Cerca e trova immobili

SVIZZERAAbusi sessuali, dopo le accuse il ricovero

14.09.23 - 13:18
Operato d'urgenza il vescovo Charles Morerod. Ma la colpa è di una caduta in bici.
Reuters
Abusi sessuali, dopo le accuse il ricovero
Operato d'urgenza il vescovo Charles Morerod. Ma la colpa è di una caduta in bici.

LOSANNA - Non è il polverone riguardante i casi di abusi sessuali emersi nella Chiesa cattolica in Svizzera ad aver avuto un ruolo nel ricovero del vescovo di Losanna, Ginevra e Friburgo Charles Morerod. L'uomo di fede, stando alla sua diocesi, è finito in ospedale ieri e ha dovuto subire un intervento chirurgico d'urgenza. Ma in seguito a una caduta in bicicletta, è stato precisato in seguito dopo speculazioni su un possibile collegamento tra le accuse e un eventuale malore.  L'incidente, avvenuto qualche mese prima, aveva provocato due ematomi subdurali. L'intervento, viene fatto sapere, è andato bene. 

Solo nelle scorse ore, accusato di non essere intervenuto dopo aver ricevuto denunce di casi di abusi sessuali, il vescovo non aveva escluso le dimissioni. «Se constatassi di aver fatto grossi errori sarebbe meglio lasciare», aveva affermato in un'intervista.

Riguardo allo studio dell'Università di Zurigo sugli abusi sessuali nella Chiesa cattolica in Svizzera pubblicato due giorni fa, in cui i ricercatori hanno censito oltre 1000 casi dagli anni '50 e parlato di molti altri non denunciati con tanto di distruzione di documenti, Morerod si era detto non sorpreso «né dalla portata del fenomeno, né dai metodi utilizzati per insabbiare le vicende».

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

rexlex 9 mesi fa su tio
che quanto successo "spaventi" la Chiesa e la diocesi di Lugano lo credo bene: complicità e occultamento sistematico delle prove... perché non si tratta solo dell'agire di un singolo, ma di una rete di individui che si sono coperti le spalle vicendevolmente ad ogni livello. - che questo "sconcerti" lo credo ben poco visto la prassi adottata fin qui e le voci di corridoio in circolazione da decenni... - ogni volta che viene fatta un'indagine seria all'interno della Chiesa si scoprono nefandezze di ogni genere, vedi ora Svizzera, ma anche Irlanda, Italia, ecc. - Quello che mi colpisce maggiormente è l'incoerenza / antitesi tra il loro predicare e il loro operare. E che la gente si riconosca ancora in queste istituzioni. Una cosa è certa: il celibato è contro natura e come è stato introdotto a suo tempo (concilio) è giunto il tempo di toglierlo! (come hanno fatto i riformati, e mi sembra abbiano meno problemi di questo tipo) inoltre leggo che la chiesa ha imposto l'anonimato sullo studio e non è possibile quindi indagare e riconoscere i responsabili che nel frattempo sono deceduti o che per esser protetti sono stati spostati dalla Chiesa stessa in altre nazioni... (alleluie Chiesa santissima ahaha) questo la dice lunga sulla vera intenzione di fare luce sui fatti e di fare giustizia da parte del clero: che schifo

Geremia 9 mesi fa su tio
Io penso che tutto ciò che emerge da anni della chiesa sta dimostrando che lo spirito santo è decisamente altrove. Prendere i sacramenti da preti con le mani macchiate di “sangue” non ha nessun valore. Non raccontiamoci storie, la Chiesa è morta da tempo. Si può essere cristiani e vivere la fede senza di essa. La fede è credere nella presenza di Gesù cristo nel presente e contare sulla sua partecipazione alla propria vita. La chiesa può essere servita nei secoli passati ma ora basta.

Elisa_S 9 mesi fa su tio
I preti e altre figure che rappresentano la chiesa e predicano parole di fede e giustizia...se commettono atti simili non sono colpevoli, sono Doppiamente colpevoli e fanno puniti con un metro di giudizio più severo. E chi li copre colpevoli pure loro.

chivas 9 mesi fa su tio
Negli anni 70 frequentavo il collegio Maria Hilf a Svitto, Vi erano alcuni preti laici che allungavano le mani di notte nei dormitori. A uno ho dato una zoccolata sul naso ed il giorno dopo raccontava a tutti che era caduto dalle scale. Lo affrontato e gli ho detto che la sua "chiesa" non gli permetteva di raccontare bugie. Da quel momento non girava più per i dormitori.

