RSI
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
10 min
“Job mentor” per collocare i disoccupati over-50
Grazie a questo supporto specializzato si potrà beneficiare di una consulenza più intensa e mirata.
AIROLO
24 min
Qui comincia il secondo Gottardo
Sono iniziati i lavori al tunnel autostradale tra Airolo e Göschenen. Ecco la road-map
CANTONE
35 min
Ricordatevi di analizzare la parità salariale
Il termine, per le datrici e i datori di lavoro che impiegano 100 o più collaboratori, è il 30 giugno.
CANTONE
57 min
Altri 62 positivi in Ticino, ricoverati ancora in calo
Fortunatamente non si contano ulteriori vittime. I nuovi ammessi sono 2, mentre le dimissioni si elevano a 5.
CANTONE
4 ore
Il treno color rame che diventa una star
Si chiama Traverso e da qualche tempo lo si nota anche nella Svizzera italiana. Ecco da dove arriva.
FOTO
CANTONE
4 ore
La sfida lanciata agli artisti, ogni spazio può fare museo
Adriana Bock Schmitt impegnata a promuovere gli artisti del nostro cantone attraverso il progetto creattivati.ch
BELLINZONA
4 ore
Migliaia di api uccise: «Cattiveria e stupidità non hanno limiti»
Il fatto è accaduto sui Monti di Marno, sopra a Carasso. L'apicoltore: «Sporgerò denuncia, ma non mollo e vado avanti».
CANTONE
14 ore
Tre condanne per gli scontri alla Valascia
Due ticinesi e un vodese si sono visto comminare una pena pecuniaria per i fatti avvenuti il 14 gennaio del 2018.
LUGANO
16 ore
Un testamento da 16 milioni, ma per il Tf è carta straccia
Dopo una battaglia durata decenni il Tribunale federale respinge un documento datato 1936 ritrovato in un cassetto
CANTONE
18 ore
Un cataclisma tra Ticino e Varesotto
È solo un'esercitazione: l'esercito si sta preparando
LOCARNO
19 ore
Festino alle medie, il docente licenziato ricorre al Tram
La decisione dell'ex insegnante di storia e italiano è stata comunicata dal suo legale, l'avvocato Carlo Borradori.
MENDRISIO/BERNA
19 ore
«Non vogliamo la terza corsia tra Lugano e Mendrisio»
Consegnate oggi a Berna le firme della petizione che si oppone al potenziamento dell'autostrada.
CANTONE
20 ore
Raddoppiano gli aiuti Ponte Covid
Da giugno l'importo massimo del primo richiedente sarà aumentato a 2'000 franchi.
RIVA SAN VITALE
20 ore
Cerimonia di insediamento a Riva San Vitale
Il Sindaco Antonio Guidali e il Vicesindaco Eusebio Vassalli hanno giurato fedeltà alla Costituzione.
LUGANO
20 ore
Giovane ammanettato al Maghetti, due agenti sotto accusa
Nei confronti di due poliziotti della Città di Lugano sono state proposte condanne a pene pecuniarie e multe.
LOCARNO
21 ore
Al Lido di Locarno si torna a nuotare
La struttura riapre il prossimo 8 maggio. Ma soltanto per le vasche esterne
FOTO
LUGANO
21 ore
Cristiano Ronaldo a Lugano in segreto
L'attaccante della Juventus sulle rive del Ceresio per uno spot. Non è passato inosservato.
LUGANO
23 ore
La mamma si festeggia sul San Salvatore
Diverse le iniziative previste per questa domenica
COMANO
12.04.2021 - 18:290
Aggiornamento : 20.04.2021 - 17:38

Molestie e sessismo in RSI: «Non permetterò mai più simili derive»

Parla il nuovo direttore della RSI, Mario Timbal, che affronta con noi le critiche verso una tv "sprecona".

Ma anche di informazione, di politicizzazione e di satira. Su Rete Due ha le idee molto chiare, e ci svela cosa porterebbe via dalla tv italiana.

COMANO - Mario Timbal, 44 anni, da pochi giorni è entrato di fatto nelle stanze dei bottoni della RSI. Il nuovo direttore si è presentato stamani in streaming davanti ai suoi dipendenti. Lo abbiamo incontrato per capire quale sarà il futuro volto che intende dare all’azienda.

Fino a ieri era uno dei tanti spettatori della RSI, oggi invece la dirige. Un pregio e un difetto dell’azienda?
«Il pregio è la qualità, l’autorevolezza di ciò che viene proposto. Un pregio che dobbiamo continuare a mantenere. È difficile parlare invece di difetti, posso invece parlare su ciò che potremmo fare di più e in questo caso insisterei sul concetto di trasversalità dei contenuti: ovvero come fare in modo che i contenuti non restino isolati in un’unica trasmissione o in un unico vettore».
 
