Immobili
Veicoli
Fantasilandia
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
«Una relazione moralmente inappropriata, ma legale»
«Si è trattato di una relazione consenziente, e lei aveva 16 anni», si è giustificato il Governo.
FOTO E VIDEO
MORBIO INFERIORE
3 ore
Nino ha soffiato su cento candeline
Il neo-centenario, nato il 23 gennaio 1922, abita (da sempre) a Morbio Inferiore.
CANTONE
6 ore
«Nessun allarme diossina in Ticino»
A differenza del Canton Vaud, in Ticino i valori nel terreno di questi composti sono sotto il livello di guardia.
MENDRISIO
7 ore
Truffano un'anziana, fermati con 40mila franchi
I "falsi poliziotti" tornano a colpire in Ticino. La Polizia mette in guardia
CANTONE
8 ore
Sogni di diventare infermiere? Oggi aprono le iscrizioni alla SSSCI
I percorsi formativi offerti sono due: diploma SSS per infermiere e diploma SSS per soccorritore.
FOTO
LOSONE
8 ore
Quel legame invisibile che collega Losone alla Polonia
Durante la seconda guerra mondiale 450 soldati polacchi trovarono rifugio nel Comune Locarnese.
CANTONE
8 ore
Diciotto nuove sezioni in quarantena
Nelle ultime 24 ore si registrano poco più di mille contagi e nessuna vittima dovuta al Covid
LOCARNO
8 ore
Quando il semaforo diventa rosso, è ora di ventilare l'aula
La Città di Locarno ha deciso di equipaggiare le scuole comunali di sensori che rilevano il quantitativo di CO2
CANTONE
10 ore
FC Chiasso e OTR Mendrisiotto e Basso Ceresio stringono una collaborazione
L'obiettivo: valorizzare il territorio e promuovere l'offerta turistica
CANTONE
10 ore
«Dopo 20 anni di lavoro, mi hanno lasciato a casa con una videochiamata»
La testimonianza di un ex quadro di UBS, "vittima" della riorganizzazione prevista dalla banca.
BEDANO
10 ore
Open day alla Scuola Montessori
Il prossimo 5 febbraio è previsto un appuntamento virtuale per scoprire la Casa di Irma a Bedano
CADEMPINO
15.06.2021 - 06:000
Aggiornamento : 12:00

Sfrattati a causa del Covid, ma gli aiuti non arrivano

Chiusi per mesi, riaperti con limiti insostenibili e poi sfrattati. Ma non soddisfano i requisiti dei casi di rigore.

Emblematico il caso del parco giochi indoor Fantasilandia, che lotta per rimanere vivo. «Se nessuno ci aiuta l’unica alternativa è il fallimento».

CADEMPINO - Un’azienda pensata per le famiglie, unica nel suo genere in Ticino. Piegata dalla pandemia, da un locatore definito «intransigente» e dagli aiuti negati. Fantasilandia, parco giochi indoor per bambini, aveva sede a Cadempino e operava dal 2018 quando la crisi sanitaria ha preso il sopravvento. I gerenti hanno ora inviato un appello al Consiglio di Stato. 

La pandemia - La prima chiusura forzata è arrivata il 12 marzo 2020 e si è protratta fino al 6 di giugno, spiegano i gerenti Carlotta Cooper e Vincenzo De Biasi. Con la riapertura, avvenuta già in periodo di bassa stagione per il settore, l’azienda ha poi dovuto sottostare a limitazioni importanti relative all’utenza, soprattutto a partire da ottobre. «Noi viviamo soprattutto di feste di compleanno, e se arrivava anche solo qualche bambino con i rispettivi genitori, eravamo già oltre il quorum», così Cooper. Da qui i problemi di solvenza, che hanno impedito loro di coprire per intero i costi di affitto dello stabile: «Pagavamo quello che potevamo, ma il nostro locatore non ne ha voluto sapere, e ci ha presentato la notifica di sfratto a fine settembre per il 31 ottobre 2020». 

Uno stop consapevole - Una decisione, quella del locatore, che i gestori di Fantasilandia hanno deciso, dopo attenta riflessione, di non contestare: «La situazione epidemiologica era in peggioramento, e sospettavamo che le autorità ci avrebbero fatto richiudere da lì a poco. Cosa che è poi successa. Abbiamo avuto la saggezza di non impegnarci con contratti di affitto che non saremmo stati in grado di onorare, e abbiamo preferito rimanere fermi, mettendo tutto in un magazzino e cercando una nuova struttura, con l’intento di riaprire al 100% quando avessimo potuto farlo». Una decisione che gli si sarebbe però ritorta contro. 

Regolamenti inflessibili - La legislazione relativa ai casi di rigore prevede infatti la concessione di aiuti solo in due casi specifici: nel caso le autorità abbiano ordinato una chiusura di 40 giorni o più a partire dal 1° novembre 2020, o nel caso l’azienda abbia fatto registrare per 12 mesi consecutivi, a partire dal 1° gennaio 2020, una perdita del fatturato di almeno il 40% rispetto alla media degli anni pre-pandemici. E, in virtù del fatto che l’attività dell’azienda si è interrotta a partire dal 31 ottobre, Fantasilandia non risponde a nessuna delle due condizioni quadro, confermano le autorità cantonali preposte. L’azienda è così stata abbandonata a sé stessa, intrappolata nella rigidità di regolamenti che non lasciano margine di manovra. Amare le parole di Carlotta Cooper: «Se nessuno ci aiuta l’unica alternativa è il fallimento. E la nostra azienda, quando lavoravamo, era più che sana». 

In fumo i risparmi di una vita - Secondo le norme Covid attualmente in vigore, Fantasilandia potrebbe ora tornare a operare, ma il problema è diventato un altro: «Non abbiamo più riserve per rimontare tutto, rifornire il bar e assicurare le strutture di gioco. E nel frattempo continuiamo ad avere costi fissi, tra spese di affitto del magazzino e oneri sociali». Spese, specifica Cooper, che lei e il suo socio stanno pagando attraverso l’indennità di perdita di guadagno, «visto che abbiamo esaurito, a 50 anni, tutti i nostri risparmi».

Fantasilandia
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
dan007 7 mesi fa su tio
Uno scandalo anche io niente aiuti cause diverse ma poi tant’è società truffano banche e stato ma quelli onesti sono quelli che si ritrovano con le spalle al muro
Big Luca 7 mesi fa su tio
Piena solidarietà a queste persone. Quella dei locatori che non dimostrano un minimo di comprensione e solidarietà é invece da biasimare vergognosamente, soprattutto per quei locatori per i quali questi affitti sarebbero stati una goccia nel mare. Mi é stato riferito che "benestantissimi" e famosi possessori di immobili industriali in zona Bioggio/Manno non abbiano avuto nemmeno l'accortezza di rispondere alle richieste di aziende in difficoltà che chiedevano una minima sospensione del pagamento dell'affitto dopo che per 20 anni lo avevano pagato sempre puntualmente. Alle poche alle quali é stato risposto, é stato concesso unicamente una dilazione del pagamento dell'affitto. VERGOGNA !!
pillola rossa 7 mesi fa su tio
@Big Luca Soliti marscioni
Ro 7 mesi fa su tio
@Big Luca È un grazie va anche a quei parlamentari che hanno bocciato la proposta del consiglio federale di bloccare gli affitti durante il lockdown.
SteveC 7 mesi fa su tio
Grazie CF, e pensare che la maggior parte di noi fessi ha anche appena accettato la legge Covid
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-24 18:57:03 | 91.208.130.89