Cerca e trova immobili

CAPRIASCAUn branco di lupi sui monti della Capriasca

27.02.23 - 11:41
È stato avvistato questa mattina verso le otto sull'alpe Rompiago: non si sa se si tratti dello stesso branco già notato in quella zona
Foto Deposit
Un branco di lupi sui monti della Capriasca
È stato avvistato questa mattina verso le otto sull'alpe Rompiago: non si sa se si tratti dello stesso branco già notato in quella zona

CAPRIASCA - È stato avvistato verso le otto di questa mattina sull’alpe Rompiago: il branco di lupi, composto da cinque esemplari, potrebbe essere quello già individuato e che si sposta tra la Val Colla e le valli limitrofe, ma come ha dichiarato il guardacaccia «non vi sono conferme al momento».

Le preoccupazioni degli allevatori - Un avvistamento che genera allarme fra i componenti dell'Associazione per la protezione del territorio dai grandi predatori e fra gli stessi allevatori: «La situazione sta diventando insostenibile - scrive in una nota l'associazione - fra un mese gli animali dovranno uscire al pascolo, ma la presenza di un branco più altri lupi stanziali o di passaggio già visti nelle scorse settimane, non lo permetterà».

Animali da allevare all'aperto costretti a rimanere nelle stalle - Si chiedono, amareggiati, se abbia ancora senso «allevare animali che per la loro natura dovrebbero vivere il più possibile all’aperto, al pascolo, e che invece siamo costretti a rinchiudere in stalle e recinti a prova di lupo?». E aggiungono: «Fino a quando sarà conciliabile una presenza di un branco di lupi in zone molto frequentate dal turismo pedestre?». 

Un numero elevato di avvistamenti: da inizio anno sono già venti - Gli avvistamenti in Ticino durante questi primi due mesi dell’anno lasciano intendere una presenza molto maggiore di lupi rispetto allo scorso anno che «a livello di attacchi e capi predati era già stato terribile».

Se lo scorso anno nei primi due mesi vi erano state tre o quattro segnalazioni, «quest’anno le segnalazioni ufficiali di avvistamenti o resti di predazione di selvatici sono già una ventina in ogni angolo del Ticino. Dalla Val di Blenio, alla Leventina, all’Alta Vallemaggia, al Bellinzonese, al Luganese. Tutti segni di una presenza intensa e capillare anche vicino agli abitati».

Le critiche alla gestione della questione dei grandi predatori - L'associazione ricorda quello che consiglia la "Strategia lupo svizzera" voluta dal Consiglio federale: «Ridurre al minimo i conflitti con l’agricoltura, la caccia, il turismo e la popolazione interessata, impedire che la presenza del lupo comporti restrizioni inaccettabili nell’ambito dell’allevamento di animali da reddito».

Questo per sottolineare criticamente che «si è voluto che il lupo fosse un animale strettamente protetto ma lo si è lasciato espandere senza porre nessun limite e i risultati sono catastrofici per tutti».

 

 

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Bulldozzer 1 anno fa su tio
Che belli che sono... Nobile animale, sinore delle montagne. L'uomo è l'ospite in questi territori ricordatevelo.

F/A-19 1 anno fa su tio
Risposta a Bulldozzer
L’uomo è ospite invece il lupo è un lord, se poi vai nella foresta il re è il leone, si certo, nelle favole.

Wwww 1 anno fa su tio
Che finezza tos….👍scritto messo giù bene

One72 1 anno fa su tio
Un po' di storia, così almeno si può capire dove sta il problema alla radice. Da oltre cento anni Il lupo in tutto l'arco alpino è stato estinto perché impossibile la convivenza con una società basata quasi esclusivamente da allevamento di animali da reddito. E stessa cosa per gli altri grandi predatori quali la lince e l'orso ed il cinghiale perché inoltre possono essere pericolosi anche per l' uomo. Questo sistema ha portato ad uno sviluppo di qualità degli animali da reddito non ché del territorio. E la selvaggina anche se non c'erano più grossi predatori era sotto controllo con la caccia. Creando così il giusto equilibrio natura e civiltà contadina. Alla fine degli anni 80' sono stati reintrodotti i cinghiali dalla vicina Italia, che in pochi anni si sono riprodotti a dismisura creando non pochi danni all'agricoltura, poi sempre a inizio anni novanta qualche pseudo genio perché indittrinato alle università con la collaborazione di varie associazioni pseudo animaliste Europe che di animali ci capiscono un fico secco e il benestare di qualche politico invasato pro natura hanno deciso di reintrodurre i grandi predatori che anche questi i pochi anni si sono riprodotti a dismisura in tutto l'arco alpino creando non pochi problemi agli allevatori e uno sperpero inutile di denaro pubblico. Adesso questa situazione negli anni sta creando non pochi problemi e in futuro sarà ancora peggio. In primis gli allevatori che getteranno la spugna perché con qualsiasi precauzione si voglia il problema predatori rimane, in secondo l'agricoltura dove cinghiali devastano terreni agricoli vigneti e a volte anche giardini privati, perché quando passano in branchi e come se passasse un buldozer. Senza contare la pericolosità dei lupi delle linci dei cinghiali e degli orsi per gli escursionisti. Che al momento per fortuite ragioni non ci sono stati ancora attacchi nei loro confronti. Quindi la reintroduzione di grossi predatori negli ultimi 30 anni in tutto l'arco alpino è stato un grosso errore che ha portato e porterà problemi senza contare il grosso sperpero di denaro pubblico. I nostri avi avevano una buona conoscenza della natura e sapevano benissimo che sia per la conformazione geologica delle alpi che per le attività contadina una convivenza con il grosso predatore era impossibile, e guardiamoci bene dal dire che non amano gli animali o qualche fesseria del genere... perché è proprio per l'amore verso gli animali che si era presa la soluzione più equilibrata. Quindi un errore colossale reintrodurre questi predatori, ma la politica e gli pseudo ambientalisti non saranno mai in grado di riconoscere i propri errori. Perché a loro interessa solo gli ideali, ma non la realtà dei fatti. Affaire a suivre.....

F/A-19 1 anno fa su tio
Risposta a One72
Condivido.

ZioG. 1 anno fa su tio
W il lupo, o meglio, W il branco di lupi!! 👍

Azteco 1 anno fa su tio
che bello ! :)

Simulator 1 anno fa su tio
ma dove sta il problema... leggo un sacco di cosa fare, catturare, uccidere, uomo contro natura ecc..se fa branco il lupo diventa pericoloso.. allora andate dalle 22 alla Pensilina di Lugano o in altri posti del nostro Cantone e vediamo quante probabilità avete di incontrare il "branco "...eppure siamo in città. Credetemi che piu' facile che incontrare un lupo in montagna...

Maratoneta 1 anno fa su tio
Risposta a Simulator
Certamente hai ragione sui branchi cittadini, però stiamo scrivendo di lupi non di deficenti, anche se l’argomento è molto importante, certamente più dei lupi

BlueShark 1 anno fa su tio
W il LUPO 👍

freevoice 1 anno fa su tio
Se si limitasse di più la caccia degli ungulati, il lupo avrebbe di che sfamarsi ed eviterebbe gli animali da pascolo. Purtroppo in Svizzera non si vogliono scontentare i cacciatori, che devono potere andare a caccia di ungulati e perchè no, anche del lupo o della lince. D'altronde l'equilibrio è fragile da rompere, troppi cacciatori equivalgono a meno ungulati e di conseguenza a troppi lupi "assassini". Nessuno mette in discussione però il primo animale da regolamentare, cioè l'uomo!!! Per il resto, OK, il lupo uccide per istinto e non per fame, ma lo fanno anche i migliaglia di gatti con animali di vario genere, il tutto in equilibrio, cosa che noi umani abbiamo dimenticato.

chris76 1 anno fa su tio
Risposta a freevoice
Limitare la caccia agli ungulati? Ci sono popolazioni di ungulati che sono fuori controllo x numero e pressione sul territorio. Il fatto che ci siano molti lupi vuol dire che c'è molto cibo. E in inverno il cibo per i lupi è costituito solo da selvatici visto che gli animali da resa sono in fattoria!

oniram 1 anno fa su tio
Risposta a chris76
Hai ragione per gli ungulati ma per i lupi si è perso il senso della ragione.

oniram 1 anno fa su tio
Auguro agli amici del lupo di trovarsi in mezzo ad un bel branco. Non auguro niente di male, solamente di riempirsi di 💩 fino al collo. Un mio ex datore di lavoro mi diceva, settimo arrangiarsi. I miei lupi non danno più fastidio a nessuno. Meglio sperperare milioni di franchi per i lupi che usarli per le persone che ne hanno bisogno. Comunque il grosso problema non sono i lupi, ma quelli che li proteggono all'eccesso. Saluti

chris76 1 anno fa su tio
Risposta a oniram
Che un lupo, anche in branco, attacchi l'uomo vorrei proprio vederlo (ma anche no). Comunque il lupo a differenza per esempio dei cani, scappa davanti all'uomo. mi fanno molta più paura un paio di cani sciolti che un branco di lupi in cima alla Val Colla!

