Ti Press/DT
Il vecchio e il nuovo
ULTIME NOTIZIE Ticino
COMANO
3 ore
Molestie all'ordine del giorno? La RSI non ci sta
L'azienda di Comano prende posizione a seguito delle dichiarazioni della presidente della sezione luganese del SSM
LAMONE
3 ore
Auto contro scooter a Lamone: un ferito
L'incidente si è verificato venerdì attorno alle 18 sulla strada principale, nelle vicinanze dell'ufficio postale
CANTONE
4 ore
Scuola a distanza: quali aiuti per i ragazzi più in difficoltà?
Ronald David e Marco Noi hanno inoltrato un'interpellanza al Municipio di Bellinzona
CANTONE
6 ore
Ecco dove potrebbe spuntare un radar
La polizia cantonale comunica i controlli previsti tra il 25 e il 31 gennaio 2021
CANTONE
6 ore
Pensioni dei consiglieri di Stato, non luogo a procedere
Per il pc Andrea Pagani non si ravvisa il reato di abuso di autorità
COMANO
7 ore
Le molestie in RSI si scontrano con un primo scoglio
La direzione vuole un pool di avvocati in maggioranza uomini. Il sindacato SSM: «Non possiamo accettarlo»
BELLINZONA
7 ore
Scuole elementari e Covid: «Ce la raccontate giusta?»
Interpellanza della Lega dei ticinesi, che segnala «una situazione impegnativa» nella zona Nord della capitale
BELLINZONA
8 ore
Al via le vaccinazioni: seicento 80enni in quattro giorni
La prima giornata si è svolta senza intoppi né ritardi
BELLINZONA
9 ore
Nuova direttrice operativa per Castellinaria
Cristiana Giaccardi è stata nominata dai vertici del Festival del cinema giovane
CANTONE
9 ore
Spese personali con i crediti Covid: due arresti
I due hanno percepito - fornendo, si sospetta, informazioni false - oltre un milione e mezzo di franchi
CANTONE
10 ore
Bus strapieni: il Cantone interviene (in parte)
Sono molte le richieste e le lamentele inoltrate al Dipartimento del territorio
CONFINE
12 ore
Sciopero dei treni in Italia, anche TILO
Coinvolte le linee TILO RE10, S10, S30 e S50 dalle 03.00 di domenica alle 02.00 di lunedì
FOTO
LOCARNO
12 ore
Ecco la prima vaccinata del Fevi
La campagna vaccinale anti-Covid è scattata ieri: la prima a ricevere il preparato è stata la signora Silene Fasnacht.
CANTONE
13 ore
«La scuola considera le paure delle famiglie?»
Interpellanza dell'MPS al Consiglio di Stato
CANTONE
13 ore
Chi guida non beve: oltre 600 persone sensibilizzate
La campagna lanciata da DI ha impegnato numerose pattuglie della polizia cantonale tra dicembre e gennaio.
CANTONE
28.11.2019 - 11:210
Aggiornamento : 15:02

«Smantellare la linea FLP di collina? Sarebbe un nuovo errore»

L’Associazione traffico e ambiente ha presentato le opportunità rappresentate dal mantenimento del tracciato

SORENGO - La galleria del tram-treno tra Bioggio e il centro di Lugano renderà superfluo l'attuale tracciato di collina delle Ferrovie luganesi (FLP). Il Cantone e la Confederazione puntano quindi allo smantellamento. Ma l'Associazione traffico e ambiente (ATA) non ci sta, e presenta uno studio a sostegno del mantenimento della linea (anche perché il Gran Consiglio ha chiesto di valutarne la fattibilità). «Una volta in Ticino si eliminavano le linee ferroviarie perché si diceva che il progresso era l’auto privata. E nonostante questo errore del passato, ora si vuole nuovamente smantellare una linea ferroviaria» ha detto Bruno Storni dell’ATA, stamani a Sorengo in un incontro con la stampa.

Non è un doppione - Cantone e Confederazione ritengono che con la messa in esercizio del futuro tunnel, il collegamento in questione sarebbe un «doppione»: la stazione FFS si raggiungerà infatti grazie a una prevista fermata sotterranea. Una fermata a cui - per lo studio - si potrebbe rinunciare, con un risparmio di almeno trenta milioni di franchi e senza perdere «degli evidenti» vantaggi di tempo. In questo modo le due linee (quella di collina e quella sotterranea) sarebbero complementari, in quanto avrebbero destinazioni diverse (stazione FFS e Lugano Centro).