Voilà 9 mesi fa su tio
Fino ad alcuni anni fa la chiesa non si poneva il problema, insabbiamento e cambio di parrocchia. Da alcuni anni il comportamento della chiesa nel perseguire questi casi sarebbe dovuto cambiare, ma le vecchie abitudini sono difficili a morire. Gli insabbiatori potranno ancora essere perseguiti o il reato è prescritto?

Marta 9 mesi fa su tio
L'accusa è grave e va processato e se risulta colpevole va punito nella giusta misura

vulpus 9 mesi fa su tio
Evidentemente non è facile affrontare questa situazione da nessuna delle parti. In particolare si spinge su cose che sono succedute anche tanto tempo fa a ai quali purtropponon è più possibile rimediare. Chi è stato colpito ne porta le conseguenze. E ancor più in questi giorni, dove si torna a parlarne con giudizio o anche solo platealmente, per le vittime che non hanno mai parlato e mai parleranno è una tortura immensa. Ma quello che invece è basilare è provvedere nell'immediato a porre rimedio, a eliminare tutte quelle situazioni evidenti o ancora soltanto apparenti.Solo così la fiducia tra le persone potrà ricrearsi.

Luielei 9 mesi fa su tio
Credo che ognuno di noi sia libero di credere e di avere fede in quello che meglio crede. Senza per forza andare in Chiesa. Lasciamoli soli questi lupi travestiti da agnelli …

Kelt 9 mesi fa su tio
Professano i "veri valori" che piacciono a tanti. Giudicano di continuo ogni cosa "deviata". screditano dal pulpito libertà che non vogliono (ma che loro si prendono nel peggiore dei modi), parlando di mondo alla rovescia e così violano quanto di più innocente possa esserci Il perché è sotto gli occhi di tutti. Che schifo e che miseria pastori di anime...

Koblet69 9 mesi fa su tio
Troppo comodo scusarsi o dimettersi, non basta. Punizione severa alla stregua di tutti gli altri nn religiosi!!!!

Vivianda 9 mesi fa su tio
Risposta a Koblet69
Concordo…una persona normale sarebbe in prigione per meno

rosi 9 mesi fa su tio
troppa omertà, troppo silenzio, troppa miopia da parte della Chiesa, da parte dei parrocchiani. Non serve ora scandalizzarsi, bisogna aprire, aprire, aprire gli occhi. Molti atteggiamenti che possono apparire amichevoli, di gentilezza nascondono ben altro. Penso che la Chiesa dovrebbe rivedere a fondo le motivazione che inducono dei giovani ad entrare in seminario. Attenti anche alle varie società che si occupano di giovani, le pecore nere ci sono ovunque. Anche negli ambienti del buddismo chissà quante situazioni pesanti ci sono, vedi il comportamento del Dalai Lama di qualche tempo fa. Ho sempre dei forti dubbi su questi gruppi chiusi, anche suore, ecc. Ci sono degli ottimi preti, delle ottime suore che fanno molto per la comunità ma ci sono anche situazioni difficili.

Rosa 9 mesi fa su tio
detto questo, sia chi abusa che chi insabbia, devono essere puniti molto severamente. Nessuno sconto!!

Rosa 9 mesi fa su tio
Le chiese sono sempre più vuote per tanti motivi. Ma se io voglio andare in chiesa, ci vado pur consapevole delle enormi sofferenze causate da certi elementi. Altrimenti sarebbe come se, perchè ho subito abusi da un maestro, non vado più a scuola, e men che meno, ci mando i miei figli

UnaVoceFuoriDalCoro 9 mesi fa su tio
Risposta a Rosa
È normale, l'oggetto della nostra fede non sono i preti ma Gesù Cristo, chi va in chiesa ci va non perchè il prete è bravo, ma per incontre Gesù attraverso i sacramenti, che sono sempre validi anche se alcuni ministri sono assolutamente indegni. Purtroppo abbiamo tanti lupi travestiti da agnelli, che causano danni devastanti e vergogna anche ai danni di preti buoni e meritevoli

G 9 mesi fa su tio
Risposta a Rosa
Una grande bella scuola 😬

gigipippa 9 mesi fa su tio
Risposta a UnaVoceFuoriDalCoro
Diciamo, che nel caso della scuola è il maestro che non può più metterci piede, contrariamente nella chiesa vige l`omertà e l` occultamento delle prove. I sacramenti sono delle vere e proprie manipolazioni, in primis la confessione.

