è quasi scomparsa. Il motivo: prezzi da dumping dovuti a distorsioni del mercato indotte dalla Cina» affermano.

Gli Stati Uniti con "Inflation Reduction Act", e l'Unione Europea con "Green Deal Industrial Plan" e con il "Net Zero Industry Act", hanno riconosciuto da tempo «che questa dipendenza rappresenta un rischio strategico. Soprattutto gli Stati Uniti, stanno investendo massicciamente nell'espansione e nello sviluppo della propria produzione fotovoltaica».

L’Europa chiede che entro il 2030, il 40% delle tecnologie necessarie per raggiungere gli obiettivi energetici e climatici, sia prodotto in Europa. «Nel frattempo la Svizzera dorme - sostengono i Verdi - per ridurre questa dipendenza pericolosa per la transizione energetica e per rafforzare la sicurezza nell’approvvigionamento di materiale per la costruzione di impianti fotovoltaici, le deputate e i deputati del Gruppo Verde del Consiglio Nazionale, nei giorni scorsi hanno presentato diversi atti parlamentari volti a salvaguardare le capacità produttive esistenti e consentirne una graduale espansione. L'obiettivo essenziale è quello di compensare le distorsioni del mercato create dalla Cina nei confronti delle aziende svizzere ed europee». 

 

COMMENTI
 

Geni986 4 mesi fa su tio
Il mio impianto fotovoltaico, attivo dal 2013, monta pannelli prodotti dalla Sunage di Balerna. Soddisfattissimo. Già allora li pagai di più di quanto avrei pagato pannelli cinesi. Però lo volli fortemente. È questione di principio. E buonsenso... il grande latitante dei giorni nostri.
NOTIZIE PIÙ LETTE