Keystone (foto d'archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
23 min
In corsa per battere il record mondiale del Pi Greco
L'importante traguardo è stato raggiunto ieri dalla Scuola universitaria professionale dei Grigioni.
SVIZZERA
1 ora
Avvelenamenti: oltre la metà dei casi riguarda ragazzi e bambini
Lo scorso anno Tox Info Suisse ha ricevuto più di 37'300 chiamate in seguito all'esposizione a una sostanza tossica
ARGOVIA
1 ora
Sequestrati diversi chili di eroina e cocaina
Nel Canton Argovia sono stati arrestati tre cittadini albanesi in possesso delle sostanze stupefacenti
VAUD
1 ora
Sull'A1 tra insulti e botte. Arriva la condanna
Una dinamica poco chiara, ma un atteggiamento alla guida troppo pericoloso.
SVIZZERA
3 ore
In Svizzera 1'024 contagi e un decesso in ventiquattro ore
Su 17'530 test Covid effettuati, il 5,8% è risultato positivo
SAN GALLO
3 ore
Benzina al posto del diesel? E l'auto prende fuoco
Il mezzo è stato divorato dalle fiamme sull'autostrada A1 in territorio di Gossau, nel Canton San Gallo
SVIZZERA
3 ore
Più auto (il doppio), meno incidenti mortali (un quinto)
Gli incidenti mortali sono calati in modo netto dal 1980. Le auto sono più sicure di bici e moto, ma il treno batte tutti
SVIZZERA
3 ore
Pochi contagi tra i vaccinati
Si tratta dello 0,23% dei casi registrati in Svizzera dallo scorso 27 gennaio 2021
GRIGIONI
4 ore
È morta l'orsa Jambolina
Lo scorso dicembre l'animale era stato portato al parco di Arosa dall'Ucraina, dove si esibiva in un circo
SVIZZERA
5 ore
Ricoveri per covid cresciuti nell'ultima settimana
Il rapporto settimanale dell'UFSP mostra che sono saliti pure i contagi e i morti (che restano però a un livello basso).
BERNA
6 ore
Carica? No, brucia e folgora
Nuovo richiamo di un prodotto elettrico, si tratta di un caricabatteria portatile.
ZURIGO
7 ore
Mascherine e certificato anche nel 2022?
Mascherine fino al 2022 inoltrato e certificato Covid per ristoranti ed eventi al coperto.
SVIZZERA
10 ore
In molti lo temono, in pochi sono disposti a rinunciarci
Il 5G è un argomento sempre caldo, ma il popolo non sembra pronto a separarsi dalla tecnologia di cui fa uso ogni giorno
FRIBURGO
17 ore
Test PCR davanti a una telecamera
Friburgo sta valutando la possibilità di effettuare la procedura tramite videosorveglianza.
BERNA
18 ore
Quest'uomo fa entrare in casa sua solo persone non vaccinate
Solo inquilini "no vax" nell'appartamento di un bernese
NEUCHÂTEL
22 ore
Porta i soldi trovati in Polizia e in cambio non chiede (quasi) nulla
La Polizia neocastellana ha reso noto su Facebook il gesto «da sottolineare» di un cittadino.
SVIZZERA
13.06.2021 - 18:160
Aggiornamento : 19:03

Il popolo svizzero ha scelto la sicurezza

La Legge sulle misure di polizia contro il terrorismo ha incassato il 57% di voti a favore

La consigliera federale Karin-Keller Sutter: «Colmata una lacuna nella lotta al terrorismo».

BERNA - Più potere alla polizia nella caccia a potenziali terroristi: il popolo svizzero ha oggi approvato con il 56,6% dei voti una legge che rafforza sensibilmente l'arsenale di misure a disposizione delle autorità nei confronti di chi si sta radicalizzando, medita attentati o vuole raggiungere aree di conflitto. A favore si sono schierati 25 dei 26 cantoni.

L'esito finale è stato chiaro, anche se meno di quanto avrebbero potuto lasciar presagire i sondaggi delle ultime settimane, segnale forse di un consenso che si stava erodendo: i sì sono stati 1'811'765, i no 1'390'355.

Qualche differenza regionale
La geografia del voto ha mostrato diversi cantoni romandi, a partire dal Vallese (sì al 65,0%) più propensi ad accogliere l'oggetto, forse anche per la vicinanza con la Francia, teatro di diversi sanguinosi attentati a matrice islamista. Il sostegno più tiepido - è arrivato da Appenzello Interno (sì per un'inezia: 50,01%) e da altre realtà piccole. Solo Basilea Città ha respinto la legge: i favorevoli si sono fermati al 45,1%. La gran parte dei cantoni si è schierata nella fascia di un approvazione al 55-59%: in questo gruppo figurano anche il Ticino (57,3%) e i Grigioni (58,8%). La partecipazione si è attestata al 58,8%.

