Cerca e trova immobili

MENDRISIOL'Accademia in festa, consegnati 140 diplomi

25.06.23 - 08:30
La cerimonia si è svolta ieri presso il parco di Villa Argentina a Mendrisio che chiude il ciclo di formazione.
TiPress
L'Accademia in festa, consegnati 140 diplomi
La cerimonia si è svolta ieri presso il parco di Villa Argentina a Mendrisio che chiude il ciclo di formazione.

MENDRISIO - Si è svolta ieri mattina, presso il parco di Villa Argentina a Mendrisio, la cerimonia di consegna dei Diplomi dell’Accademia di architettura dell’Università della Svizzera italiana.

I 140 diplomati in architettura, di 22 nazionalità diverse, hanno concluso il ciclo di formazione di 6 anni presso l’Accademia di architettura «dove si applica un modello didattico innovativo, interdisciplinare e generalista, acquisendo una competenza aperta e critica che spazia dalla progettazione delle varie tipologie architettoniche al disegno urbano e del paesaggio, dal riuso del patrimonio storico, alla costruzione sostenibile e consapevole», si legge nel comunicato stampa.

Invece i quattro diplomati in Storia e teoria dell’arte e dell’architettura hanno terminato il percorso di studi che mette l’architettura al centro degli studi storico-artistici con approfondimenti di critica e teoria dell’architettura, di museologia, di digital humanities e di restauro.

I premi - Il Premio Boni 2023, attivo dal 2002, è stato assegnato a Valentin Alexandre Hostettler, mentre i diplomati Eva Barnett, Francesca Binello Vigliani e Marco Rizzi hanno ricevuto il Premio SIA Ticino 2023.

Il "Premio Città di Mendrisio" è stato assegnato ad Alessia Barbera, ticinese di Arbedo, che ha totalizzato la miglior media accademica. Il premio istituito nel 2022 intende essere un segno di riconoscimento da parte della Città di Mendrisio per le giovani promesse nel campo dell’architettura che hanno trascorso gli anni della formazione a contatto con il nostro territorio.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE