Deposit (archivio)
CANTONE
20.08.2021 - 08:530
Aggiornamento : 13:32

La tradizione culinaria ticinese nelle mense delle scuole dell'infanzia

Il progetto si inserisce negli eventi proposti dalla "Settimana del gusto" in programma a settembre

BELLINZONA - La scuola dell'infanzia si prepara ad una settimana tutta ticinese, culinariamente parlando. L’unione d’intenti con la consulenza per le refezioni della Scuola dell’infanzia e con Fourchette verte ha portato all’elaborazione, per ogni giorno della "Settimana del gusto", prevista in tutte le sedi dal 20 al 24 settembre 2021, ad una proposta di menu equilibrati e legati alla tradizione culinaria locale. In questo modo si mira a sensibilizzare i piccoli allievi e renderli maggiormente consci di quanto sia vasta e ricca l’offerta di derrate alimentari prodotte e confezionate in Ticino, stimolando la loro curiosità rispetto all’origine del cibo servito sul piatto, anche con l’accompagnamento di attività didattiche a tema, ricorda il Centro di Competenze Agroalimentari Ticino. A dimostrazione che il cibo, oltre ad essere il carburante per il nostro corpo e ad allietare il nostro palato, è anche un tema educativo.

I comuni che già da qualche tempo hanno scelto di cucinare nelle proprie “mense scolastiche” in modo più sostenibile sono: Riviera (Lodrino SE e SI, Cresciano, Osogna), Lugano, Biasca, Blenio (Acquarossa, Olivone, Aquila, Dongio), Lumino, Serravalle (Ludiano e Malvaglia), Terre di Pedemonte (Cavigliano, Verscio, Tegna). Prossimamente ci saranno anche i comuni di Bioggio e Bellinzona.

Come sottolinea il Centro di Competenze Agroalimentari Ticino, i benefici del progetto sono molteplici: «a livello economico si assicurano posti di lavoro locali con evidenti ricadute finanziare sul territorio; a livello sociale vi è una maggiore conoscenza sull’origine del cibo, grazie alla tracciabilità e ad una maggiore trasparenza; a livello culturale si valorizza e salvaguarda la tradizione culinaria regionale; oltre a pensare ai benefici per la salute riconducibili all’assunzione di cibi freschi, genuini e che seguono il ciclo della stagionalità. Per i comuni è inoltre un’occasione per ribadire e dimostrare in modo concreto ai propri cittadini quali misure si stanno sviluppando, non solo a favore dell’economia della regione sostenendo le aziende presenti nel comune, ma pure a favore del bilancio ecologico. Gli acquisti a km 0 aiutano a ridurre le emissioni di CO2 grazie al minor tempo di stoccaggio e di trasporto della merce a beneficio di maggiore freschezza».
Temi che rispecchiano molti degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’agenda ONU che dovranno essere realizzati entro il 2030 a livello globale e per i quali ogni paese è chiamato a fare la propria parte.

Non solo per una settimana all’anno, bensì ormai da quattro anni, in linea con gli obiettivi della "Settimana del Gusto" di valorizzazione della cultura alimentare, della produzione locale, stagionale e sostenibile, il CCAT s’impegna affinché vi sia un maggiore utilizzo di prodotti agroalimentari ticinesi nella ristorazione pubblica, favorendo l’approvvigionamento presso i produttori locali e ampliandone l’assortimento presso i grossisti.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-01 04:41:46 | 91.208.130.87