Ivana Pisic
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
27.11.2020 - 16:300

2'300 firme per avere «più corse nelle tratte affollate»

Covid-19 e trasporto pubblico: il SISA ha consegnato oggi alle autorità le firme raccolte con una petizione online.

Il sindacato studentesco ricorda ancora una volta il ruolo che i trasporti pubblici giocano nella diffusione del virus e chiedono un intervento da parte del Consiglio di Stato.

BELLINZONA - Il Sindacato Indipendente Studenti e Apprendisti (SISA) ha consegnato questo pomeriggio a Palazzo delle Orsoline le 2'300 firme raccolte della petizione online "Covid-19 e trasporto pubblico" nelle ultime due settimane.

La stessa poneva l'accento sul ruolo che gioca il trasporto pubblico nella diffusione del virus. «Nonostante le nostre rivendicazioni su questo tema - sottolineano dal SISA - il Consiglio di Stato non è ancora intervenuto in maniera significativa per contrastare il problema dell’affollamento nei mezzi pubblici».

A oggi i trasporti pubblici rimangono alquanto affollati e lo spostamento dell'orario delle scuole superiori non ha risolto il problema. «Il problema è stato solo spostato di un'ora», ci spiegava negli scorsi giorni Ivana Pisic, responsabile del Comitato studentesco alla Commercio di Bellinzona. «L’unica differenza visibile con lo slittamento degli orari di un’ora è il passaggio da folle di studenti a folle di studenti e lavoratori nelle ore di punta serali. Si avvicinano perciò adulti, spesso categoria più a rischio, e ragazzi, il gruppo quotidianamente più esposto al virus».  

Un problema quindi, come ricordato dallo stesso SISA nella sua petizione online, che non riguarda unicamente la popolazione studentesca con il relativo rischio della chiusura delle scuole, ma l’intera società: «A usufruire del trasporto pubblico non sono unicamente le studentesse e gli studenti, ma anche lavoratori di tutti i settori professionali, tra cui anche il personale sanitario. In questi termini il rischio di contagio all’interno dei trasporti pubblici affollati può rappresentare una grave minaccia per la salute pubblica». 

Per questi motivi il SISA chiede «un intervento più coraggioso» da parte dell’autorità, introducendo delle corse supplementari nelle tratte affollate e ripristinando gli orari abituali nelle scuole medie superiori. «Il corpo studentesco del post-obbligo - conclude il sindacato studentesco - merita delle risposte serie e proporzionali alla gravità della situazione, non di essere preso in giro».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
lollo68 10 mesi fa su tio
Hanno spostato gli orari scolastici senza chiedere a chi era direttamente coinvolto! I miei si trovano ora assieme ai ragazzi delle scuole medie e sugli altri mezzi pubblici non è cambiato nulla: la solita folla. Devo però andare a prendere mio figlio a scuola per le attività extra scolastiche quando prima ci arrivava con i mezzi pubblici! Come aumentare ulteriormente l'inquinamento.
pillola rossa 10 mesi fa su tio
Chi ha paura rimanga a casa
MrBlack 10 mesi fa su tio
Per avere più corse bisogna anche comprare nuovi bus e avere chi li guida. Ma ragazzi avete già provato tutti a vedere se c’è qualche genitore che può portarvi a scuola? O le mamme con i SUV guidano solo fino alle elementari e si aspetta sempre che siano gli altri a fare qualcosa?
Frankeat 10 mesi fa su tio
Bravi ragazzi!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-16 07:16:42 | 91.208.130.89