ZioG. 1 anno fa su tio
Risposta a oniram
Comunque sia, W il lupo

Mat78 1 anno fa su tio
Risposta a chris76
Esatto!

Maratoneta 1 anno fa su tio
Risposta a chris76
Mi dispiace però non sei ben informato, non ti auguro di incontrare 4/5 lupi in montagna……altro che scappano, se c’è uno che scappa quello sei tu…..credimi.

ZioG. 1 anno fa su tio
Risposta a chris76
Concordo

ZioG. 1 anno fa su tio
Risposta a Maratoneta
4/5 cani fanno piú paura, fidati!

Maratoneta 1 anno fa su tio
Il lupo non va ucciso, bisogna salvaguardarlo fa parte dell’ecosistema, però non dobbiamo dimenticare che quando fa branco diventa pericoloso anche per l’uomo. La soluzione è sicuramente non facile, però gli esperti sapranno come gestirla, chiaramente senza uccidere.

oniram 1 anno fa su tio
Risposta a Maratoneta
Hai ragione, bisogna prenderli vivi e consegnarli ai loro protettori. Dopo però li devono mantenere.

resiga 1 anno fa su tio
Il dipartimento caccia e pesca infoltito ci costa sicuramente un occhio della testa ! Avranno fucili con siringhe che addormentano gli animali ? Avranno uomini capaci di usarli ? Avranno mira questi ultimi ? Ebbene che li usino allora ! Inoltre gli animali addormentati vengano o soppressi o inviati in altri luoghi dove possano vivere, ma lontani dalle nostre case, dalle nostre zone e dai nostri animali ! Qui non é la loro zona !

F/A-19 1 anno fa su tio
Appena si percepisce la presenza di un branco di lupi va creata una spedizione atta al suo annientamento. L’alternativa per chi è amante di certe bestie sarebbe reintrodurre gli orsi ed i puma, animali che nei nostri boschi aiuterebbero i lupi a regolare l’ecosistema, come sostiene l’amico Granzio.

negang 1 anno fa su tio
Risposta a F/A-19
Se possibile con le tecniche del DNA io re-introddurrei anche la tigre dai denti a sciabola tanto per completare il quadretto idilliaco. 2 domandine, chi andrà' più' a far scampagnate in montagna con in giro questi animali ? Se ti beccano da solo e loro sono in branco, o hai un arma vera oppure sei morto. Non so a chi e' capitato di trovarsi in mezzo ad un gruppo di cani da soli, in mezzo ai boschi. A me si, io ero in bici e vi garantisco che non e' piacevole. Non oso immaginare un branco di lupi. Faccio notare che fino al secolo scorso le autorità' davano un obolo a chiunque portasse un lupo od un orso abbattuti nei centri di raccolta.

MrBlack 1 anno fa su tio
Risposta a F/A-19
F/A-19: Esatto. I predatori del lupo sono 'Orsi e tigri in Siberia, bisonti, puma e orsi in Nord America.'. Quindi per completare il cerchio 'naturale' introduciamo anche le specie che regolano in modo naturale il numero di lupi, visto che non puo farlo l'uomo per legge. Buona scampagnata a tutti tra orsi e puma. :-)))

Mat78 1 anno fa su tio
Risposta a negang
Questi sono i classici post che mi fanno incavolare un sacco. “Se non sei armato sei morto…”bugiardo! Menti sapendo di farlo. I lupi, anche in branco, scappano dell’uomo. Questo è terrorismo da doppietta facile. Il secolo scorso abbiamo sterminato lupi, linci ed orsi. Per fortuna non è andata così altrove altrimenti fosse per gente come te lupi ed orsi sarebbero ormai ESTINTI. Gli animali da pascolo devo essere liberi di stare all’aperto “altrimenti non è naturale”, sterminare tutti i grandi predatori invece è MOLTO naturale giusto? L’uomo fa parte del territorio, non ne è il proprietario assoluto. Sarebbe ora di capirlo invece di pensare ancora al 900 oppure all’800, secoli di grandi tragedie…sismo nel 2023!

LaLussy 1 anno fa su tio
Risposta a Mat78
Questo è terrorismo....il lupo scappa dall'uomo...bla bla bla. Sempre la solita zolfa. Ci sono da sempre prove documentate che il lupo affamato se non trova prede, si ciba anche dell'uomo. Non è successo negli ultimi 100 anni? Perchè i nostri avi li hanno estinti. Negli ultimi anni i lupi stanno crescendo in modo esponenziale, quindi prima che ci scappi il morto, è solo questione di tempo! Spero per lo meno che non prenda un innocente bambino.

