tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
2 ore
«Caro Job Mentor, ti racconto come si diventa un fantasma»
Un ex impiegato di banca finito in assistenza spiega cosa dirà alla nuova figura chiamata ad aiutare gli over 50
FOTO
BELLINZONA
2 ore
La cagnolina finisce nel crepaccio, la salva la Spab
Avventura a lieto fine per una flat-gordon di sei anni mercoledì lungo il sentiero "Via dell'Acqua" in Val Morobbia.
CANTONE
4 ore
Radar un po' ovunque, ma soprattutto nel Luganese
L'elenco dei rilevamenti della velocità previsti dal 10 al 16 maggio
CANTONE
5 ore
Scollinando... a fine estate
La passeggiata tra gli undici Comuni della Collina nord di Lugano è stata posticipata al 29 agosto.
CANTONE
5 ore
Otto cantieri e 144 operai controllati
Vasta operazione di controllo nel Mendrisiotto: «Riscontrate due mancate notifiche».
VIDEO
BELLINZONA
5 ore
Branda nel fiume, Gianini sul Pizzo: parte il conto alla rovescia
Aria di ballottaggio nella Capitale. Il video di Tio/20Minuti tra la gente e con i due candidati, piuttosto golosi.
CANTONE
6 ore
Calcio regionale, il pallone si ferma definitivamente (ASF permettendo)
La FTC ha comunicato la propria intenzione di annullare i campionati degli attivi e dei seniori.
ORIGLIO
7 ore
Tutta la scuola Steiner in quarantena
Su circa 220 persone, fra allievi e docenti, sono già stati riscontrati 23 casi positivi.
BELLINZONA
7 ore
La pista itinerante fa tappa sul piazzale a lato dello Skateplaza
È stata posizionata oggi e resterà lì fino al 28 giugno.
CAPRIASCA
8 ore
Municipio di Capriasca: attribuiti i dicasteri
Andrea Pellegrinelli confermato Sindaco di quindina, Manuel Borla Vicesindaco.
FOTO E VIDEO
TENERO-CONTRA
9 ore
Una tradizione di famiglia che stappa un secolo di storia
Le Cantine Matasci di Tenero brindano ai primi 100 anni di vita. Un video ne ripercorre la storia.
MENDRISIO
10 ore
Spacciava e consumava droga, arrestato un 49enne
L'uomo è coinvolto anche nel soggiorno illegale di due donne albanesi arrestate in aprile a Melano
MEZZOVICO-VIRA
12 ore
Il Municipio di Mezzovico-Vira al via
I cinque membri dell'Esecutivo hanno giurato fedeltà alla Costituzione.
LUGANO
12 ore
«Non c'è motivo per proseguire con lo sgombero!»
L'associazione Aida ribatte al Municipio fermo nel voler sfrattare gli autogestiti dall'ex Macello
CANTONE
12 ore
In Ticino contagi e ospedalizzati calano ancora
Dall'inizio della pandemia il totale delle persone positive è 32'496, i decessi dovuti alla malattia sono 991.
CANTONE
12 ore
Accordo BancaStato-EFG concluso con successo
Riguarda il trasferimento alla Banca cantonale della clientela del settore “retail e commerciale” ticinese.
CANTONE
14 ore
Il mentore degli over 50 non convince tutti
Per il deputato Ppd Giorgio Fonio servono anche incentivi all'assunzione. Matteo Pronzini (Mps): «Una presa in giro».
CANTONE
16 ore
Vaccino nell'orario di lavoro, le aziende fanno le difficili
Per recarsi all'appuntamento è necessario prendere delle ore libere o, per chi può, fare uno scambio di turno.
FOTO
MENDRISIO
16 ore
L’osservatorio non c’è più: «La montagna ora è un po' più povera»
La smantellamento del telescopio aperto al pubblico più grande del Ticino è terminato. Verrà trasferito nel Canton Berna.
BOSCO GURIN
23 ore
Un (prestigioso) premio europeo per il Museo Walser
La struttura ha ricevuto il Meyvaert per l'impegno dimostrato nella sostenibilità sociale, economica e ambientale.
ORIGLIO
23 ore
Test a tappeto alla scuola Steiner
Negli scorsi giorni presso l'istituto di Origlio sono stati riscontrati diversi casi di coronavirus.
LUGANO
27.11.2019 - 18:200
Aggiornamento : 20:10

Il Cantone si compra il palazzo di EFG

Prezzo 80 milioni. Gli attuali inquilini traslocheranno fra tre anni

di Redazione

LUGANO - Shopping immobiliare tra pubblico e privato. Il Cantone ha raggiunto un accordo per acquistare il palazzo EFG, ex sede della BSI, in centro a Lugano. Nello stabile progettato da Mario Botta nel 1988 sorgerà il nuovo tribunale. 

