Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
4 ore
Il Ticino ha 28 nuovi avvocati e avvocate
La cerimonia di promozione si è tenuta oggi nell'Aula Magna dell'Università della Svizzera italiana.
CANTONE
4 ore
Riparazioni e incentivi, due novità per le carrozzerie
Ha avuto luogo la 64esime assemblea di Carrosserie Suisse Sezione Ticino
CANTONE
6 ore
Occhio ai radar, ecco dove
La polizia ha diffuso la lista dei controlli mobili previsti per settimana prossima
TENERO
6 ore
Scompare in acqua, è in pericolo di vita
Principio di annegamento al lido Mappo. Un 83enne grigionese è stato ricoverato in condizioni critiche
TICINO/GRIGIONI
7 ore
Il Lucomagno si prepara all'esplosione
Ancora chiusa la strada del passo. Lavori in corso sulla parete che ha ceduto
MENDRISIO
7 ore
Poliziotti attaccati da una ventina di giovani: due arresti
In totale sono sette le persone che sono state medicate al Pronto soccorso.
RIVA SAN VITALE
7 ore
Frontale a Riva: due feriti
Gli occupanti delle due automobili coinvolte avrebbero riportato lesioni non gravi.
MENDRISIO
8 ore
Tiziano Calderari lascia la Presidenza del PLR di Mendrisio
Entro settembre, la Sezione annuncerà il suo successore
BELLINZONA
8 ore
Critiche alla Commissione giovani: «È uno specchietto per le allodole»
Inoltrata un'interpellanza volta a chiarire l'operato della Commissione
LOCARNO
8 ore
Alle Medie di Locarno 2, la miglior media vicinissima al 6
Sono stati premiati oggi i migliori allievi dell'istituto al termine del loro percorso nella scuola obbligatoria
CANTONE
8 ore
Tre casi di variante Delta in Ticino
Il medico cantonale Merlani e il direttore del Dss De Rosa in conferenza stampa: segui la diretta
CANTONE
10.05.2021 - 18:550
Aggiornamento : 21:41

«Tanta solitudine nel decidere se vaccinarsi o no»

La campagna anti Covid prosegue: le riflessioni di Marta Fadda, ricercatrice e docente, ospite di Piazza Ticino.

Perché ci sono ancora così tante resistenze? Le autorità avrebbero dovuto creare più spazi di dialogo? Una persona ha diritto di avere paura? E il "passaporto" creerà cittadini di serie A e cittadini di serie B? Guarda la video intervista.

LUGANO - È discriminante dare vantaggi a chi si vaccina contro il Covid-19? È lecito avere paura di vaccinarsi? E che dire inoltre del passaporto di immunità, sempre più discusso? Temi affrontati su Piazza Ticino, la piazza virtuale di Tio/20Minuti, con Marta Fadda, ricercatrice e docente presso l'Istituto di salute pubblica dell'Università della Svizzera italiana.

C'è bufera attorno al "certificato Covid". Che ne pensa?
«È uno strumento di cui si avvale la salute pubblica per limitare al massimo l'intrusione delle politiche sanitarie nella vita del cittadino e nella sua libertà di movimento. Lo si ottiene con la vaccinazione, ma non solo. Anche dimostrando ad esempio di avere già fatto la malattia, e avere dunque gli anticorpi, oppure con un tampone negativo».

La campagna vaccinale prosegue. Giusto dare vantaggi a chi si è vaccinato? Qualcuno in fondo ha il diritto di avere paura di fare un vaccino, o no?
«Certo. La paura può essere legittima. E chi ha paura ha il diritto di essere ascoltato. Da alcuni studi che stiamo portando avanti vediamo che non ci sono solo persone che non si vogliono vaccinare per motivi ideologici. I timori possono essere dovuti al fatto che il vaccino è stato sviluppato in maniera veloce. Si ignora magari che sono stati rispettati tutti i criteri di qualità nella produzione di questo vaccino. La gente necessita di rassicurazioni in merito, ma a volte non le trova».

Quanta responsabilità hanno le autorità? Non è mancata una comunicazione condivisa con la popolazione?
«La percezione che noi abbiamo è che le persone si sono sentite veramente sole nel prendere la decisione di vaccinarsi. Chi ha potuto ne ha parlato col proprio medico di famiglia. Forse più in generale è mancato uno spazio di dialogo. Va anche detto che non c'era tanto tempo per fare altrimenti, la pressione per trovare una soluzione era troppo alta».

Spiegando l'utilità sociale, del vaccino le istituzioni hanno avuto troppa paura di mettere in discussione l'autonomia del cittadino, che in Svizzera è sacra?
«In Svizzera vogliamo salvaguardare a tutti i costi la libertà di scelta individuale. D'altra parte non ci si può dimenticare che non siamo da soli. Siamo parte di una società e di un sistema di relazioni. È anche vero che fare arrivare l'informazione "dall'alto", senza spazi di dialogo, ad alcuni ha trasmesso proprio l'idea di essere in solitudine».

Il Covid ha dimostrato di non avere un andamento lineare. Fa un po' ciò che vuole, in barba anche alle previsioni.
«La vera sfida è imparare a gestire questa incertezza. La scienza parte da ipotesi che poi devono essere smentite o confermate. Il metodo scientifico è un processo non necessariamente lineare. Sicuramente nel momento in cui si diffondono informazioni bisogna mettere in evidenza il metodo usato. Questa è una lezione da imparare, si sarebbe potuto coinvolgere maggiormente la popolazione, spiegare come si arriva a determinate conclusioni e come, nel tempo, queste possano cambiare». 

Vaccinati e non vaccinati. Ci saranno cittadini di serie A e cittadini di serie B?
«Il vaccino ci permette di tornare a fare tante cose. Ci riapre tante porte. Pone certamente problemi etici. Anche perché non tutti partono dallo stesso livello di conoscenza. Il tema del vaccino mette in luce disuguaglianze che già c'erano in precedenza».

CLICCA QUI E GUARDA LA VIDEO INTERVISTA INTEGRALE

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-18 23:46:39 | 91.208.130.87