Depositphotos (VitalikRadko)
La crisi del coronavirus e lo spostamento delle preferenze della popolazione dai trasporti pubblici verso mezzi individuali stanno facendo la fortuna dei rivenditori di biciclette.
SVIZZERA
03.07.2020 - 16:090

Schizzano le vendite di biciclette: la domanda è stata «forte e inaspettata»

Le persone le usano non solo per divertimento, ma anche per gli spostamenti di lavoro

ZURIGO - La crisi del coronavirus e lo spostamento delle preferenze della popolazione dai trasporti pubblici verso mezzi individuali stanno facendo la fortuna dei rivenditori di biciclette. Da quando i negozi hanno riaperto, tale commercio ha registrato un'esplosione delle vendite.

«A maggio le cifre sono state tre volte superiori a quelle dell'anno precedente», rivela all'agenzia AWP Martin Platter di Velosuisse. L'elevata domanda sta addirittura causando una carenza di alcuni articoli. «Mountain bike, bici per bambini e city bike sono particolarmente richieste», aggiunge l'esperto.

La stessa tendenza si nota per le biciclette elettriche, ma i consumatori non disdegnano nemmeno modelli dell'anno scorso o usati. Stando a Platter «la maggior parte dei produttori ha ora termini di consegna che vanno dalle tre alle otto settimane».

Daniel Schärer, portavoce dell'associazione di categoria 2ruote Svizzera, evidenzia come il blocco della produzione in alcuni Paesi chiave può comportare lacune nelle forniture. A livello di pezzi di ricambio la situazione è ancora buona, ma in alcuni singoli casi ci possono essere colli di bottiglia o periodi di attesa, precisa Platter. In ogni caso, fa notare, la forza lavoro nelle fabbriche e nelle officine non può venire «aumentata a piacimento», in quanto permangono le regole igieniche e di distanziamento sociale.

Secondo Schärer «c'è stata una domanda forte e inaspettata per tutti i veicoli a due ruote». Anche se il settore vive sempre la sua stagione di punta fra aprile e giugno, si può dunque parlare «di un vero e proprio boom». «La gente ha bisogno della bicicletta per il suo tempo libero, ma anche per i tragitti verso il lavoro», mette in risalto lo stesso Schärer.

Questo boom si poteva già intuire in aprile, dato che molti chiedevano pneumatici o riparazioni di vecchie forcelle. Ciò dimostra che in tanti stavano già sistemando i vecchi rampichini, afferma Platter. La fine del momento magico non è dietro l'angolo: «Il mercato è lontano dalla saturazione e l'introduzione dell'obbligo di mascherine su treni e bus può dare un ulteriore impulso».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Duca72 2 mesi fa su tio
Pirati che diminuiscono inquinamento, traffico e fanno esercizio fisico . Pirati che rischiano la vita a causa di mancanza di piste ciclabili e per causa di automobilisti frettolosi. Io li chiamerei eroi !
seo56 2 mesi fa su tio
I veri pirati della strada
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-23 06:30:47 | 91.208.130.85