Cerca e trova immobili

UNIONE EUROPEAAlain Berset ce l'ha fatta

25.06.24 - 19:03
L'ex consigliere federale è stato nominato nuovo segretario generale del Consiglio d'Europa. È il primo svizzero
keystone-sda.ch (ANTHONY ANEX)
Fonte Ats ans
Alain Berset ce l'ha fatta
L'ex consigliere federale è stato nominato nuovo segretario generale del Consiglio d'Europa. È il primo svizzero

STRASBURGO - L'ex consigliere federale Alain Berset è stato eletto nuovo segretario generale del Consiglio d'Europa dall'Assemblea parlamentare. Ha ricevuto il maggior numero di voti nel secondo turno di votazioni svoltosi questa sera a Strasburgo.

ll socialista friburghese 52enne, che partiva come favorito, ha avuto la meglio sull'ex ministro della Cultura estone Indrek Saar e sul belga Didier Reynders, che ha ricoperto diversi incarichi ministeriali ed è attualmente Commissario europeo.

Berset ha ricevuto 114 voti, contro gli 85 di Saar e i 46 di Reynders (1 scheda non valida), come annunciato dal presidente dell'Assemblea parlamentare Theodoros Rousopoulos. Il candidato svizzero era già giunto in testa al primo turno.

Il segretario generale è responsabile della pianificazione strategica e della conduzione delle attività e del bilancio del Consiglio d'Europa. Dirige e rappresenta l'Organizzazione. Oltre a questo redige un rapporto annuale sullo stato della democrazia, dei diritti umani e dello Stato di diritto. Dal 2019 questa posizione è ricoperta dalla croata Marija Pejčinović Buri.

Il passaggio di consegne è previsto per il 18 settembre e Alain Berset sarà il primo svizzero a ricoprire questa carica.

Dichiarazione - Nella sua prima dichiarazione dopo l'elezione, il friburghese ha dichiarato di voler istituire un'unità operativa composta da membri dell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa, del Comitato dei ministri e del segretariato generale del Consiglio.

La task force, che si riunirà regolarmente, discuterà e preparerà proposte di azione del Consiglio d'Europa sul tema della guerra in Ucraina. Berset ha sottolineato la necessità di mettere in atto «meccanismi di compensazione», menzionando anche la questione dei finanziamenti e dei tribunali speciali.

A suo avviso, «la parte più difficile arriva adesso». Ha chiesto «impegni al più alto livello da parte di tutti gli Stati membri» a sostegno dell'Ucraina e ha sottolineato l'importanza che questo arrivi anche Paesi di altri continenti.

Tra le altre questioni che intende affrontare, il deputato friburghese ha menzionato l'erosione della democrazia e la lotta alla disinformazione.

Congratulazioni - Con Alain Berset, «una delle figure di spicco della politica svizzera guiderà una delle istituzioni più importanti dell'integrazione europea», ha scritto il PS in un comunicato stampa. È un onore e un obbligo per la Svizzera che Berset, in quanto ex presidente della Confederazione, possa ricoprire questa carica.

Anche i Verdi si sono congratulati con il 52enne friburghese per la sua elezione. Sul portale online X hanno inoltre aggiunto: «la democrazia e i diritti umani sono sotto pressione da parte dei movimenti populisti autoritari e di destra in tutta Europa». Tra gli altri auguri, la consigliera nazionale, Elisabeth Schneider-Schneiter (Centro/BL), e la sua collega Céline Weber (Verdi liberali/VD).

Il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), che fa capo a Cassis, ha dichiarato che il Consiglio d'Europa, di cui la Svizzera è membro dal 1963, è la più importante organizzazione per la tutela dei diritti umani e la promozione della democrazia e dello Stato di diritto in Europa. Dalla sua fondazione nel 1949, il Consiglio d'Europa ha creato uno spazio giuridico comune nei suoi 46 Stati membri, basato sulla Convenzione europea dei diritti dell'uomo (CEDU).

L'Esecutivo del canton Friburgo, dal canto suo, augura al neoletto, che vive a Belfaux (FR), «ogni successo nell'adempimento della sua nuova e impegnativa missione al servizio dell'Europa». Ha poi ribadito quanto espresso da altri: «grazie alla sua esperienza in Confederazione, Alain Berset porta con sé una solida esperienza su come lavorare per la missione di promuovere la democrazia e proteggere i diritti umani e lo Stato di diritto in Europa». L'autorità del cantone bilingue ha poi aggiunto che questi sono «temi che stanno a cuore a Friburgo, che vi contribuisce concretamente, in particolare attraverso le attività dell'Istituto del federalismo della sua università».

A nome del Consiglio federale, anche la presidente della Confederazione Viola Amherd su X si è complimentata con Berset, affermando: «con questa elezione, la Svizzera riafferma il suo impegno per i diritti umani, la democrazia e lo Stato di diritto». Pure la collega di partito di Berset, la consigliera federale Elisabeth Baume-Schneider, si è congratulata individualmente con lui su X.

Svizzera - Interrogato sulla Svizzera, ha affermato che il Consiglio d'Europa è un'istituzione molto importante per il continente e per la Confederazione, la quale è un membro "orgoglioso e impegnato" del Consiglio d'Europa, proprio come gli altri 45 Stati che ne fanno parte, ha sottolineato.

Alain Berset gestirà circa 1'800 persone e sarà responsabile di un bilancio annuale di circa 625 milioni di euro. Lavorerà a stretto contatto con la Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) e, naturalmente, con l'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE