NEUCHÂTELLa madre dei due gemelli rapiti voleva «avvicinarsi» all'Onu

20.10.22 - 08:35
La donna è fuggita in Svizzera con i due bambini. E ha presentato il suo caso al Comitato per i diritti del fanciullo
20 Minutes
La madre dei due gemelli rapiti voleva «avvicinarsi» all'Onu
La donna è fuggita in Svizzera con i due bambini. E ha presentato il suo caso al Comitato per i diritti del fanciullo

NEUCHÂTEL - I lunghi tempi della giustizia nel suo paese avrebbero spinto Ines*, la madre dei gemelli spagnoli rapiti venerdì scorso a La Chaux-de-Fonds (e nel frattempo tornati a casa), a rifugiarsi in Svizzera. E uno dei fattori più importanti per questa decisione risiede nella presenza delle Nazioni Unite a Ginevra.

Infatti, come per una ventina di suoi connazionali che si trovano in una situazione simile, Ines* si è rivolta al Comitato per i diritti del fanciullo per ottenere una sentenza sul funzionamento del sistema giudiziario spagnolo. E, con i genitori, si è trasferita nel nostro paese per seguire da vicino l'evoluzione del caso.

Sebbene due rapporti della polizia avessero indicato un elevato rischio per la donna di subire violenze da parte del padre dei bambini, il tribunale di Pozuelo aveva concesso a quest'ultimo la possibilità di trascorrere molto tempo con i figli. Ines si è però opposta a questa decisione e ha lasciato la Spagna. «Doveva scegliere se consegnare i suoi figli a un potenziale aggressore o fuggire con loro», spiega il suo avvocato Olivier Peter.

Il paese iberico, sulla carta, ha una legislazione all'avanguardia nella lotta contro la violenza domestica. In particolare in virtù del programma VioGèn, che consente di prevenire i rischi corsi dalle vittime. Tuttavia, nella pratica, il sistema giudiziario spagnolo è stato criticato da diversi organismi internazionali per la riluttanza dei suoi giudici ad applicare la legge.

*Nome fittizio

NOTIZIE PIÙ LETTE