Keystone
GINEVRA
17.05.2018 - 11:000

Viaggio di Maudet ad Abu Dhabi, a pagarlo fu un imprenditore libanese

Il consigliere di Stato ginevrino ha ammesso di essere «stato imprudente». Nei suoi confronti è stato avviato un procedimento per accettazione di vantaggi

GINEVRA - Il consigliere di Stato ginevrino Pierre Maudet ha ammesso di non aver pagato di tasca propria il viaggio ad Abu Dhabi nel novembre 2015. La fattura è stata saldata da un imprenditore libanese, che fungeva da contatto in loco dell'organizzatore del viaggio.

«Sono stato sicuramente imprudente», ammette Maudet in un'intervista pubblicata oggi da diversi giornali. Il pacchetto, che comprendeva il volo, l'albergo e i posti per il Gran Premio di Formula 1, era pagato. Una pratica che il consigliere di Stato giudica problematica, visto che «di principio finanzio sempre i miei spostamenti privati», ha detto. Dopo aver controllato il prezzo su un sito di viaggi, ha versato la somma corrispondente, vale a dire 4'000 franchi, alla Chiesa protestante di Ginevra (2000 franchi) e alla Chiesa cattolica (2000 franchi).

«Non ho avuto l'impressione che le prenotazioni fossero state fatte in qualità di consigliere di Stato», ha aggiunto Maudet. L'imprenditore libanese è una conoscenza di un amico di Pierre Maudet, Antoine Daher, che ha organizzato il viaggio per una cerchia di amici.

Maudet ha assicurato che non conosceva la persona che ha pagato e che non c'è stata nessuna contropartita. Ha discusso con il principe degli Emirati arabi uniti, che aveva conosciuto qualche mese prima nel corso di un viaggio ufficiale.

Il consigliere di Stato e il direttore del suo gabinetto sono sotto inchiesta a Ginevra. La giustizia ha infatti avviato un procedimento per accettazione di vantaggi, ma - ha precisato il Ministero pubblico - entrambi hanno lo statuto di persone «chiamate a fornire informazioni, poiché lo stato attuale del procedimento non permette di fondare il sospetto che sia stata commessa un'infrazione penale».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Danny50 3 anni fa su tio
In buona salsa francese, il corrotto si proclama svizzero e ambisce a diventare consigliere federale. Questa é l’attuale svizzera, che ha fabbricato svizzeri del genere.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-07 16:31:54 | 91.208.130.89