Immobili
Veicoli

LUCERNAHanno fatto esplodere un altro bancomat

21.12.21 - 07:12
La deflagrazione è avvenuta questa notte alla stazione ferroviaria di Lucerna.
Polizia canton Lucerna
Hanno fatto esplodere un altro bancomat
La deflagrazione è avvenuta questa notte alla stazione ferroviaria di Lucerna.
Un imponente dispositivo di ricerca è stato messo in atto per trovare i quattro malviventi che hanno attuato il colpo. La stazione è rimasta chiusa al traffico ferroviario fino alle 7.

LUCERNA - Quattro persone hanno fatto saltare in aria la notte scorsa il bancomat presente nella stazione ferroviaria di Lucerna.

I malviventi hanno fatto esplodere il bancomat posto nei pressi dei binari 14 e 15, si sono impadroniti del bottino - al momento la somma rubata non è stata precisata - e hanno fatto perdere le loro tracce scappando a bordo di due scooter nella notte lucernese. Poco prima della fuga i quattro uomini hanno avuto una colluttazione con due dipendenti di una società di vigilanza. A seguito della rissa uno di loro ha riportato una ferita a una spalla ed è stato trasportato in ospedale da un'ambulanza.

L'allarme, come precisato da un portavoce della polizia cantonale di Lucerna era scattato attorno alle 3.11, ma l'imponente dispositivo di ricerca dei fuggitivi, messo in atto subito dopo la fuga dei quattro, non ha finora dato l'esito sperato. A causa della sospetta presenza di esplosivi, sul luogo della deflagrazione sono intervenuti anche gli specialisti dell'istituto forense di Zurigo.

I danni materiali provocati dall'esplosione sono importanti. Dopo che la stazione centrale era stata chiusa, Il traffico ferroviario ha potuto riprendere poco dopo le 07:00, a eccezione di quello sui binari 14 e 15.

Ennesimo caso - I bancomat vengono presi di mira spesso in Svizzera. Solo una settimana fa, a Novazzano ne è stato fatto saltare in aria uno. Alla fine di novembre, ignoti ne avevano fatto esplodere un altro a Vordemwald (AG), mentre in ottobre erano invece saltati in aria due bancomat a Oberwil (BL) e a Morgins (VS).

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA