tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
TURGOVIA
7 ore
A 77 anni in carcere per non pagare la multa
Una donna turgoviese si è presentata ieri davanti alla prigione di Frauenfeld per espiare la sua pena.
SVIZZERA
8 ore
Vinto il jackpot di Euromillions più alto di sempre
Sette persone hanno invece portato a casa 700mila franchi a testa.
SVIZZERA
12 ore
Cassis ha firmato la Carta umanitaria del clima
La Svizzera, il primo Paese donatore a farlo, lancia così un segnale al resto del mondo.
SVIZZERA
12 ore
L'UDC rimane saldamente il primo partito svizzero
Segue il PS, che ha alle calcagna PLR, Alleanza del Centro e Verdi, secondo l'ultimo Barometro elettorale della SSR
SVIZZERA
12 ore
«Perso il 28% del fatturato a causa del certificato»
Lo rileva un sondaggio condotto da GastroSuisse dopo l’introduzione dell’obbligo.
FOTO
ZUGO
14 ore
Violento frontale, due automobiliste all'ospedale
L'incidente è avvenuto nel primo pomeriggio di oggi sulla cantonale tra Baar e Neuheim.
ZURIGO
14 ore
Affare Paulsen, il tribunale dà ragione a TX Group
I giudici hanno respinto oggi la denuncia del miliardario svedese che si riteneva vittima di una campagna diffamatoria.
FOTO
SVIZZERA
15 ore
Un'altra mascherina ritirata dal mercato
Il prodotto avrebbe dimostrato «scarsa efficacia protettiva» e potrebbe pure «risultare dannosa per la salute».
SVIZZERA
16 ore
Vaccinazioni: 8'757 casi con effetti collaterali
Si tratta all'incirca di otto casi ogni 10'000 inoculazioni effettuate nel nostro Paese.
SVIZZERA
16 ore
Prima visita ufficiale di un presidente della Georgia
Salome Zourabichvili è stata ricevuta oggi da Guy Parmelin e Ignazio Cassis
SVIZZERA
17 ore
Si resta sotto i mille contagi
Si contano anche 22 nuovi ricoveri. Sempre di meno i pazienti Covid-19 in cure intense.
SVIZZERA
17 ore
Legge Covid-19 «discriminatoria e arbitraria»
I democentristi invitano il popolo a respingere il testo che andrà in votazione il prossimo 28 novembre.
FRIBURGO
18 ore
Friburgo mette in stand-by il voto elettronico
Il progetto è stato bloccato a causa della sua «complessità» dal punto di vista tecnico e amministrativo.
SVIZZERA
26.11.2020 - 23:000

Abusi sui crediti Covid: sotto la lente più di un miliardo di franchi

Il Controllo federale delle finanze ha trasmesso alla SECO 4'646 garanzie per ulteriori approfondimenti

Secondo l'ultimo rapporto annuale del CDF, i reati legati alla concessione dei crediti Covid sono più che quintuplicati rispetto al report precedente.

BERNA - I reati in relazione alla concessione di crediti Covid sono più che quintuplicati rispetto al precedente rapporto del Controllo federale delle finanze (CDF). Le infrazioni più frequenti riguardano il pagamento di dividendi e le importanti discrepanze tra il fatturato dichiarato e quello effettivo.

Delle 136'434 garanzie concesse il CDF dichiara, nel suo quarto e ultimo rapporto annuale pubblicato oggi, di averne esaminate 133'053 per un valore superiore ai 16,4 miliardi di franchi. Di queste garanzie, ne ha trasmesse alla Segreteria di Stato dell'economia 4'646 per ulteriori approfondimenti pari a un valore di 1,2 miliardi. All'epoca del suo precedente rapporto, il CDF aveva esaminato 115'300 crediti denunciando 859 casi di abuso, per un valore globale di 217 milioni.