Un accordo tra la banca e lo Stato è stato raggiunto per un prezzo d'acquisto di 80 milioni di franchi. L'istituto occuperà la sede attuale ancora per i prossimi tre anni, e poi la cederà al Cantone. 

6.44 milioni per ristrutturare - Il Consiglio di Stato, nella sua seduta di mercoledì 27 novembre 2019, ha approvato il messaggio con la richiesta di un credito di 80 milioni di franchi per l’acquisto dell’immobile ex Banca del Gottardo dell’arch. Mario Botta a Lugano di proprietà di EFG Bank SA, e di un credito di 6.44 milioni di franchi per la progettazione della relativa ristrutturazione e adeguamento logistico. Tale credito servirà pure per uno studio di fattibilità e per la progettazione degli spazi destinati alla sede provvisoria, necessaria al momento della ristrutturazione del Palazzo di giustizia di Lugano (PGL).

Un progetto a lungo termine - Il Consiglio di Stato ha anche definito l’assetto logistico e infrastrutturale del futuro delle Autorità inquirenti (Ministero pubblico, Magistratura dei minorenni, Polizia), delle Autorità giudiziarie (Tribunale d’appello, Pretura civile di Lugano, Tribunale d’espropriazione, Uffici del giudice dei provvedimenti coercitivi, Pretura penale e Consiglio della Magistratura), di altri servizi amministrativi cantonali (Servizio nuove entrate dell’Ufficio della migrazione, Ufficio dell’incasso e delle pene alternative), nonché di altri servizi amministrativi del Luganese (e qui si parla dell’Ufficio del registro fondiario, dell’Ufficio di esecuzione, dell’Autorità di prima istanza LAFE, dell’Ufficio dei fallimenti, dell’Ufficio dello Stato civile, della messaggeria e verosimilmente delle Autorità regionali di protezione). Alcune modifiche nell’occupazione e assegnazione degli spazi, segnala il messaggio, potrebbero intervenire in corso d’opera, anche perché l’arco temporale per completare questa importante ristrutturazione si sviluppa dal 2020 al 2032.

Un Polo per la Giustizia ticinese - Con questa decisione il Consiglio di Stato creerà a Lugano – nelle due sedi scelte, ossia nell’attuale Palazzo di giustizia completamente ristrutturato e nello stabile ex Banca del Gottardo – un polo per la Giustizia ticinese, trasferendovi anche le autorità di prima istanza penale, quando queste precedentemente erano previste a Bellinzona nel ristrutturando Pretorio. Ma a Bellinzona si rafforzerà la presenza del Tribunale penale federale, le cui esigenze di nuovi spazi legati all’istituzione di una Corte di Appello federale indipendente decisa dall’Assemblea federale il 17 marzo 2017 saranno soddisfatte con l’assegnazione di un intero piano nel futuro Pretorio, che ospiterà pure la Polizia cantonale (con Gendarmeria e Polizia giudiziaria), la Pretura civile di Bellinzona e le Strutture carcerarie cantonali con celle per la carcerazione preventiva.

Il valore dell’immobile - Il Consiglio di Stato sottolinea l’ottima collaborazione con i vertici di EFG Bank SA. Il Cantone, dopo aver valutato attentamente diverse alternative, ha individuato nello stabile costruito dall’arch. Mario Botta ed inaugurato nel 1988 la struttura potenzialmente migliore per dare alla Giustizia ticinese oltre che una sede di prestigio, anche un immobile rispondente a tutte le necessità di spazio. A questo punto EFG Bank SA si è dimostrata disponibile ad entrare in materia sulla vendita. Per stabilire il prezzo dello stabile, il Consiglio di Stato - attraverso la Sezione della logistica - ha fatto esperire dettagliate perizie, che hanno portato in ultima analisi a stabilire un valore di 80 milioni di franchi per un edificio definito in eccellente stato e composto da 6 piani fuori terra e da 3 piani interrati, suddiviso in 4 blocchi, per una superficie totale di 24’862 metri quadrati, di cui 9mila ad uso uffici, 3mila per l’autorimessa da 106 posti auto, 4'800 per archivi e 2mila per i servizi tecnici. Il 22 novembre scorso le due parti – CdS e EFG Bank SA – hanno firmato una lettera d’intenti che, riservate le competenze del Parlamento, stabilisce i termini dell’acquisto. In particolare EFG Bank potrà rimanere nello stabile per un periodo indicativo di 3 anni dal momento dell’acquisto.

