archivio TiPress
ITALIA
15.05.2017 - 18:300

Denaro destinato ai migranti riciclato in Svizzera

Al centro del traffico di capitali un prete che sfruttava un contatto con una persona residente nella Confederazione

BERNA - Parte dei soldi destinati all'accoglienza dei migranti ospiti del Cara di Isola Capo Rizzuto, in Calabria, sarebbero finiti nelle banche svizzere attraverso una persona residente nella Confederazione. È quanto ipotizzano gli inquirenti nell'ambito dell'inchiesta "Jonny" che oggi ha portato al fermo di 68 persone. Un traffico di capitali che avrebbe al centro il prete don Edoardo Scordio.

Secondo quanto si legge nel provvedimento di fermo emesso dalla Direzione distrettuale antimafia (Dda), il parroco avrebbe avuto «la capacità di riciclare il danaro in Svizzera per il tramite di un fratello ivi dimorante».

Uno dei collaboratori di giustizia ha sostenuto di aver saputo che «dalla Misericordia sono "usciti" molti capitali per contanti che sono stati consegnati al fratello del prete, che a sua volta li ha depositati in conti svizzeri».

Il sacerdote sarebbe riuscito a ottenere da esponenti delle forze dell'ordine notizie sulle indagini in corso. Nelle intercettazioni avvenute in una barberia emerge come don Scordio «non solo ha ricevuto da parte di sicuri 'infedeli' operatori di polizia giudiziaria l'informazione che il locale era monitorato ma ha addirittura preteso, da parte di qualche carabiniere, l'ostensione delle registrazioni per catechizzare i dipendenti e/o i collaboratori della Misericordia che sparlavano di lui».


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-21 19:35:55 | 91.208.130.86