La legge federale sulle misure di polizia per la lotta al terrorismo (MPT) - questo il nome del quinto oggetto sottoposto oggi al popolo - ha raccolto numerose critiche ed è stata combattuta da due distinti comitati referendari. A far storcere il naso, anche a numerosi giuristi, è ad esempio la definizione molto vaga di terrorismo, che secondo taluni potrebbe arrivare a inglobare attività come la lotta per il clima, per i diritti delle donne o contro i vaccini Covid. È stato anche detto che le disposizioni violano i diritti dell'infanzia e mettono in pericolo i cittadini irreprensibili.

Consiglio federale e parlamento la vedono però in modo diverso: la normativa consente alle autorità di intervenire contro persone ritenute una minaccia terroristica molto prima che esse commettano reato. A questi oppositori dell'ordinamento dello stato - a partire dai 12 anni - può fra l'altro essere imposto l'obbligo di presentarsi presso un'autorità, oppure il divieto di avere contatti con persone che frequentano cerchie terroristiche, oppure ancora la proibizione di lasciare il paese o di entrare in determinate zone. Possono anche essere decisi (a partire dai 15 anni) arresti domiciliari.

L'origine nell'eco degli attentati in Europa
La legge è nata sulla scia di attacchi terroristici di matrice islamista avvenuti in varie città europee. La parola Islam non compare però nel libretto di votazioni inviato a ogni cittadino. Un testo che ha peraltro provocato anche un'enorme quantità di ricorsi, anche da parte di un gruppo di ex procuratori pubblici ticinesi. Viene ritenuta falsa l'asserzione secondo cui la polizia non potesse finora intervenire prima che una persona commettesse un reato, un appunto che è stato mosso anche contro quanto affermato dalla consigliera federale Karin Keller-Sutter, responsabile del dossier.

Il Partito pirata spera quindi ora nel Tribunale federale, presso cui sono pendenti 600 ricorsi, il numero maggiore mai registrato per un oggetto alle urne. Secondo la formazione politica la votazione deve essere ripetuta.

Di altro parere è invece Thierry Burkart (PLR/AG), membro del comitato a sostegno della nuova normativa: il popolo svizzero ha chiaramente mostrato di voler essere maggiormente protetto da atti terroristici e ora ci si aspetta che i contrari alla MPT accettino il responso delle urne. Tanto più che la Svizzera è certamente un obiettivo per i terroristi, come hanno dimostrato i due attacchi con coltello avvenuti l'anno scorso a Morges (VD) e a Lugano.

Dubbi costituzionali e precedenti
Va anche detto che il popolo ha già deciso in altre occasioni a favore di testi sulla cui costituzionalità erano stati sollevati dubbi: può essere fatto l'esempio dei minareti, del burka, dell'iniziativa popolare per l'espulsione degli stranieri che commettono reati o di quella per l'Internamento a vita per criminali sessuomani estremamente pericolosi. La novità è che le proposte citate arrivavano dal popolo, quella in esame invece da governo e parlamento. I Verdi hanno comunque già annunciato che presenteranno la settimana prossima in parlamento una proposta per definire meglio il concetto di terrorismo.

Karin Keller-Sutter: «Abbiamo colmato una lacuna»

La legge sul terrorismo approvata dal popolo colma una lacuna nella lotta in questo campo: lo ha affermato la consigliera federale Karin Keller-Sutter, prendendo posizione a nome del governo sulla votazione odierna. «La popolazione si aspetta sicurezza, ma anche che vengano rispettate le proprie libertà fondamentali», ha detto la responsabile del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) nella conferenza stampa al centro medio di Berna. «Nella legge ne viene tenuto conto, con le garanzie previste dallo stato di diritto, per esempio facendo valutare le misure da un giudice», ha aggiunto. Stando a Keller-Sutter le nuove disposizioni dovrebbero entrare in vigore nella prima parte del 2022.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 1 mese fa su tio
Si sono fatti infinocchiare 😡😡
ceresade36@gmail.com 1 mese fa su tio
Ecco cosi si fa 👌👍
Alessandro 69 1 mese fa su tio
Come al solito il popolo Svizzero si taglia i maroni con le sue stesse mani e adesso sia per la legge COVID e antiterrorismo possono fare come gli pare, un 👏 bravi
Gio58 1 mese fa su tio
I terroristi saranno mica dentro il Palazzo? Magari ora con questo post mi tiro addosso una tegola.
Ro 1 mese fa su tio
È l'unico risultato positivo.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-05 16:57:26 | 91.208.130.89