Dipartimento del territorio
CANTONE
08.10.2020 - 09:310

Linea FLP di collina: «Il mantenimento è fattibile, ma non giustificato»

Ecco il rapporto del Consiglio di Stato in vista della prima tappa del progetto Rete tram-treno del Luganese

Presentati due messaggi per lo studio di una linea bus e per la progettazione del percorso ciclabile Bioggio-Sorengo-Lugano

BELLINZONA - Con la realizzazione del tunnel tra la Piana del Vedeggio e il centro di Lugano per il tram-treno, il mantenimento del collegamento ferroviario di collina è tecnicamente possibile. Ma anche dal punto di vista finanziario risulta sproporzionato rispetto all'utenza trasportata e non giustificabile in rapporto ad altre situazioni in Ticino.

Sono queste le conclusioni a cui sono giunti gli esperti di economia dei trasporti e di infrastrutture di mobilità che il Consiglio di Stato aveva incaricato di effettuare una verifica sulla questione. Il 25 giugno 2019 il Parlamento ticinese aveva infatti chiesto di presentare un rapporto sull'opportunità, la fattibilità e i costi del mantenimento della tratta ferroviaria.

La prima tappa del progetto di Rete tram-treno del Luganese prevede, lo ricordiamo, la realizzazione del collegamento diretto in galleria tra la Piana del Vedeggio e Lugano Centro e di un collegamento tra Manno e Bioggio. Il finanziamento federale è assicurato, ma rimane subordinato alla contestuale dismissione della tratta di collina Bioggio-Sorengo-Lugano FFS. Contro lo smantellamento era stata presentata un'opposizione sottoscritta da tre associazioni.

Le verifiche degli esperti hanno permesso di confermare quanto segue:

Fattibilità: il mantenimento del collegamento ferroviario è tecnicamente fattibile.

Costi d'investimento: in base alla soluzione scelta, l’investimento varia tra 6 e 40 milioni di franchi.

Costi di gestione: a carico di Cantone e Comuni il mantenimento richiederebbe un impegno finanziario annuo supplementare di 3,3 milioni di franchi.

Opportunità: a fronte di minimi vantaggi, soprattutto locali, il mantenimento del servizio sulla tratta in questione risulta sproporzionato rispetto all’utenza trasportata e non giustificabile in rapporto ad altre situazioni in Ticino. L’opportunità del mantenimento non è dunque data per rapporto all'alternativa costituita dalla creazione di un performante servizio sostitutivo su gomma. A riprova di queste conclusioni, un recente sondaggio effettuato su un campione di più di 4’000 utenti FLP conferma che solo il 10% di essi sono fruitori della tratta di collina.

I risultati dello studio confermano dunque tutte le valutazioni già svolte in passato e sono in linea con i pareri espressi dall’Ufficio federale dei trasporti (UFT).

Alla luce dei risultati di queste ulteriori verifiche, il CdS ha licenziato la richiesta di due crediti di progettazione:

  • studio di dettaglio di una linea bus nel perimetro Agno-Sorengo-Lugano, che consentirà di garantire un adeguato servizio al comparto compreso tra Collina d’Oro, Muzzano e Sorengo migliorandone la capillarità rispetto all’attuale linea ferroviaria.
  • progettazione del percorso ciclabile Bioggio-Sorengo-Lugano, che grazie alle pendenze limitate offrirà un interessante collegamento di mobilità lenta tra le due parti dell’agglomerato.
Dipartimento del territorio
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-18 23:39:24 | 91.208.130.85