tipress (archivio)
CANTONE
12.05.2021 - 16:380
Aggiornamento : 14.05.2021 - 07:40

Uno "scudo protettivo" per le grandi manifestazioni

Il Governo propone un credito per tutelare gli organizzatori dai grandi eventi in caso di annullamenti per Covid.

Ciò permetterebbe di pianificare le attività nonostante il periodo incerto e di generare, nel contempo, un indotto economico anche per i vari fornitori

BELLINZONA - Un credito per tutelare, in caso di eventuale annullamento per Covid-19, gli organizzatori di grandi manifestazioni sovracantonali.

Il Consiglio di Stato ha licenziato oggi un messaggio contenente una richiesta di 16 milioni di franchi lordi (8 milioni netti, mentre i restanti 8 saranno versati dalla Confederazione) per rendere tempestivamente operativo, non appena sarà possibile, lo scudo protettivo per le grandi manifestazioni del nostro Cantone, aperte al pubblico e ideate per accogliere più di 1'000 persone al giorno.

Forma di tutela - Il cosiddetto “scudo protettivo” serve a garantire agli organizzatori di grandi eventi una tutela in relazione alle spese sostenute, qualora le manifestazioni autorizzate dovessero essere annullate per ragioni inerenti alla pandemia.

Il messaggio viene presentato in applicazione della legge Covid-19 e dell’ordinanza Covid-19 eventi pubblici in attesa della decisione del Consiglio federale, prevista il 26 maggio al termine dell’analisi dei risultati della consultazione su questa proposta.

Nel caso in cui l’evoluzione effettiva del contagio andasse verso un progressivo ridimensionamento, le grandi manifestazioni si potranno svolgere e le risorse messe a disposizione per lo scudo protettivo non dovranno essere impiegate.

Con il credito richiesto il Governo intende sostenere gli organizzatori di eventi, permettendo loro di pianificare le attività nonostante il periodo incerto e di generare, nel contempo, un indotto economico anche per i loro fornitori. Affinché questo nuovo impegno possa efficacemente dare i suoi frutti è necessario che possa essere approvato con urgenza dal Gran Consiglio, in modo da poter entrare in vigore a inizio estate 2021.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Don Quijote 1 mese fa su tio
Quello che manca da sempre è un vaccino per prevenire la stupidità umana!
Evry 1 mese fa su tio
Vergogna, solamente per i GRANDI eventi organizzati da appriffittatori... e per le piccole società che organizzano pure delle manifestazioni locali o regionali ??? niente, BRAVI
seo56 1 mese fa su tio
🤐🤐🤐🤐
ic70 1 mese fa su tio
Per i grandi eventi estate 2021 chi li organizza e mi riferisco al Ticino invece di persistere!! dovrebbe rendersi conto che per luglio e agosto'21(piazza Grande Locarno) non c'è nulla da fare e comunicare l'annullamento come d'altronde hanno già fatto diversi organizzatori in Svizzera interna
Gus 1 mese fa su tio
Anche qui qualcuno ne approfitterà indebitamente. Soldi di tutti, soldi di nessuno!
pillola rossa 1 mese fa su tio
Uno scudo
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-19 14:37:12 | 91.208.130.86