L'incremento di quasi 4'000 casi non riguarda solo i 18'000 dossier supplementari esaminati. «Una società può benissimo non pagare dividendi durante l'esame precedente, per poi farlo nel periodo intercorso tra le due relazioni, diventando così un caso di abuso», ha dichiarato il direttore del CDF, Michel Huissoud, a Keystone-ATS.

Contemporaneamente, il CDF ha rilevato anche le prime inadempienze in materia di crediti. In data 28 ottobre, tuttavia, erano già stati rimborsati circa 2'900 prestiti, per un volume di circa 576 milioni.

Nel settore delle indennità di perdita di guadagno COVID-19, al 25 ottobre erano stati versati circa 2 miliardi. La quasi totalità di questa somma riguarda i lavoratori indipendenti che hanno dovuto cessare la loro attività o che costituiscono casi di rigore in seguito ai provvedimenti adottati dalle autorità per arginare la pandemia di coronavirus.

«Nessun abuso sistematico» - Non vi è alcuna indicazione di errori o abusi sistematici nel milione di dati forniti dalle 84 casse di compensazione. Finora il CDF ha trasmesso 540 casi all'Ufficio federale delle assicurazioni sociali per verifica.

Sostegno alla cultura - Nel settore della cultura, al 26 ottobre il CDF ha ricevuto 14'800 domande per un volume richiesto di 552 milioni di franchi. Circa l'85% dei casi è stato trattato: sono state emesse circa 8'800 decisioni favorevoli per un importo complessivo di 131 milioni. Dall'inizio di agosto sono state presentate circa 3'800 domande, per un totale di 157 milioni.

Secondo il CDF, i Cantoni trattano le richieste di aiuto in maniera adeguata. Il parere si basa sull'esame di 17 domande individuali di imprese culturali che hanno chiesto un risarcimento per perdite finanziarie superiori al milione.

Spese e forniture mediche - Come già constatato, l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha effettuato finora pochi acquisti. A metà ottobre aveva speso appena 2,9 milioni. L'UFSP assicura l'accesso ai vaccini contro il coronavirus e negozia l'acquisto di dosi presso i produttori i cui preparati risultano promettenti. Dei 300 milioni disponibili a tale scopo, 260 milioni sono già stati usati per tali trattative.

A metà ottobre la Farmacia dell'esercito aveva passato ordinativi per 571 milioni. Una somma ben lungi dall'esaurire il credito di 2,55 miliardi attribuito e basato sull'ordinanza COVID-19.

L'equivalente di oltre 16,2 milioni di franchi in prodotti è stato consegnato e fatturato a grossisti e grandi distributori, che hanno già pagato. Dal canto loro, dal mese di agosto i Cantoni si sono visti fatturate merci per un valore di 14,4 milioni, di cui 8,1 milioni non erano ancora stati pagati al 22 ottobre. Gli arretrati riguardano principalmente le fatture emesse durante il mese di settembre.

Aviazione e sport - Nel settore della navigazione aerea, Swiss e Edelweiss possono fare affidamento sul sostegno pubblico. A fine ottobre i crediti sollecitati da queste società ammontavano a 140 milioni. Entro il 30 di settembre, l'Ufficio federale delle comunicazioni aveva versato circa 40 milioni dei 57,5 milioni previsti per il sostegno immediato e temporaneo ai media.

Nel settore dello sport sono state presentate 204 domande di contributi a fondo perso per un totale di 11 milioni, di cui 3,2 milioni sono già stati versati. Sette prestiti per un totale di 9,3 milioni sono stati chiesti dallo sport professionistico.

Il CDF ha deciso di proseguire le analisi dei dati nel 2021 per le indennità per perdita di guadagno COVID-19, le indennità per lavoro ridotto e le fideiussioni solidali.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Cane93 10 mesi fa su tio
Quante ditte conosco che erano sull’orlo del fallimento e con questa storia dei crediti sono riusciti a non fallire! Facevano lavorare gli l’operai al 100% e in tanto dichiaravano che erano a casa. Così guadagna il doppia
matrix61 10 mesi fa su tio
Troppi ladri vi troveremo
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-16 06:47:02 | 91.208.130.89