Vivianda 9 mesi fa su tio
Risposta a UnaVoceFuoriDalCoro
La chiesa come istituzione dovrebbe essere considerata criminale. Da decenni ci sono scandali di abusi ma non solo. Questo non solo in Svizzera ma ovunque…Se una persona fede perchè deve andare in chiesa? Gesu non la ascolta se prega da casa?

Kelt 9 mesi fa su tio
Risposta a UnaVoceFuoriDalCoro
Sei luterano e non lo sai. La dottrina cattolica prevede che l'unico intermediario tra il fedele e le scritture sia un prete consacrato. Ogni tentativo personale d'interpretazione è eretico. Tu, dicono, non puoi giudicare un prete (infatti non venivano nemmeno giudicati dai tribunali civili) e la chiesa è la voce di Dio in terra...giusto per essere precisi E ringraziamo che c'è Papa Francesco altrimenti avremmo ancora insabbiamenti.

Rosa 9 mesi fa su tio
Risposta a Vivianda
viviana, se consideri l'istituzione Chiesa come criminale, allora purtroppo bisogna considerare anche l'istituzione famiglia come criminale. O non sai quanti terribili abusi fisici e psichici ci sono in tante famiglie?E nelle associazioni sportive, ricreative ecc? Purtroppo il male si insinua dappertutto.

rexlex 9 mesi fa su tio
Risposta a Vivianda
certo! ma è chiaro che la Chiesa in quanto a istituzione è nata e si è formata nel corso dei secoli come strumento di controllo delle masse. E quando le masse era povere ed analfabete il gioco era facile....

Vivianda 9 mesi fa su tio
Risposta a Rosa
La chiesa ha tropo potere. Ho voluto dare a mio figlio la scelta se seguire o meno i corsi di religione. É stato escluso perché non pago la tassa alla chiesa. Io non sono praticante e la tassa mi costava oltre 2000.- all‘anno. Il fatto che a mio figlio non diano la possibilità di scelta dimostrandosi gli importa. Sinceramente a ognuno la libertà di fede, ma la fede non dev‘essere per forza legata a un’istituzione

Tomino 9 mesi fa su tio
Risposta a gigipippa
Bisogna anche dire che la confessione c è solo nella chiesa cattolica, altre realtà religiose cristiane non la prevedono. Comunque hai ragione

curiuus 9 mesi fa su tio
Dal 1950 ad oggi, ossia in un periodo di 73 anni, i casi "scoperti" sono 1'002 ! Ma qualche bontempone crede davvero a questa cifra ? Delle porcherie successe se ne parla da tanti anni, ma nessuno ha mai mosso un dito, men che meno il clero. Forse anche per questi motivi le chiese sono sempre più vuote... medita chiesa, medita.

Busca 9 mesi fa su tio
Di abusi se ne parla da decenni anche in Ticino. Tutte la volte la Chiesa ha ammesso solo ciò che non poteva più negare. Anche in questo caso l’ammissione è giunta solo quando è stato chiaro che lo studio dell’Università di Zurigo avrebbe scoperchiato uno scandalo lungo 50 anni. Spero solo che tutti, indipendentemente dal “grado” ricoperto nella chiesa, paghino anche penalmente (codice civile e non diritto canonico). Ed evitiamo la manfrina prodotta da alcuni vescovi (vedi Grampa) alcuni anni orsono che, scoperti, si sono semplicemente cosparsi il capo di cenere chiedendo perdono per le loro manchevolezze ma senza assumersi nessuna responsabilità.

Nikko 9 mesi fa su tio
Risposta a Busca
Infatti, ieri il CDT ha pubblicato un articolo di Grampa con citazioni dal vangelo, ulteriori svicolamenti, contorsionismi patetici, dimenticando il suo famoso “niet” espresso a suo tempo, in modo particolarmente autoritario, alla giustizia ufficiale…

rexlex 9 mesi fa su tio
Risposta a Busca
purtroppo sì dice nell'articolo di 2 giorni fa (chiuso ai commenti), che le diocesi hanno autorizzato l'apertura degli archivi imponendo però l'obbligo dell'anonimato. questo fatto la dice lunga sulla reale intenzione della Chiesa cattolica di fare davvero luce sugli abusi

Trionfx 9 mesi fa su tio
Bye bye.. E tanti saluti..

Lukas82 9 mesi fa su tio
Spero nn si salvi

Luigi Bianchi 9 mesi fa su tio
Risposta a Lukas82
bhe, davanti a Dio, dovrà vedersela lui.

G 9 mesi fa su tio
Risposta a Luigi Bianchi
👍
NOTIZIE PIÙ LETTE