Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
«Più piste ciclabili e spazi per i più piccoli»
Lo chiede la Federazione Ticinese di Ciclismo, che si è riunita oggi in assemblea
CONFINE
1 ora
L'ultimo saluto a don Roberto: «Ha dato la vita per gli ultimi»
La messa in suffragio del sacerdote si è celebrata questa mattina a Como
FOTO
LUGANO
1 ora
Vernice? No, l'alga tossica
Immagini suggestive quelle inviate da un lettore.
CANTONE
6 ore
Pulire i fondali del Lago Maggiore? «Trovato letteralmente di tutto»
I sub dell'Associazione Delta Divers si sono impegnati nella pulizia dei fondali durante il Clean-up day 2020
LUGANO
15 ore
Esce di strada di fronte allo stadio
L'incidente è avvenuto questa sera in via Trevano. Illesi i tre occupanti del veicolo
CANTONE
16 ore
«In questa crisi la Svizzera ha mostrato la sua coesione»
Ignazio Cassis e Christian Vitta hanno ripercorso questa sera i punti salienti della pandemia.
LOCARNO
19 ore
«Vogliamo le bici sui bus»
I Verdi del Locarnese chiedono alle Fart di togliere il divieto
CANTONE
19 ore
Inchiesta Lega: spunta il nome di Tettamanti
I magistrati italiani indagano sui conti pro-Salvini. Ma dal Ticino arriva la smentita di Fidinam
RIAZZINO
19 ore
30 gradi, ma è già Natale
Nei negozi sono già comparsi i primi addobbi natalizi
LUGANO
21 ore
«Lugano perderà un bel po' di soldi»
Tre consiglieri comunali hanno stimato a 40 milioni il danno da Covid per quest'anno. E chiedono lumi
CANTONE
21 ore
«Il tempo per accudire i figli valga negli anni di servizio»
Un'iniziativa parlamentare chiede di non penalizzare le neo-mamme dell'amministrazione pubblica
CANTONE
13.08.2020 - 18:040
Aggiornamento : 14.08.2020 - 08:47

Effetto Covid: «I fallimenti diminuiti del 35%»

«Tale dato non deve trarre in inganno» avverte Fernando Piccirilli, capo della nuova Sezione esecuzione e fallimento

Le misure a sostegno dell'economia hanno finora scongiurato la temuta esplosione del debito e dei crac societari. Piccirilli: «In futuro, quando gli aiuti saranno esauriti, non è possibile escludere un aumento delle procedure fallimentari»

BELLINZONA - L’onda del debito scatenata dallo tsunami Covid fa paura, ma ad oggi non se ne vedono ancora gli effetti. Né se ne può misurare la forza. «Non si riscontra alcun aumento delle procedure esecutive, anzi sono diminuite - dice Fernando Piccirilli, da inizio agosto capo della neoistituita Sezione esecuzione e fallimento.

L'aumento atteso - Non è pertanto statisticamente significativa la settantina di pagine sul Foglio Ufficiale di ieri con l’elenco dei precetti inviati negli ultimi mesi. D’altra parte lo stesso calo delle procedure va pure preso con le pinze. «Tale dato - rileva il caposezione - non deve trarre in inganno, poiché molti creditori hanno sospeso l’invio delle domande di esecuzione a seguito dell’emergenza sanitaria. Di conseguenza nei prossimi mesi si assisterà ad un aumento delle procedure. È però prematuro dire se a fine anno saranno maggiori rispetto a quelle del 2019». Di sicuro la pandemia non ha sconvolto la geografia delle esecuzioni: «Tra le tipologia di credito - rileva Piccirilli - spiccano come sempre le imposte e i premi delle casse malati».

Meno fallimenti ma... - Una calma altrettanto artificiale si registra oggi sul fronte delle imprese costrette ad alzare bandiera bianca. «La pandemia non ha fatto aumentare per ora i fallimenti, che risultano nettamente diminuiti rispetto allo stesso periodo di un anno fa. Il calo sfiora il 35% - dice Silvio Bottegal, ufficiale dell’Ufficio dei fallimenti. «Gli effetti dell’onda pandemica - aggiunge - arriveranno ma ci vorrà più tempo. Stimiamo un anno a partire dal lockdown». A rallentare l’onda è l’iter stesso della procedura, che ha i suoi tempi, ma il numero dei fallimenti, sottolinea a sua volta il caposezione Piccirilli, «è influenzato oggi dalle misure introdotte dal Consiglio federale a sostegno dell’economia. In futuro, quando gli aiuti saranno esauriti non è possibile escludere un aumento delle procedure fallimentari».

Il monitoraggio costante - Quanto all’eventualità che il numero di casi sia tale da mettere in crisi gli uffici cantonali preposti, il caposezione conclude ricordando che «la Divisione della giustizia monitora costantemente l’attività degli uffici esecuzione e fallimento e, come avviene in altri settori di competenza, in caso di comprovata necessità, si procederà agli opportuni correttivi a livello di personale come pure di operatività».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Marta 1 mese fa su tio
l'assicurazione sanitaria dovrebbe essere statale al 100%....si risolverebbero tante cose
albertolupo 1 mese fa su tio
@Marta Non solo quello che dice Piccirilli. Probabilmente c’è anche stato un rallentamento di quelli che le ditte le mettono su per fallire subito.
F/A-18 1 mese fa su tio
Tutto succederà con l’inizio dell’anno nuovo, penso sarà un’ecatombe.
Equalizer 1 mese fa su tio
Piccirilli ha ragione, sarà come lo tsunami, prima si ritira il mare poi torna con l'onda alta, e vedrete che onda...
Rhodium 1 mese fa su tio
@Equalizer Concordo, adesso c'è la quiete prima della tempesta, e che tempesta, non solo per i fallimenti ma anche per le assicurazioni sociali.
Zarco 1 mese fa su tio
@Equalizer Concordo ! 2020 sarà ecatombe
miba 1 mese fa su tio
Dove sono finiti tutti quelli che, prendendo quale esempio la sanità disastrata della Lombardia, chiedevano a gran voce in coro la chiusura delle attività???
MrBlack 1 mese fa su tio
@miba Sai che durante il picco in primavera in Ticino avevamo più che raddoppiato i posti letto acuti, e malgrado questo eravamo arrivati al 100% di utilizzo? Sai che cosa sarebbe successo senza la chiusura delle attività? Per intenderci neppure io condivido la chiusura quasi totale, ma da come scrivi sembra che qui la situazione era come nel resto della Svizzera. Invece eravamo al limite e poco ci mancava per avere i problemi simili alla Lombardia. Non così disastrosi certo, ma si sarebbe dovuto scegliere anche qui a chi pur stando male si sarebbe dovuta chiudere la porta in faccia.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-19 15:17:52 | 91.208.130.86