Depositphotos (AntonMatyukha)
Un jihadista vodese è stato condannato a Parigi a 15 anni di reclusione.
VAUD / FRANCIA
15.01.2021 - 19:320

Jihadista vodese condannato a 15 anni

Il 31enne è stato riconosciuto colpevole di aver reclutato uomini disposti a commettere attacchi in Francia e Svizzera

FRANCIA - La Corte d'assise speciale di Parigi ha condannato oggi un vodese accusato di terrorismo a 15 anni di carcere.

Il 31enne è stato riconosciuto colpevole in particolare di aver reclutato, tramite un sistema di messaggistica criptata, un gruppo di uomini che intendevano prepararsi a commettere attacchi in Francia e in Svizzera.

Il tribunale ha inoltre imposto al cittadino svizzero d'origine bosniaca, domiciliato a Yverdon-les-Bains (VD), un divieto a vita di entrata in territorio francese. La sentenza è in linea con le richieste dell'accusa. Altri sei imputati sono stati condannati a pene comprese tra i tre anni e mezzo e i dodici anni di reclusione.

Per il tribunale il 31enne ha creato un'associazione criminale con l'obiettivo di attuare attentati, di preparare partenze per la Siria e di diffondere propaganda jihadista. Per la corte, l'associazione era un "incubatore" di progetti terroristici e non solo un luogo di discussione, come ha invano sostenuto la difesa.

Quest'ultima ha indicato che le dichiarazioni dell'imputato erano senz'altro molto violente, ma che egli non aveva mai avuto l'intenzione di passare dalle parole ai fatti.

L'uomo era stato arrestato tre anni fa mentre si recava in Francia. Durante questa operazione antiterrorismo franco-svizzera, resa nota dalla radiotelevisione romanda RTS, altre persone erano state fermate nella regione parigina e nel Dipartimento delle Alpi marittime.

Per mesi i sette radicalizzati hanno discusso di attacchi terroristici e di come realizzare tali progetti servendosi di un sistema di messaggistica criptata. Il vodese vi ha espresso le sue riflessioni su modalità e obiettivi di attentati, vi ha selezionato le persone più determinate a portare a termine gli attacchi, ha assegnato i ruoli e si è offerto di fornire armi.

Allo stesso tempo, sempre secondo l'accusa, è stato violento con la moglie e i vicini, ha imparato a sparare e a testare esplosivi. Martedì davanti al tribunale, lo svizzero ha espresso il suo rammarico e chiesto ai giudici di "dargli una possibilità".


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-02-26 11:07:18 | 91.208.130.87