Lei non è un uomo di tv, nel senso che non arriva dalla televisione. Qualcuno ha evidenziato questo aspetto. Cosa risponde a chi l’accusa di conoscere poco il mezzo radiotelevisivo?
«È un’accusa più che legittima. Però faccio notare che non vengo a fare televisione, vengo a dirigere un'azienda che crea contenuti culturali. Da anni il mio lavoro è creare le condizioni migliori per permettere alla gente di produrre contenuti e farli arrivare al più vasto pubblico possibile. Non vedo una barriera in tutto ciò. Cercherò di completare le mie competenze con quelle più specifiche legate al mezzo televisivo e radiofonico, e porterò la mia esperienza che ritengo possa essere utile per questa fase di transizione».
 
Il suo bagaglio culturale è di prestigio. Parliamo allora di cultura: in tv cultura non fa rima con auditel. 
«Fortunatamente il servizio pubblico non vive solo di auditel e di entrate pubblicitarie. La RSI ha un importante ruolo culturale nella Svizzera italiana. Un ruolo che porta con sé delle competenze, che dovranno diventare - a mio avviso - maggiormente trasversali. Vorrei ad esempio che contenuti che nascono su Rete Due possano diffondersi trasversalmente anche su altri vettori, cercando di toccare un pubblico più ampio».
 
Spesso viene criticata l'informazione. La si accusa che sia di parte. È d’accordo con queste affermazioni?
«Non sono d’accordo con queste affermazioni, ma sarò garante che questo non succeda in futuro. Quello che vorrei è un'informazione che sia talmente autorevole - e questo lo è già - da poter essere anche coraggiosa. Quel coraggio che permette a tutti i giornalisti di poter raccontare la realtà nella sua complessità e in modo critico».  
 
Ritiene che la RSI sia troppo politicizzata?
«Non penso che ci sia una politicizzazione. Vorrei dimostrare che non siamo né di destra, né di sinistra e per questo lavorerò per cercare di sviluppare quel coraggio di cui parlavo prima».
 
Negli scorsi giorni si è polemizzato contro una trasmissione romanda che ha preso in giro il Ticino. Alla RSI un tempo c'era la Palmita che faceva satira, in seguito la presa in giro del potere è scomparsa. Lei pensa che ci sia una lacuna?
«C’è sicuramente uno spazio di sviluppo. La satira è una delle cose più difficili da fare. Penso che il servizio della tv romanda abbia pienamente adempito a quello che è il compito della satira. Spero che in futuro riusciremo anche noi a sviluppare questo tipo di programmazione».
 
È un uomo che ha lavorato e vissuto anche all’estero. Tra chi vorrebbe una tv più legata al territorio e chi la vuole più aperta al mondo, lei dove si colloca?
«Mi colloco proprio a cavallo, cercando di trovare il giusto equilibrio tra apertura e territorio. Riuscire a evitare le accuse di provincialismo, ma anche di essere troppo distanti. Si tratta di un esercizio difficilissimo che richiede alternanza, intelligenza e un po’ di audacia».
 
È arrivato in un momento in cui la RSI è travolta dalle polemiche di sessismo e molestie. C’è un’inchiesta in corso. Avrà il compito di dover affrontare anche questa tegola. Come l’affronterà?
«Ho assunto la responsabilità del dossier sin dal primo giorno. Gli accertamenti sono in corso e aspettiamo i risultati per l’estate. Ci sono delle riflessioni da fare sugli strumenti da adottare per prevenire queste situazioni e sulle azioni che dovremmo intraprendere per sviluppare una cultura aziendale che non permetta più simili derive».
 
Un’altra tegola è quella di Rete Due. Verrà smantellata o diventerà solo musicale?
«Né l’una, né l’altra. Non credo nelle radio solo musicali. Sono convinto che le radio abbiano la loro specificità nel flusso parlato. Non sono qui per smantellare Rete Due, né per impoverirla».
 
Vi accusano di essere spreconi, che spesso i soldi vengono usati o spesi male. Lei come pensa di affrontare questo aspetto, ammesso che condivida la tesi.
«Prima di condividere questa tesi dovrei chinarmi in maniera approfondita sulle cifre della RSI. Se ci saranno possibilità di risparmiare le adotterò, senza che questo influisca sulla qualità di ciò che produciamo. Cercheremo di ottimizzare l’utilizzo di ogni singolo franco ma non credo che questo sia sufficiente per trovare un nuovo equilibrio».
 
Guardando oltre confine, in questo caso all’Italia, cosa le piacerebbe portarle via televisivamente parlando.
«Porterei via un po’ il coraggio di sperimentare. Stiamo parlando di un paese che ha un’enorme macchina culturale. Sanno sperimentare e hanno coraggio».
 
Quali sono state le trasmissioni della RSI che guardava fino a ieri da telespettatore?
«Da bambino guardavo Scacciapensieri, oggi lo guardano i miei figli. Negli anni a seguire la costante che ha attraversato tutta la mia vita è stata sicuramente l’informazione della RSI».

RSI
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-06 10:55:10 | 91.208.130.89