Tipress (archivio)
CANTONE
25.08.2020 - 19:010

Crediti Covid-19, una ventina le (presunte) truffe

Gli atti illeciti sono stati perpetrati soprattutto dagli imprenditori di piccole e medie imprese.

A segnalare le truffe sono state le banche.

BELLINZONA - Nel nostro cantone ci sarebbero state una ventina di truffe riguardanti i crediti Covid-19. Il numero totale delle imprese che hanno beneficiato del programma di aiuto all'economia svizzera varato dalla Confederazione è di 12'110, per un totale di prestiti concessi di 1.3 miliardi di franchi.

Le truffe - come anticipato dalla RSI - riguardano soprattutto le piccole e medie imprese, poiché esse non dovevano presentare praticamente nessuna garanzia per ottenere un credito pari al 10% della loro cifra d'affari. A portare a galla il problema sono state le banche che per legge sono obbligate a riferire di ogni movimento di denaro sospetto. Il Ministero pubblico per ora non si azzarda a stilare un identikit dei truffatori. Tra i sospettati, però, ci sono anche imprenditori ticinesi e il maltolto si aggira (in media) sui 50'000 franchi, metà del quale è già stato recuperato dalle autorità.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
lollo68 1 anno fa su tio
Hanno dato crediti ad occhi chiusi! Invece per i sussidi e le borse di studio non vengono considerate le spese che effettivamente una famiglia ha (Interessi ipotecari e spese professionali), ma il reddito è considerato totalmente compreso il valore locativo dell'abitazione! Risultato: niente vacanze per pagare gli abbonamenti annuali dei mezzi pubblici ai figli.
F/A-18 1 anno fa su tio
Certo che sporcarsi la fedina penale per una somma così ridicola vuol dire essere già conci bene. Comunque ne vedremo delle belle a partire da quest’inverno, quando verte ditte già malconce avranno esaurito i crediti e dovranno pianificare il rientro programmato mese per mese di quanto ricevuto, magari con la cassa già sotto zero. Li cominceranno una sfilza di fallimenti che metterà in crisi il nostro sistema. Spero solo non si pensi di aumentare le tasse a tutti, in caso affermativo sarà un bagno di sangue, aspettiamo il 2021 che per me sarà anche peggio del 2020.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-01 17:25:27 | 91.208.130.86