Fasi del progetto, operatività e costi - Per garantire l’operatività della Magistratura ticinese nel corso di tutte le fasi di ristrutturazione, in particolare del Palazzo di giustizia di Lugano, è stata individuata una sede provvisoria nello stabile di via Bossi, che – debitamente ristrutturato per una spesa preventivata in 5 milioni di franchi – permetterà di far spazio a quei servizi, soprattutto il Ministero pubblico, che dovranno traslocare per i lavori al PGL. Gli uffici ospitati nell’edificio di via Bossi, ossia la Pretura civile di Lugano, il Tribunale delle espropriazioni e l’Ufficio del giudice dei provvedimenti coercitivi, entreranno invece nei nuovi spazi dell’ex Banca del Gottardo. Le varie fasi dei lavori si svilupperanno dal 2024, con la ristrutturazione dell’immobile progettato dall’architetto Botta, al 2032, quando il PGL sarà definitamente ristrutturato e consegnato al Ministero pubblico. Le uscite totali d’investimento per l’acquisto dell’ex Banca del Gottardo (80 milioni di franchi), per la sua ristrutturazione e adeguamento (55.9 milioni di franchi), per la ristrutturazione e adeguamento del Palazzo di giustizia di Lugano (83 milioni di franchi), nonché per l’adeguamento della sede provvisoria nello stabile di via Bossi (5 milioni di franchi) ammontano quindi a 223.95 milioni di franchi, che verranno investiti nel periodo 2020/2032. Al termine di un lungo iter, fatto di proposte, di analisi, di possibili soluzioni il Consiglio di Stato è convinto di presentare al Parlamento una proposta lungimirante, realistica e fattibile, che assicura alla Giustizia ticinese dei prossimi 50 anni spazi adeguati e soprattutto coerenti da un punto di vista della funzionalità del lavoro.

In allegato la tabella con l’occupazione futura degli spazi

Allegati
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pulp 1 anno fa su tio
Da un punto di vista finanziario é un'operazione decisamente interessante per il canton Ticino. Relativamente EFG, é chiaro che dopo i roboanti comunicati del post - acquisizione di BSI, piano piano si stà sforbiciando. Ne resterà una banca che punta ai clienti UHNWI (più di 10 milioni) e con un quarto degli impiegati dell'allora BSI.
Danny50 1 anno fa su tio
@pulp Altro effetto della rottamazione del segreto bancario senza nessuna contropartita. Presto a Lugano ci saranno solo uffici amministrativi statali, spazi SUPSI e USI. Grazie gufo in dorata pensione.
sedelin 1 anno fa su tio
bene!
comp61 1 anno fa su tio
un cantone di amministrativi e universita. Difatti siamo il meridione di questo paese…..
Libero pensatore 1 anno fa su tio
Non ho gli strumenti per dire se si tratti di un buon investimento o meno. In ogni caso mi viene il sospetto che EFG in Ticino vuole ridurre la presenza, e non poco.
Nmemo 1 anno fa su tio
Soldi ben spesi, investendo in uno stabile di prestigio.
Gus 1 anno fa su tio
80 milioni di sussidi a Lugano. Bravi leghisti! Purtroppo aumenterà ancora il traffico. Verdi, dove siete?
cle72 1 anno fa su tio
@Gus Cosa c'entra il traffico? Il tribunale e gli uffici sono già presenti in centro via Bossi e via Pretorio. Giusta scelta restare in centro. Al nuovo polo sportivo assurdo e lo spostamento avrebbe causato un sacco di chiusure di bar e locali in zona. Visto che sono frequentati sia al mattino che a pranzo e aperitivi la sera da tante persone che lavorano in questi uffici. Bene per la città.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-07 22:12:03 | 91.208.130.86