Frankeat 1 anno fa su tio
Risposta a LaLussy
[url rimossa]

dan007 1 anno fa su tio
I lupi ? Sono nelle città nei paesi non sono nelle lande isolate e naturalistiche non c’è da mangiare in giro e meglio andare a sfamarsi da un allevatore

Frank1966 1 anno fa su tio
Fra un pò arrivano giú al Burger…

BlueShark 1 anno fa su tio
Il Lupo è tornato…la natura fa il suo corso. Se così deve essere e così sia.

Frankeat 1 anno fa su tio
Risposta a BlueShark
Visto che anche l'essere umano fa parte della natura, ha tutto il diritto di difendersi ed eliminare il lupo. E' il corso della natura anche questo.

Mat78 1 anno fa su tio
Risposta a Frankeat
No quella è estinzione selettiva e distruzione delle naturali catene alimentari. Dicasi altresì alterazione del biotopo e dell’ecosistema.

BlueShark 1 anno fa su tio
Risposta a Frankeat
Per natura si intende l’universo nella totalità dei fenomeni e delle forze che in esso si manifestano.

MrBlack 1 anno fa su tio
Beh teniamoci il lupo e chiudiamo gli allevamenti tradizionali. Facciamo come in altri paesi (anche molto vicini) creando allevamenti intensivi, rinchiudendo gli animali nelle stalle strapiene imbottiti di antibiotici. Saranno finalmente contenti gli animalisti che potranno fare delle belle escursioni con l’emozione di incontrare il lupo nel bosco, e anche chi va a fare la spesa in Italia visto che così la carne costerà di meno anche da noi. Mah…

Granzio 1 anno fa su tio
Risposta a MrBlack
Gli allevamenti intensivi esistono anche in Svizzera come d'altronde gli animali al pascolo esistono anche in altri paesi (dove il lupo c'è sempre stato) che si trovano moto vicini al nostro.

LaLussy 1 anno fa su tio
Risposta a Granzio
Gli allevamenti intensivi in Svizzera non esistono più da parecchi anni. S'informi correttamente prima. Allevamento intensivo, significa che gli animali sono rinchiusi in stalla e non escono a pascolare. In Svizzzera questo è proibito da un decennio ed ogni allevamento deve seguire le normative sulla protezione degli animali, altrimenti chiude bottega! Buona giornata.

Granzio 1 anno fa su tio
Punto di vista italiano: È reato uccidere il lupo, si rischiano fino a 3 anni di carcere. Questo poiché protetto, e perché ha un ruolo importante nell'ecosistema (più precisamente nella riduzione degli ungulati, che in zona sono un numero eccessivo). Da noi invece si preferisce un proiettile per il lupo ed anche per gli ungulati in eccesso.

negang 1 anno fa su tio
Risposta a Granzio
Il risultato finale e' lo stesso ma almeno si va in giro tranquilli per i boschi. Immaginate i cercatori di funghi, i bambini , o turisti singoli in giro a passeggio o su qualche bricco. Se non permettono di abbatterli almeno permettete ai turisti di girare armati, a scanso di equivoci.

Scigu 1 anno fa su tio
Risposta a Granzio
granzio: il problema è che il lupo, che non è scemo, preferisce la caccia facile alle pecore alla fatica di inseguire ed uccidere un cervo…

Scigu 1 anno fa su tio
Risposta a Granzio
granzio: il problema è che il lupo, che non è sce.mo, preferisce la caccia facile alle pecore alla fatica di inseguire ed uccidere un cervo…

Scigu 1 anno fa su tio
Risposta a Granzio
granzio: il problema è che il lupo, che non è sce mo, preferisce la caccia facile alle pecore alla fatica di inseguire ed uccidere un cervo…

Scigu 1 anno fa su tio
Risposta a Granzio
il problema è che il lupo, che non è sce mo, preferisce la caccia facile alle pecore alla fatica di inseguire ed uccidere un cervo…

Scigu 1 anno fa su tio
Risposta a Granzio
Granzio: il problema è che il lupo, tutt’altro che stu.pido, preferisce la facile uccisione di pecore alla difficile e stancante cc i i cervi…

Scigu 1 anno fa su tio
Risposta a Granzio
Granzio: il problema è che il lupo, tutt’altro che fesso, preferisce la facile uccisione di pecore alla difficile e stancante cc i i cervi…

Scigu 1 anno fa su tio
Risposta a Granzio
Granzio: il problema è che il lupo, tutt’altro che fesso, preferisce la facile uccisione di pecore alla difficile e stancante caccia dei cervi…

Mat78 1 anno fa su tio
Risposta a negang
Torna nel neolitico pf.

Scigu 1 anno fa su tio
Risposta a negang
Chiedo scusa, mi è impazzito il pc….
NOTIZIE PIÙ LETTE