ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
4 min
Epidemia di femminicidi in Svizzera: «I numeri parlano da soli»
I casi registrati nel 2021 sono ormai saliti a 23, in crescita significativa rispetto allo scorso anno.
SVIZZERA
6 min
Migranti maltrattati: «Siamo intervenuti»
Sospesi 14 addetti alla sicurezza dei centri per richiedenti asilo. Ma per la Sem «sono casi circoscritti»
LUCERNA
1 ora
La navigazione sul Lago dei Quattro Cantoni fatica a riprendersi
L'estate 2021 si è chiusa con un +30% rispetto al 2020. Ma risulta ancora in flessione nel confronto con il pre-crisi
SAN GALLO
1 ora
Uccide la figlia e si toglie la vita
Un 54enne e una dodicenne sono stati trovati morti in un'abitazione di Rapperswil-Jona
SVIZZERA
2 ore
«Le accuse di tortura sono false e ingiustificate»
Secondo un'indagine esterna, i diritti dei richiedenti l'asilo nei centri federali vengono generalmente rispettati.
FOTO
BERNA
3 ore
«Un brivido mi scorre lungo la schiena»
Nella notte due bambini sono morti a Leuzigen a causa di un incendio.
SVIZZERA
3 ore
Nel weekend meno di 800 casi al giorno
Sono stati effettuati 63'205 tamponi. Il 3,7% è risultato positivo al coronavirus
SVIZZERA
4 ore
Pass o no? Sciatori nella nebbia
Certificato sì o no? Berna non ha ancora deciso. E gli operatori sciistici si infervorano
GRIGIONI
5 ore
Incidente a catena in autostrada
Coinvolte nello scontro due automobili e un camion.
SAN GALLO
5 ore
«Il Consiglio federale ha tradito il paese»
Sotto la lente delle autorità le affermazioni che un granconsigliere UDC svittese ha fatto sabato a Rapperswil-Jona
SVIZZERA
5 ore
Più clienti stranieri, vola il turismo settembrino
L'incremento è da addurre in gran parte ai pernottamenti da oltre confine.
GLARONA
7 ore
Omicidio di Netstal, il 27enne ha confessato
L'uomo si era consegnato alla polizia già ieri. Avrebbe ucciso una 30enne sparandole in un parcheggio.
ZURIGO
23.12.2011 - 07:260
Aggiornamento : 24.11.2014 - 09:27

"Chi ha mandato in coma mio figlio? Dieci anni di silenzi, è una vergogna"

Nel 2002 il piccolo Luca Mongelli fu trovato massacrato di botte sulle nevi del Vallese. Diedero la colpa a un cane. Papà Nicola torna alla carica: "Voglio la verità, gli svizzeri ci aiutino"

ZURIGO – Tre mesi e mezzo di coma. Poi una lunga risalita verso la normalità. Oggi Luca Mongelli è un ragazzo di 17 anni. È cieco, vive su una sedia a rotelle, ma nonostante questo frequenta con ottimi risultati il liceo classico di Giovinazzo, in provincia di Bari. La sera del 7 febbraio 2002 lo trovarono gonfio di botte, praticamente nudo, tra le gelide nevi di Veysonnaz, piccola località turistica del Vallese dove il padre Nicola aveva un ristorante. Gli inquirenti diedero la colpa a un cane, il caso venne chiuso in maniera sbrigativa. Ma ora papà Nicola vuole la verità: “Tra un mese saranno passati dieci anni, scatta la prescrizione. Oltre un anno fa ho chiesto di riaprire il caso, ma qualcuno sta temporeggiando volontariamente. C’è chi non vuole più parlare di questa storia, è una vergogna”.

Il fratellino - Era il classico bambino straniero emarginato, Luca. In Vallese ci abitava da qualche tempo. Da quando cioè papà Nicola, oggi responsabile di una prestigiosa catena di ristoranti in Svizzera, aveva aperto un locale proprio a Veysonnaz. Con loro mamma Tina e il fratellino Marco, di 3 anni più giovane. Proprio Marco agli inquirenti aveva raccontato di avere visto Luca mentre veniva aggredito e picchiato da altri tre ragazzi. “Evidentemente la testimonianza di un bambino così piccolo non poteva essere presa in considerazione”, ironizza Nicola Mongelli. Poi altri dettagli inquietanti. I vestiti di Luca vennero trovati piegati nella neve. Nessun segno di strappo. E sul suo corpo nessun morso. Solo grossi lividi. A pagare per tutti però fu Rocky, il cane di famiglia, soppresso qualche giorno dopo. “Perché secondo gli inquirenti un cane sarebbe capace di svestire un bambino accuratamente per poi massacrarlo senza morderlo. Non ho parole…”   

Costretto a mangiare le formiche - Infine c’è il racconto dello stesso Luca, che ricorda le persecuzioni, le prese in giro da parte dei suoi compagni di scuola. “Gli facevano mangiare le formiche. Lo pedinavano. Gliene facevano di tutti i colori”. Ma a Luca nessuno crede. “Perché non è più in grado di ragionare, sostengono. Strano però che uno con il cervello tanto devastato riesca a ottenere voti così alti in quarta liceo. Questo non lo considerano, ovvio”.

Razzismo - Forse c’è una brutta storia di razzismo dietro il caso di Luca Mongelli. “Possibile che i soccorritori, quelli cioè che hanno trovato il corpo di Luca, non siano mai stati interrogati? Sono stati fatti degli errori enormi in questa indagine. Solo che gli inquirenti non vogliono ammetterlo. Forse perché alcuni erano volontari, non lo so. Non so più cosa pensare. So solo che non c’è la voglia di trovare la verità”. Il silenzio, l’omertà. A Veysonnaz, 600 abitanti, probabilmente qualcuno sa e tace. “È assurdo, ma da un certo punto di vista si può comprendere il modo con cui è stata insabbiata questa vicenda. Veysonnaz è una stazione sciistica. Eravamo in piena alta stagione. La notizia di un'aggressione a uno straniero da parte dei ragazzi del posto avrebbe creato uno scandalo. Meglio evitare. Meglio inventarsi una versione dei fatti pazzesca. In fondo quel bambino era solo un italiano”.

Il calore dei vallesani - Oggi Nicola fa la spola tra Zurigo e Giovinazzo, dove nel frattempo la sua famiglia è rientrata. “Abbiamo vissuto anni da incubo. Luca ha dovuto fare decine di operazioni. E la strada è ancora lunga”. Nel frattempo il popolo vallesano si è schierato simbolicamente a fianco della famiglia Mongelli, firmando una petizione per riaprire il caso. Non solo: anche la stampa locale in tutti questi anni ha sempre dubitato che ci fosse qualcosa di non chiaro in tutta questa storia. “Sono dettagli che ci danno la forza di andare avanti. Noi non molleremo. Vogliamo che chi ha ridotto nostro figlio in questo stato paghi per ciò che ha fatto”.


Patrick Mancini

Il sito di Luca

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-18 17:03:22 | 91.208.130.87