La Posta
ULTIME NOTIZIE Ticino
PARADISO
19 min
In piazza si celebra Bacco
BELLINZONA
1 ora
Acqua potabile, arrivano nuovi erogatori
BELLINZONA
1 ora
Anche il PS condanna il radar di Camorino: «Così si creano inutili attriti con la polizia»
LOCARNO
1 ora
Dibattito dei GLR sul clima per le elezioni federali
LUGANO
2 ore
La boxe maestra di vita: «Quando cadi ti devi rialzare subito»
LUGANO
2 ore
Premiati i vincitori del concorso Prix SVC
LUGANO
2 ore
Ca’ Rezzonico, Beltraminelli nel Consiglio di Fondazione
CANTONE
3 ore
Donne rappresentate equamente nelle liste elettorali, c’è la mozione
LUGANO
3 ore
Arriva il Lucerna a Cornaredo, previsti disagi al traffico
ASCONA
3 ore
Entriamo nella stanza di Adriano Celentano
BELLINZONA
4 ore
Via Ludovico il Moro riapre in entrambi i sensi
CANTONE / SVIZZERA
4 ore
Cittadinanza svizzera revocata, sarà ricorso
CHIASSO
4 ore
Dall’estate all’inverno, riapre la pista del ghiaccio
CANTONE
5 ore
Le vite degli italiani sotto lo sguardo dello Stato
CANTONE
6 ore
Radar a Camorino: «Nessuna distanza minima dal cartello?»
LUGANO
04.12.2018 - 15:410

Il drone del Civico ora vola anche con la pioggia

L’Ufficio federale dell’aviazione civile ha autorizzato il trasporto di campioni di laboratorio anche in caso di cattivo tempo

LUGANO - Da ormai oltre un anno, il drone della Posta vola tra i due ospedali di Lugano. A oggi ha trasportato 2100 volte campioni di laboratorio tra l’Ospedale Civico e l’Ospedale Italiano. E sempre più velocemente: se prima per il tragitto impiegava più di 5 minuti, oggi sono solo 2,47 minuti. «Il drone è entrato a far parte della nostra quotidianità», afferma Luca Jelmoni, direttore di entrambi gli ospedali, ricordando pure che si sta pensando di espandere questo servizio fino al laboratorio dell’Istituto cantonale di patologia di Locarno.

Quando pioveva si doveva però ripiegare su un taxi, mentre ora l’Ufficio federale dell’aviazione civile ha autorizzato il volo anche in caso di pioggia, perché il drone soddisfa tutti i requisiti in fatto di sicurezza.

Urs Holderegger dell’Ufficio federale dell’aviazione civile (UFAC) spiega perché si è resa necessaria un’autorizzazione speciale per fare volare il drone con cattive condizioni atmosferiche. «Un drone guidato da un pilota senza contatto visivo diretto, su un luogo popolato rappresenta un certo rischio sia per gli altri aeromobili sia per le persone e gli impianti a terra e necessita quindi di un’autorizzazione speciale dell’UFAC. Per eliminare tali rischi, l’UFAC ha sviluppato un processo di autorizzazione chiamato SORA. Questo approccio basato sul rischio valuta sia la tecnologica del drone sia il suo effettivo funzionamento e l’ambiente nel quale vola. In base al rischio, il gestore dovrà soddisfare ulteriori misure di sicurezza, per ottenere la necessaria autorizzazione».

1 anno fa In futuro droni in volo anche fino a Locarno?
2 anni fa Una prima Svizzera: il sangue arriverà in ospedale con i droni
2 anni fa Ecco all’opera il primo drone del Civico
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-19 13:19:11 | 91.208.130.87