Non sarà un ramo secco - Sulla linea di collina non si registrerebbe pertanto un calo dell'utenza. Ma se sarà integrata nel sistema tram-treno, manterrà una forte attrattiva. «I dati pronosticati dal Cantone mostrano infatti che che oltre la metà degli utenti del Piano del Vedeggio sono diretti alla stazione FFS di Lugano, e viceversa» ha spiegato Marco Sailer, ingegnere pianificatore della mobilità e uno degli autori dello studio. La proposta è quindi di organizzare il trasporto su tre linee (Ponte Tresa-Lugano Centro, Ponte Tresa-stazione FFS, Manno Suglio-Lugano Centro) che si interscambiano a Molinazzo, ha illustrato ancora Sailer.

Non costa di più - E non ci sarebbero spese supplementari. Per lo smantellamento della linea si parla di 5,6 milioni di franchi per togliere binari e traversine, e di 800'000 franchi annui supplementari per realizzare «una insoddisfacente e poco affidabile linea bus sostitutiva, dalla stazione FFS di Lugano ad Agno». Il mantenimento prevederebbe invece un investimento di 1,2 milioni di franchi per la realizzazione di un sottopassaggio tra la fermata FLP e la stazione FFS, oltre a 650’000 franchi all’anno per l’esercizio della linea.

Fermata Sant’Anna - Alla fermata sotterranea per servire la stazione FFS si dovrebbe pertanto rinunciare, secondo lo studio. Non soltanto per questione di costi, ma anche di sicurezza. Inoltre: «Passeggeri e ingegneri ritengono che se si può, è meglio evitare di costruire una fermata in caverna e scale mobili in cunicolo». Si auspica piuttosto la realizzazione di uno stop a Sant’Anna (subito all’uscita est del futuro tunnel), che permetterebbe anche di alleggerire la fermata di Lugano Centro. Non solo: da lì potrebbe anche partire una serie di scale mobili verso la stazione FFS.

L’interscambio di Cavezzolo - Lo studio propone inoltre di correggere l’interscambio di Cavezzolo, in territorio di Bioggio: l’attuale progetto «sminuzza il territorio rendendone difficile l’uso razionale». La variante intende conservare il tracciato attuale, situato più a sud. «Lo spostamento verso nord era stato previsto per permettere eventuali futuri ampliamenti della struttura aeroportuale» ha sottolineato Sailer.

Una petizione per il mantenimento - «Questa è un’opera importante di cui si discute da anni, ma senza la partecipazione dei cittadini». È quanto ha detto Carlo Lepori, presidente dei Cittadini per il territorio del Luganese, ricordando: «Il risultato della mancata partecipazione sono oltre cento ricorsi». E quelli senza interessi diretti «sono stati trattati con disprezzo dall’onorevole Claudio Zali». Lepori ha quindi sottolineato che i cittadini della collina si sentono «privati di un mezzo di trasporto moderno ed efficiente». Da qui il lancio di una petizione per il mantenimento del tracciato.

Come una S-Bahn - La proposta trova anche il sostegno della Società ticinese arte e natura (STAN): «A Zurigo la S-Bahn è diventata un elemento insostituibile, qui dobbiamo fare la stessa cosa» ha concluso Benedetto Antonini della STAN.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sedelin 1 anno fa su tio
lasciare la linea così com'é!
cf. 1 anno fa su tio
Se si tolgono i binari il bus costerà 800'000 fr/anno. Se si lascia il treno il costo è di 650’000 fr/anno. Ma allora perché voler smantellare la vecchia linea di collina?
Zico 1 anno fa su tio
@cf. perchè lasciarli costa troppo poco...
francox 1 anno fa su tio
Togliere un'infrastruttura di un simile trasporto pubblico in un cantone dove non ce ne sono a sufficienza, mi sembra una gran boiata. Non sarebbe meglio vedere come la gente userà le linee e decidere dopo?
Thor61 1 anno fa su tio
Pur di sprecare denaro pubblico tutto va bene? Lasciare le due linee sembra la soluzione migliore, ma forse qualcuno non avrebbe una tavola bella imbandita su cui MANGIARSI su, immagino che possiamo già dire: Buon Appetito??!

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-22 23:41:41 | 91.208.130.89