Cerca e trova immobili

SVIZZERACentri commerciali, in crescita vendite e visitatori

19.06.24 - 14:14
Dei 195 templi dello shopping esistenti, sono quelli di piccole dimensioni ad aver maggior successo
Deposit
Fonte Ats-awp
Centri commerciali, in crescita vendite e visitatori
Dei 195 templi dello shopping esistenti, sono quelli di piccole dimensioni ad aver maggior successo

ZURIGO - Il settore dei centri commerciali svizzeri ha registrato un aumento delle vendite e della frequenza dei visitatori nel 2023. Inoltre, in questi "

I numeri - A fine dicembre, in Svizzera si contavano 195 centri commerciali, compresi quelli presenti nelle stazioni ferroviarie e negli aeroporti. Secondo un'indagine condotta dall'associazione di categoria Swiss Council of Shopping Places (SCSP), a cui hanno partecipato 27 grandi magazzini, l'anno scorso 17 di essi hanno aumentato il proprio fatturato. Dal canto loro, sei centri commerciali sono riusciti a mantenere il proprio giro d'affari allo stesso livello dell'anno precedente. Quattro hanno invece registrato un calo delle vendite.

Successo - Sono stati segnatamente i centri più piccoli e quelli più grandi ad aver avuto particolare successo, stando ai dati forniti oggi dalla SCSP. Quasi tre quarti dei "piccoli" centri commerciali, con superfici di vendita comprese tra 5'000 e 10'000 metri quadrati, hanno aumentato le vendite. Anche quelli più grandi, con spazi superiori ai 25'000 m2, hanno registrato una crescita.

Meno bene centri di medie dimensioni.- Dal canto loro, i centri di medie dimensioni, con una superficie di vendita compresa tra 10'000 e 25'000 m2, hanno incontrato le maggiori difficoltà: tutti i centri che hanno registrato un calo del fatturato appartengono a questa categoria.

Visitatori - Nella maggior parte dei centri commerciali (17) si è inoltre assistito a un aumento dei visitatori. Otto hanno visto il numero di visitatori rimanere al livello dell'anno precedente, mentre due hanno perso clienti.

Cambio affittuari - Sempre secondo l'SCSP, negli ultimi anni, 25 dei 27 centri presi in considerazione hanno subito cambiamenti "significativi" di affittuari. In totale, gli inquilini sono cambiati 120 volte. I cambi di locatari sono stati particolarmente frequenti nei centri con la superficie maggiore. Secondo l'indagine, i cambiamenti di affittuari dimostrano che i centri commerciali non sono più richiesti solo per i tipici punti vendita. Infatti, in tali centri i clienti non vogliono solo acquistare scarpe da ginnastica, passata di pomodoro e romanzi gialli, ma anche mangiare, andare dal medico, farsi fare le unghie e riparare il cellulare.

Analisi - Secondo l'SCSP, i nuovi ingressi e le nuove locazioni nei centri commerciali concernono "principalmente i settori dei servizi alla persona, della salute, del benessere e dei beni di consumo quotidiano". I rami più frequentati nei grandi magazzini sono la moda, la bellezza, i cosmetici, lo sport, la medicina, la gastronomia, le telecomunicazioni e l'alimentazione uomini e animali.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE